Nona settimana di gravidanza

Nella nona settimana di gravidanza è normale sentirsi stanche, con il naso chiuso o il seno dolorante, con le emozioni difficili da controllare. Tutto da copione!

Mentre tu ti senti giustamente diversa per tutto quello che è successo dentro di te nelle ultime settimane,  la maggior parte delle persone non si è ancora accorta di nulla. Potresti notare un po’ di gonfiore, ma non c’è ancora nessun pancione.  Potresti avere un seno leggermente più gonfio, ma probabilmente ci vorranno un altro paio di settimane prima che tu ti veda effettivamente incinta.

Ti stai mettendo davanti allo specchio per notare qualche cambiamento? Fa tutto parte del gioco e del legame con il tuo bambino, vedrai che nel giro di qualche settimana il cambiamento sarà evidentissimo! Immortala con le foto i cambiamenti del pancione con gli adesivi della gravidanza, sarà bello vedere come cambia nel tempo.

Scheda della 9ª settimana di gravidanza

Età gestazionale da 8+0 a 8+6
Lunghezza del feto 1.3-1.8 cm (tabella misure del feto)

Il video della 9ª settimana


Come cambia il tuo corpo

Far crescere un bambino dentro di sé è un compito impegnativo. Sentirsi stanche è uno dei primi sintomi della gravidanza. Approfitta dei momenti di pausa per riposarti e recuperare le forze.

I seni si stanno ingrandendo e possono essere doloranti. Il consiglio è quello di indossare reggiseni comodi ma che reggano bene il peso.

Potrebbe capitare di avere vertigini o svenimenti. In questi casi assicurati di camminare sempre vicino a sostegni come ringhiere e non passare bruscamente da una posizione all’altra (ad esempio, da seduta in piedi, da sdraiato a seduta, ecc) per ridurre la possibilità di cali di pressione.

Naso chiuso

È possibile avere il naso chiuso e talvolta sanguinante. Anche questo è normale in gravidanza. La congestione nasale e l’epistassi (perdita di sangue) sono abbastanza comuni durante la gestazione. Un rimedio che si può provare soprattutto in inverno quando il riscaldamento secca l’aria della stanza, è usare un vaporizzatore o umidificatore nelle stanze in cui si soggiorna.

Alla nona settimana potrai avvertire dei crampi uterini, che non devono preoccuparti, a meno che non siano accompagnati da forte dolore e sangue.

Probabilmente hai la lacrima facile e ti emozioni per qualsiasi cosa. Tutta colpa degli ormoni!

Fisicamente potrebbe non notarsi nessuna differenza evidente (seno a parte). La pancia ancora non si vede anche se potrebbe essere arrivato il momento di fare un buchino in più sulla cintura.

9 settimane di gravidanza

Come cresce l’embrione

Feto a 9 settimane di gravidanza

 

Gli organi riproduttivi sono diventati testicoli per i maschi e ovaie per le femmine ma non sono ancora riconoscibili tramite l’ecografia.

Si stanno formando i follicoli piliferi e i capezzoli.

Continuano i movimenti muscolari di riflesso, le dita delle manie dei piedi si stanno separando, può iniziare a tirare pugni e a portarsi il pollice alla bocca per succhiarselo. Si sono formate le valvole cardiache, la retina e diventa visibile la punta del naso. Gli organi principali sono in continuo sviluppo.

Si sono formate anche le palpebre ma resteranno chiuse fino alla 28a settimana di gravidanza.

Il sangue inizia a circolare attraverso il cordone ombelicale tra l’embrione e le membrane attaccate all’utero e la placenta inizia a svolgere la sua funzione. Produce anche estrogeni e progesterone che regolano la maggior parte dei cambiamenti che avvengono durante la gravidanza.

Prima  che la placenta cominci a funzionare a pieno regime tutto ciò che serve alla crescita dell’embrione viene secreto dalle ghiandole del rivestimento uterino.

Per il papà

Se la tua compagna si mette a piangere al centro commerciale (o in qualsiasi altro posto) e apparentemente senza motivo, non preoccuparti: è normale! Sono gli effetti degli ormoni della gravidanza, gli stessi che la rendono certe volte incredibilmente irritabile.

Porta pazienza tra un po’ inizierà a sentirsi meglio e gli sbalzi di umore si placheranno.

Nella tua testa probabilmente frullano molte domande. In particolare se stai per diventare papà per la prima volta.

  • Sarò un buon padre? Riuscirò ad educare mio figlio nel modo migliore?
  • Vorrei non commettere gli errori dei miei genitori! Ci riuscirò?
  • Come farò a dedicarmi al bambino se ho anche il lavoro, le passioni e gli amici?

È prematuro cercare delle risposte in questo momento e soprattutto un figlio è per sempre, quindi ci sarà modo di sperimentare, imparare, cambiare con lui mano a mano che crescerà.

Consigli

È giunto il momento di comunicare la notizia al tuo datore di lavoro e pensare se il posto dove lavori è sicuro e sano per te e il bambino. Il tipo di mansione, i prodotti utilizzati o l’ambiente stesso potrebbero non essere pienamente compatibili con la gravidanza, informati dal tuo ginecologo.

Al lavoro puoi chiedere una mansione differente

Tra i tuoi diritti c’è quello di essere assegnata ad una mansione differente, se necessario, discutine con il datore di lavoro.

Se hai in famiglia una predisposizione alle vene varicose, visto l’aumentato apporto di sangue in circolazione, evita di abusare del sale nei condimenti, fa lunghe passeggiate per attivare la circolazione e scegli sport come la piscina.

Chiedi alla tua ostetrica di insegnarti i massaggi linfodrenanti e quei piccoli esercizi per attivare la circolazione delle gambe e favorire la risalita del sangue venoso.

Alcune mamme soffrono di stipsi, in questo caso segui una dieta ricca di fibre e esegui esercizi regolarmente.

Hai mai sentito parlare del pavimento pelvico?È’ un insieme di muscoli collegati al bacino che sorreggono gli organi interni. Non usiamo mai questi muscoli consciamente, ma sono molto importanti sopratutto nel post-gravidanza. Pensa che esistono esercizi appositi per rinforzare il pavimento pelvico, chiamati esercizi di Kegel. Chiedi alla tua ostetrica di insegnarti a identificarli o frequenta un corso insieme ad altre gestanti.

Controlli da fare

Fissate un appuntamento con il dentista: la gravidanza può avere degli effetti negativi sulla salute dei denti, aumenta il numero di carie e gengiviti.

Lavate spesso i denti, è consigliabile farlo 20 minuti dopo ogni pasto, non prima. Usate un dentifricio senza fluoro e usate il filo interdentale.

Se avete più di 35 anni o avete dei precedenti familiari di malattie genetiche, potete pensare alla scelta di effettuare dei test che devono essere eseguiti tra la 9° e la 12° settimana, per individuare anomalie cromosomiche e disturbi genetici.

Esami da effettuare

Clicca qui per vedere gli esami da fare entro la 14° settimana

Informazioni utili

Tutte le settimane di gravidanza

Testi in collaborazione con Ostetrica Sara Notarantonio, disegni di Alessia Bosa.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!