L’impianto: cos’è e quando avviene dopo il concepimento

L’impianto, anche chiamato nidazione o annidamento, è il momento in cui il la cellula uovo fecondata, nello stadio di blastocisti,  si impianta nella parete uterina.

Dopo la fecondazione infatti, dall’unione di cellula uovo e spermatozoo, si forma uno zigote che va incontro a una serie di numerose divisioni cellulari mentre è in viaggio attraverso la tuba di Falloppio. Arriva nell’utero in uno stadio detto di blastocisti e si ancora nella mucosa dell’utero.

La finestra di impianto è un breve intervallo di tempo in cui  l’endometrio è recettivo all’impianto della blastocisti. In questa fase infatti sulla superficie dell’endometrio sono presenti molecole di adesione  per facilitare l’adesione del trofoblasto  della blastocisti.

Questo intervallo va da 6 giorni dopo il picco dell’ormone LH  a 10 gg dopo il picco di LH. Si tratta quindi di un intervallo di tempo di pochi giorni. Dato che si ovula a circa 17 ore dal picco di LH l’impianto avviene  circa  tra il 5 PO e il 9PO (5-9 PO – post ovulazione).

La fase di impianto è sostenuta dall’attività del corpo luteo che produce progesterone, ormone che permette all’endometrio di avere le condizioni ottimali perchè avvenga l’impianto.

 

11578745_m

 

I sintomi da impianto

L’impianto è un processo molto delicato e legato a pochissimi sintomi che spesso non vengono notati, o vengono notati a posteriori, quando cioè la gravidanza è già stata confermata.

  • Alcune donne notano quelle che vengono definite perdite da impianto.Si tratta di un leggerissimo sanguinamento che solitamente nonè  paragonabile a una mestruazione e che avviene nei bella fase di annidmento. Queste perdite vengono anche definite spotting, possono essere di colore rosato o marroncine. In rari casi, possono manifestarsi con perdite più abbondanti che possono essere scambiate per mestruazioni, facendo pertanto ritardare il momento del test.
  • Posso presentarsi anche dei piccoli crampetti uterini che vengono confusi con sintomi premestruali.
  • Dopo l’impianto può verificarsi un aumento ulteriore della temperatura basale (un secondo scalino dopo quello dell’immediato post ovulatorio che si verifica 7-10 giorni dopo la conferma dell’ovulazione (7-10 PO).
  • Può verificarsi un calo di un solo giorno nella temperatura basale e che si registra a 5-10 giorni dall’ovulazione (5-10 PO). Questo calo è definito calo da impianto.

Non preoccupatevi se non notate alcun sintomo da impianto perché pochissime donne li riportano (io, pur conoscendoli, non li ho mai notati!).

Nel momento in cui avviene l’impianto la blastocisti è appena visibile a occhio nudo ed è probabilmente più piccola del puntino sopra la i.

Una volta avvenuto l’impianto si inizia a parlare di embrione.

Quando fare il test di gravidanza?

Un prelievo del sangue per dosare le beta HCG diventa positivo dopo 3-4 giorni dall’impianto. Il test fatto sulle urine invece diventa positivo 4-5 giorni dopo l’annidamento. Il test di gravidanza sulle urine va fatto la mattina appena alzate con la prima pipì che è più concentrata e facilita il test nella rilevazione dell’ormone.

Leggi anche gli altri articoli sul test di gravidanza.

Image credit: alila / 123RF Stock Photo

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!
Hai un dubbio da chiarire (anche in forma anomina) o una esperienza da raccontare? Vieni a parlare con noi, ti stiamo aspettiamo!💬 Vai al forum