Caviglie gonfie in gravidanza: come ridurre questo fastidioso sintomo?

Caviglie gonfie in gravidanza ma anche dita delle mani tozze, i piedi che sembrano due salsicce, le gambe pesanti… in gravidanza in certi momenti ci si sente un vero e proprio pallone. Quando tutto ciò è normale,  e quando invece non lo è?

Durante la gravidanza, il corpo produce circa il 50% in più di sangue e fluidi corporei per soddisfare le esigenze del bambino in via di sviluppo. Il gonfiore pertanto è un normale componente della gravidanza determinato

  • dalla presenza di questi liquidi in eccesso rispetto al solito,
  • dall’utero in crescita che  esercita una  pressione sulle vene, sfavorendo il ritorno del sangue dagli arti inferiori al cuore,
  • dai cambiamenti ormonali.

Il gonfiore si localizza principalmente nelle mani, nel viso, nelle gambe, nelle caviglie e nei piedi e di solito scompare dopo il parto..

Questa particolare ritenzione di liquidi tutto sommato è anche utile per ammorbidire il corpo, che necessita di espandersi man mano che il bambino si sviluppa. Il fluido extra aiuta anche a preparare le articolazioni e i tessuti pelvici  per consentire poi il passaggio del bambino durante il parto.

caviglie gonfie gravidanza

Quando si verifica il gonfiore durante la gravidanza?

Le caviglie gonfie  in gravidanza o le gambe gonfie sono più presenti  verso la fine della giornata.

Il gonfiore può essere presente in qualsiasi momento durante la gravidanza, ma tende ad essere notato intorno al quinto mese e può aumentare durante il terzo trimestre.

Il gonfiore che si manifesta gradualmente non è di solito dannoso per la donna o il bambino, ma può essere fastidioso.

Sebbene un leggero gonfiore sia previsto durante la gravidanza, un improvviso aumento del gonfiore può essere un segno di preeclampsia, una condizione che colpisce alcune donne incinte, di solito durante la seconda metà della gravidanza (da circa 20 settimane) e in alcuni casi subito la nascita del bambino. È importante contattare il proprio medico ogni qualvolta si dovesse verificare un gonfiore improvviso in particolare alle mani, al  viso e/o alle caviglie.

Quali sono i fattori che possono aumentare il gonfiore?

  • Il caldo  estivo
  • Rimanere in piedi per lunghi periodi di tempo
  • Lunghi periodi di attività
  • Dieta a basso contenuto di potassio
  • Alto livello di consumo di caffeina (in gravidanza la caffeina va possibilmente evitata)
  • Alto livello di assunzione di sodio

Che cosa puoi fare per prevenire o risolvere il gonfiore durante la gravidanza?

Il gonfiore può essere ridotto mangiando cibi ad alto contenuto di potassio, come le banane, ed evitando la caffeina.

Ecco alcuni suggerimenti utili per contrastare le caviglie gonfie in gravidanza e in generale il gonfiore alle estremità:

  • Evitare di stare in piedi per lunghi periodi.
  • Ridurre al minimo la permanenza all’aperto quando fa caldo. Le donne in gravidanza non dovrebbero stare fuori dalle 11 alle 18 durante le giornate di forte caldo
  • Riposare con i piedi sollevati.
  • Indossare scarpe comode, evitando i tacchi alti, se possibile.
  • Indossare collant a compressione graduata (su consiglio del medico)
  • Evitare vestiti stretti attorno ai polsi o alle caviglie.
  • Riposare o nuotare in una piscina.
  • Fare impacchi freddi sulle aree gonfie.
  • Bere acqua, che aiuta a ridurre la ritenzione idrica.
  • Dormire sul fianco sinistro.  e con le gambe leggermente rialzate (aiutatevi con un cuscino per la gravidanza)
  • Ridurre al minimo l’assunzione di sodio (sale) ed evitare di aggiungere sale ai pasti.

Se non sono giornate dal bollino rosso per il caldo eccessivo, provate a  fare passeggiate regolari durante i momenti più freschi della giornata o a fare esercizi per i piedi.

Esercizi  per i piedi per ridurre il gonfiore 

Gli esercizi si possono fare da sedute o in piedi (con un appoggio stabile).

Migliorano la circolazione sanguigna, riducono il gonfiore alle caviglie e prevengono i crampi ai  muscoli del polpaccio. Ecco come fare:

  • piegate e allungate il piede su e giù per 30 volte
  • ruotate ogni piede disegnando  un cerchio 8 volte in un verso  e 8 volte nell’altro verso.

Fonti:

Roger W., M.D., et al.  Mayo Clinic Guide To A Healthy Pregnancy Harms,  Part 3. Simkin, Penny, P.T., et al, Ch. 6. Pregnancy, Childbirth and the Newborn: The Complete Guide.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!
Hai un dubbio da chiarire (anche in forma anomina) o una esperienza da raccontare? Vieni a parlare con noi, ti stiamo aspettiamo!💬 Vai al forum