Come prepararsi al parto nelle ultime settimane

Come ci si può preparare al parto nelle ultime settimane di gravidanza? Ecco una piccola guida con alcuni suggerimenti da seguire per arrivare al parto preparate ed affrontarlo in modo più tranquillo.

Quando si pronuncia la parola “parto” alle donne in gravidanza  queste di solito si suddividono in due gruppi principali. C’è chi preferisce non pensarci fino al momento che avverrà, e chi invece sceglie di preparasi fisicamente e mentalmente al grande evento, per cercare di tenere tutto sotto controllo ma anche per viverlo nel modo migliore possibile.

Io facevo parte della via di mezzo, ci pensavo  ma non fino all’ossessione e al contempo cercavo di informarmi su cose fosse meglio fare anche grazie a libri letti e ai corsi preparto seguiti con le ostetriche.

Cosa fare a 34 settimane

La preparazione e i tempi che le potete dedicare dipendono molto dal fatto se siete in maternità o continuerete a lavorare fino al parto. Se lavorate dovrete programmarvi il più possibile per ritagliarvi lo spazio necessario alla preparazione. Se lavorate e cominciate a sentire tanta stanchezza valutate la possibilità di potervi fermare prima per dedicarvi il giusto tempo.

  • Pendete la vostra agenda della gravidanza e fate una lista di tutto quello che dovete fare prima del parto.
  • Prendetevi il lusso di andare a letto presto alcune sere per mettere in pratica le tecniche di rilassamento che vi ha insegnato l’ostetrica al corso pre-parto.
  • Se nella vostra zona organizzano corsi per preparasi all’allattamento e capire come funziona, partecipatevi per poter essere preparate nel possibile quando sarà il momento di allattare il vostro bambino.
  • Fatevi insegnare dall’ostetrica come si esegue il massaggio perineale per poterlo praticare a casa. Diversi studi suggeriscono che  un massaggio al perineo fatto quotidianamente  le ultime sei settimane di gravidanza  può aiutare a prevenire lacerazioni al parto.
  • Continuate a fare del movimento fisico, seguendo i corsi per gestanti in piscina ad esempio, per tenere tonificata la muscolatura.
  • Utilizzate tecniche di visualizzazione per comunicare con il vostro bambino
  • Mangiate cibi ricchi in ferro per prevenire l’anemia
  • Informatevi dal vostro erborista di fiducia sulle foglie di lampone. Estratti delle foglie di lampone  da assumere ad esempio sotto forma di tisane, sono ricchi di vitamina C, aiutano a tonificare l’utero e a far maturare la cervice.

Cosa fare a 35 settimane

  • Fate gli esercizi del pavimento pelvico ogni giorno
  • Continuate a fare leggeri esercizi ogni giorno: nuoto, yoga, passeggiate, stretching, tutto in forma molto moderata.

meditazione gravidanza

Cosa fare a 36 settimane

Molte donne  arrivano stanche in questa settimana. In effetti la gravidanza comincia a pesare un po’: ci si sente affaticate, si dorme male… e si vorrebbe tanto portare avanti l’orologio di un paio di settimane. Aumenta di pari passo anche l’ansia. Cercate di rilassarvi magari con l’aiuto di un massaggio e fatevi coccolare.

  • Dalle 36 settimane potreste seguire sedute di agopuntura. Alcuni studi hanno evidenziato che l’agopuntura  può ridurre la probabilità di  partorire dopo la data prevista e  e aumenta le possibilità di avere un parto più veloce e facile ( il sogno di tutte).
  • Completate gli acquisti per il vostro bambino  e se non vi va di girare troppo, sfruttate l’opportunità degli acquisti online.
  • Se non avete ancora smesso di lavorare, considerate la possibilità di farlo
  • Dedicatevi del tempo per preparavi emotivamente e psicologicamente non solo alla nascita ma alla maternità in generale che durerà tutta la vostra vita
  • Fate qualcosa che vi piace ogni giorno e assaporate questi ultimi giorni prima della nascita del vostro bambino

Cosa fare a 37 settimane

Il parto si avvicina, l’ansia aumenta e per farle fronte continuate con i vostri esercizi di rilassamento.

  • Se avete iniziato l’agopuntura continuate a partecipare alle sedute
  • Date spazio al riposo perché avete bisogno di recuperare energie. Se vi stendete tenete le gambe alte aiutandovi con un cuscino. Se state sedute cercate di appoggiare le gambe su una sedia sempre per tenerle alzate. Andate a letto presto!
  • Continuate con gli esercizi leggeri
  • Cercate di curare l’alimentazione che deve essere ricca di vitamina C e zinco. Questi due elementi nutritivi infatti sono entrambi importanti per la produzione ormonale prima del parto.
  • Avete preparato la valigia per il parto? Se non lo avete ancora fatto è arrivato il momento!

Cosa fare a 38 settimane

Non manca molto e spesso in questo frangente si consiglia di aumentare l’assunzione di carboidrati per mantenere buone scorte di energia che serviranno per affrontare il parto. Sono inoltre importanti anche i cibi ricchi di  calcio e il magnesio.

  • Continuate con l’agopuntura
  • Potete prepararvi a un parto naturale con alcuni rimedi naturali. Chiedete consiglio alla vostra ostetrica. Qui i consigli dell’ostetrica per favorire il parto in modo naturale
  • Leggi le 4 fasi del parto che spiega bene che cosa succederà

Cosa fare a 39 settimane

  • Aumentate l’assunzione di cibi contenenti il coenzima Q10. Fonti di questo elemento sono i broccoli, il cavolfiore, le arance, fragole carne e pesci come le aringhe e il salmone.
  • Mangiate anche cibi ricchi naturalmente in  vitamina K che è importante per la coagulazione del sangue e serve anche al vostro bambino che non la può produrre in modo autonomo fino a diverse settimane dopo la nascita.
  • Continuate con le vostre sedute di agopuntura
  • Cercate di trascorrere momenti piacevoli e di svago con il vostro partner

Cosa fare a 40 settimane

Ormai ci siamo!

Potete continuare le consuete sessioni di agopuntura: probabilmente saranno le ultime!

Cercate di essere positive e propositive. Il travaglio se affrontato nel modo giusto è un evento incredibile che arricchisce la vita di una donna.

Credete fermamente nelle vostre capacità  di affrontare il parto e dare alla luce il vostro bambino.

In bocca al lupo e felice ri-nascita!

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!