Le perdite da impianto: quando si verificano e quanto durano?

perdite da impianto test positivo

La gravidanza può manifestarsi con alcuni sintomi ancora prima di un test  positivo o di una ecografia. Questi sintomi sono dovuti ai primi cambiamenti che il corpo inizia a subire a seguito del concepimento. Già dopo 12-14 giorni  dal concepimento infatti, possono comparire le nausee, può manifestarsi un po’ di affaticamento e si può notare un aumento della sensibilità dell’olfatto.

Sappiamo bene che il primo vero sintomo  di gravidanza comune a tutte le donne è il mancato arrivo delle mestruaizoni dopo 16 giorni dall’ovulazione. In alcuni casi però anche un leggero sanguinamento può rappresentare  uno dei primi segnali di gravidanza.

Circa una donna su quattro ad inizio gravidanza sperimenterà un sanguinamento di impianto. Poiché queste perdite di sangue si verificano in genere solo pochi giorni prima del ciclo mestruale regolare, il sanguinamento da impianto può essere facilmente confuso con quello mestruale e causare confusione con le date di scadenza previste. Per questo motivo, è importante sapere distinguere le perdite da impianto dal sanguinamento mestruale. 

Le perdite da impianto

Il sanguinamento da impianto è un tipo di perdita ematica che si verifica molto presto in gravidanza, in genere entro 10-14 giorni dal concepimento. In alcuni casi, può apparire un po’ prima o un po’ più tardi , ma in generale si verifica entro i primi due mesi di gravidanza.

Il sanguinamento è il risultato diretto del processo di impianto.

Dopo il rapporto sessuale, un ovocita fecondato viaggia attraverso la tua tuba di Falloppio nel suo percorso verso l’utero. Una volta che la blastocisti è nel grembo materno, si impianta nelle pareti dell’utero, da qui il nome di impianto o nidazione. Questo processo potrebbe causare un po’ di irritazione alle pareti dell’utero, irritazione che può tradursi in sanguinamento, e perdite di sangue dalla cervice. All’esterno, questo sarà visibile sotto forma di spotting.

impianto

Quanto durano le perdite da impianto?

Le perdite di  sangue dovute all’impianto è in genere sono molto poche e di breve  durata ( uno o due giorni al massimo). In alcuni casi, possono essere visibili a malapena e durare solo pochissime ore. In rari casi possono essere scambiate per mestruaizoni. Di norma, le perdite terminano non appena la blastocisti si annida completamente nella parete dell’utero.

Se il sanguinamento continua per più di qualche giorno, potrebbe non essere causato dall’impianto. Ci sono molte altre possibili cause di sanguinamento durante il primo trimestre di gravidanza. Questi includono infezioni e cambiamenti cervicali, così come la gravidanza ectopica / extrauterina, potenzialmente molto pericolosa. Qualunque sia la causa, se il sanguinamento continua e / o si intensifica, è necessario rivolgersi al medico.

Come si manifestano le perdite da impianto?

Il sanguinamento da impianto di solito si manifesta in due modi:

  • Leggerissimo sanguinamento (visibile ad esempio quando ci si pulisce dopo la minzione)
  • Flusso di sangue che richiede di indossare un assorbente

Il sangue associato all’impianto è di solito marrone o rosa. Il colore varia in base al tempo che il sangue ci mette ad uscire. Ad esempio, se il sangue è fresco, apparirà rosso chiaro. Se è più vecchio, apparirà marrone a causa dell’ossidazione.

Nel suo percorso dall’utero a fuori dal corpo, il sangue dell’impianto potrebbe talvolta mescolarsi con le perdite vaginali e / o il muco cervicale. In tal caso, lo spotting apparirà come rosa o arancione. Sebbene il sanguinamento da impianto sia in genere innocuo, è necessario tenerlo sotto controllo e nel caso avvisare il medico.
Il sanguinamento da impianto di solito coincide con altri sintomi che si verificano all’inizio della gravidanza. Questi includono tipicamente minzione frequente, nausea e affaticamento. Inoltre, potresti notare che il seno è diventato gonfio o tenero a causa degli ormoni in circolo.

In quale modo le perdite da impianto si distinguono dal flusso mestruale?

La maggior parte delle donne decide di fare un test di gravidanza casalingo quando le mestruaizoni sono in ritardo. Delle volte però  il sanguinamento da impianto può essere confuso con un mestruazione, motivo per cui alcune donne non si rendono conto di essere incinte fino al secondo mese di gravidanza. Questo ragionamento vale soprattutto per quelle donne che solitamente hanno un flusso mestruale leggero.

Come capire la differenza tra sanguinamento da impianto e sanguinamento mestruale?

  1. solitamente le mestruazioni iniziano con poche perdite per poi diventare progressivamente più abbondanti per due giorni e poi diminuire fino a cessare. Le perdite da impianto invece rimangono scarse per tutto il tempo in cui sono presenti. Inoltre, mentre il sanguinamento mestruale riempie facilmente un tampone o assorbente, il sanguinamento da impianto no.
  2. le differenze riguardano anche il colore e la consistenza. Le perdite  mestruali sono di un colore rosso vivo e acquose. Le perdite da impianto sono di colore rosa chiaro, marrone o marrone o quasi nere. In entrambi i casi possono esserci crampi addominali, molto leggeri però nel caso dell’impianto.
  3. Mentre il sanguinamento mestruale può continuare ininterrottamente fino a una settimana, le perdite da impianto in genere si risolvono in 2 giorni

Le perdite da impianto devono preoccupare?

Ogni tipo di  sanguinamento durante la gravidanza non dovrebbe mai essere preso alla leggera, tuttavia il sanguinamento da impianto non è generalmente considerato una minaccia per la donna o per  bambino in via di sviluppo. Se il sanguinamento / spotting si verifica durante le prime due settimane della gravidanza e non dura più di due o tre giorni, è altamente improbabile che si verifichino altre complicazioni per il resto della gravidanza. Se le perdite durano di più o sono consistente è bene avvisare subito il ginecologo.
A volte il sanguinamento può verificarsi anche dopo il periodo di impianto. Questo può essere causato da vari mnotivi, tra cui    qualche irritazione alla cervice, il  sollevamento di carichi pesanti o un’infezione vaginale non diagnosticata. Quando ciò accade, è bene informare il proprio il medico e chiedere un controllo

Rifeimenti:

https://www.acog.org/Patients/FAQs/Bleeding-During-Pregnancy?

https://www.webmd.com/baby/guide/bleeding-during-pregnancy

https://www.medicalnewstoday.com/articles/317595.php



Elena

Biologa ad indirizzo fisiopatologico, laureata con lode all’Università di Padova, nel 2007 dopo il primo “mi spiace non c’è più battito”, con mio marito diamo vita a Periodofertile.it, un punto di informazione e di incontro per donne e mamme.
Attualmente sto seguendo un Master di II livello presso l'Università di Padova in Tecniche di Procreazione Medicalmente Assistita e Scienze della Riproduzione Umana.

Lascia un commento

1 Commento