Voglie in gravidanza

Dai tempi remoti sembra che le donne incinte debbano necessariamente avere delle voglie in gravidanza.

Siete anche voi una di quelle che svegliano il proprio compagno in piena notte per farsi preparare un piatto di patatine fritte o un panino con la Nutella?

Antiche e assurde credenze popolari riportano che  se non  si soddisfano queste voglie durante la gravidanza il bimbo nascerà con le tipiche chiazze più scure della pelle,  che in gergo comune sono  chiamate proprio voglie.  

Voglie in gravidanza

Sembra che queste dicerie abbiamo una origine medioevale periodo in cui le donne non avevano mota considerazione. A quei tempi qualsiasi “difetto” a carico del neonato veniva imputato alla madre e a qualcosa che aveva  commesso durante la gravidanza. Ci fu un periodo in cui i bambini che nascevano con angiomi erano additati come marchiati dal demonio. In alcuni casi venivano pure uccisi  e le madri ripudiate. Ai giorni nostri è rimasta per fortuna solo la parte più folkloristica di questa faccenda e che non ha alcun fondamento scientifico.

In genere questa macchie sulla pelle hanno carattere ereditario che nulla hanno a che vedere con quello che si è mangiato o meno in gravidanza.

Tralasciando questa sciocca diceria resta il fatto che in gravidanza ci sia una propensione maggiore verso alcuni cibi. Ciò è  presumibilmente dovuto alla tempesta ormonale a cui una donna incinta è soggetta e che causa al contempo anche nausee, problemi digestivi  e la repulsione per cibi che prima della gravidanza si amavano.

Io ad esempio andavo matta per il salato e per la pizza. La pizza era l’unica cosa che non vomitavo durante i primi mesi di gravidanza  e così me la mangiavo pure a colazione per non avere i cali di zuccheri al lavoro 🙂

Alcune ricerche affermano che il 68% delle donne in gravidanza desiderano qualcosa di specifico in un determinato momento della gravidanza. Come  il cioccolato, o le patatine, o i sottaceti tanto per fare alcuni esempi.

Voglie e gravidanza è un concetto ormai stereotipato, inflazionato anche nelle pubblicità o nei film. Quanto volte abbiamo visto nei video donne in dolce attesa che svegliano in piena notte il compagno che stralunato si alza per preparare qualcosa da sgranocchiare alla futura mamma?

Non tutte le voglie però sono uguali e in persone diverse potrebbero avere significati diversi.

Per alcune è solo un desiderio che non richiede di essere soddisfatto, almeno non subito per altre è invece qualcosa di irresistibile e che va accontentato immediatamente.

Delle volte si tende a pensare anche che una voglia sia determinata dalla richiesta del nostro corpo di un particolare elemento nutritivo che è scarso o mancante. Questo può essere vero se ad esempi abbiamo una forte necessità di introdurre liquidi o mangiare frutta e verdura, lo stesso discorso non si può fare ovviamente se  abbiamo voglia di un patto di fritto o di un pezzo di cioccolato.

Voglie o non voglie attenzione ad assicurarvi sempre che la vostra dieta sia bilanciata. Cercate di introdurre la giusta quantità di liquidi, di avere una dieta equilibrata ricca di tutti i principi nutritivi necessari.Potete anche tenere un diari alimentare per tenere nota dei vostri pasti e nel caso di  dubbi o problemi, rivolgetevi sempre alla vostra ostetrica  o al vostro ginecologo che vi segue.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!