Fumare in gravidanza: cosa succede alla donna e al bambino

Gravidanza e fumo sono due parole che non dovrebbero mai coesistere assieme.

La magggior parte delle persone sa che il fumo provoca il cancro, crea problemi cardiocircolatori e altri importanti problemi di salute.

Il fumo in gravidanza può causare ulteriori problemi: il  bambino potrebbe nascere troppo presto, avere un difetto congenito o morire per la sindrome da morte improvvisa in culla (SIDS). Anche il fumo passivo può causare problemi di salute per la donna e il bambino.

È meglio smettere di fumare prima di rimanere incinta. Ma se la donna è già incinta, smettere di fumare può comunque aiutare a proteggere se stessa e il suo bambino dai problemi di salute che possono sorgere.

Non è mai troppo tardi per smettere di fumare.

Se la donna fumava in passato e ha già avuto una gravidanza sana in passato, non c’è alcuna garanzia che la sua prossima gravidanza procederà senza propblemi causati dal fumo di sigaretta.

In che modo il fumo influisce sulla fertilità?

Il fumo, indipendentemente se siano uno o entrambi i partner a fumare, diminuisce la fertilità della coppia. Inoltre, se siamo figli di genitori che fumavano, abbiamo meno probabilità di concepire di una coppia con genitori non fumatori.

Le donne che fumano hanno più problemi a rimanere incinta rispetto alle donne che non fumano. Negli uomini, il fumo può danneggiare lo sperma e contribuire all’impotenza (disfunzione erettile).

fumare in gravidanza

Come può il fumo di sigaretta danneggiare la donna e il suo bambino?

Un bambino nel grembo materno riceve tutto ciò di cui ha bisogno dalla madre. Sostanze nutritive e l’ossigeno vengono assimilate attraverso la placenta. Il fumo non solo espone il feto alle  tossine presenti nel fumo di tabacco, ma danneggia anche la funzione della placenta.

In una fumatrice una parte dell’ossigeno presente nel sangue è sostituito dal monossido di carbonio. Se una donna incinta fuma, il suo sangue, e quindi il sangue del suo bambino,  contengono meno ossigeno rispetto al normale. Ciò può causare un aumento della  frequenza cardiaca fetale  perché il bambino cerca di ottenere più ossigeno per le sue funzioni vitali.

Le particelle di fumo di tabacco contengono diverse sostanze tossiche e nocive  che possono influenzare il funzionamento della placenta. La placenta inoltre non è in grado di bloccare il passaggio di tutte queste sostanze che raggiungono pertanto il feto e possono avere un’azione mutagena (possono danneggiare il patrimonio genetico del feto).

 Riassumendo gli effetti del fumo in gravidanza

  • Il bambino potrebbe nascere troppo piccolo, anche in una gravidanza a termine. Il fumo puà infatti rallentare la crescita del bambino prima della nascita.
  • Il bambino potrebbe nascere troppo presto (parto prematuro). I bambini prematuri hanno spesso problemi di salute.
  • Il fumo può danneggiare i polmoni e il cervello in via di sviluppo del bambino.
  • Il fumo raddoppia il rischio di sanguinamenti durante la gravidanza e il parto. Questo può mettere in pericolo sia la donna che il bambino.
  • Il fumo aumenta il rischio di distacco placentare
  • Il fumo aumenta il rischio di uan gravidanza  ectopica
  • Fumare aumenta il rischio  di difetti alla nascita, tra cui labbro leporino, palatoschisi o entrambi.
  • I bambini di mamme che fumano durante la gravidanza e i bambini esposti al fumo passivo dopo la nascita hanno un rischio più elevato per la SIDS.
  • Effetti a lungo termine sulla salute in generale sono ancora fonte di dibattito

Come può una nascita prematura dare problemi al bambino?

Se una donna fuma durante la gravidanza, è più probabile che partorisca troppo presto. Un bambino si definsce prematuro quando nasce da 3 settimane o più prima della data  prevista per il parto.  I bambini nati troppo presto non possono usufruire di quella crescita importante che avviene nell’utero durante le ultime settimane di gravidanza. Prima nasce, maggiori sono le possibilità di gravi problemi di salute e anche di morte. I bambini prematuri possono avere:

  • Basso peso alla nascita
  • Difficoltà di alimentazione
  • Problemi respiratori immediati
  • Problemi respiratori che durano nell’infanzia
  • Paralisi cerebrale (danno cerebrale che causa problemi di movimento e tono muscolare)
  • Ritardi nello sviluppo (nel linguaggio, nel pensiero o nel movimento)
  • Problemi di vista e/o di udito
  • I bambini nati prematuri potrebbero dover rimanere in ospedale per giorni, settimane o addirittura mesi.

Smettere di fumare in gravidanza

Il momento migliore per smettere di fumare è prima di rimanere incinta, ma smettere in qualsiasi momento durante la gravidanza può aiutare il bambino a iniziare meglio la sua vita.

Dal momento in cui  la donna smette di fumare:

  • Il bambino riceve più ossigeno, anche dopo solo 1 giorno.
  • Il bambino crescerà meglio.
  • Il bambino ha meno probabilità di nascere troppo presto.
  • Avrà più energia e respirerà più facilmente.
  • Avrà meno probabilità di sviluppare malattie cardiache, ictus, cancro ai polmoni, malattie polmonari e altre malattie correlate al fumo.

Aiutare la donna che vuole smettere di fumare

La maggior parte delle donne incinte che fumano vogliono smettere, ma smettere non è  facile  e molte donne provano vergogna della loro condizione.

Il giusto supporto può aiutare la donna in gravidanza a superare la difficiltà di smettere di fumare.

Un supoorto può arrivare dalla famiglia, il partner che fuma dovrebbe essere il primo  a smettere per poter aiutare la compagna. Ci sono inoltre gruppi di aiuto, associazioni e libri che possono dare una mano.

L’Osservatorio fumo, alcol e droga dell’Istituto superiore di sanità dispone di un numero verde (800.554088) al quale le gravide che fumano possono rivolgersi.

Il bambino senza fumo

Il fumo di tabacco contiene un mix mortale di oltre 7000 sostanze chimiche.

Se il bambino non viene esposto al fumo:

  • ha meno episodi di tosse e raffredodri
  • ha un minor rischio di bronchiti o polmoniti (problemi polmonari)
  • ha meno episodi di infezioni all’orecchio
  • ha meno attacchi d’asma e problemi di dispnea

Smettere di fumare è uno dei regali più importanti che una donna può fare al suo bambino.

Riferimenti e approfondimenti

  1. Di Franza JR, Lew RA. Effect of maternal cigarette smoking on pregnancy complications and sudden infant death syndrome. J Fam Pract 1995;40:385-94.
  2. Ananth CV, Smulian JC, Vintzileos AM. Incidence of placental abruption in relation to cigarette smoking and hypertensive disorders during pregnancy: A meta-analysis of observational studies. Obstet Gynecol 1999;93:622-8.
  3. Castles A, Adams EK et al. Effects of smoking during pregnancy: five meta-analyses. Am J Prev Med 1999;16:208-15.
  4. Shah NR, Bracken MB. A systematic review and meta-analysis of prospective studies on the association between maternal cigarette smoking and preterm delivery. Am J Obstet Gynecol 2000;182:465-72.
  5. Wyszynski DF, Duffy DL, Beaty TH. Maternal cigarette smoking and oral clefts: a meta-analysis. Cleft Palate Craniofac J 1997;34:206-10.
  6. Clausson B, Cnattingius S, Axelsson O. Preterm and term births of small for gestational age infants: A population-based study of risk factors among nulliparous women. Br J Obstet Gynaecol 1998;105:1011-7.
  7. Raymond EG, Cnattingius S, Kiely JL. Effects of maternal age, parity and smoking on the risk of stillbirth. Br J Obstet Gynaecol 1994;101:301-6.
  8. Kleinman JC, Pierre MB Jr et al. The effects of maternal smoking on fetal and infant mortality. Am J Epidemiol 1988;127:274-82.
  9. Lumley J. Stopping smoking. Br J Obstet Gynaecol 1987;94: 289-92.
  10. MacArthur C, Knox EG, Lancashire RJ. Effects at age nine of maternal smoking in pregnancy: experimental and observational findings. Br J Obstet Gynaecol 2001;108:67-73.
  11. von Kries R, Toschke AM et al. Maternal smoking during pregnancy and childhood obesity. Am J Epidemiol 2002; 156:954-61.
  12. Faden VB, Graubard BI. Maternal substance use during pregnancy and developmental outcome at age three. Journal of Substance Abuse 2000;12:329-40. 13. Conde-Agudelo A, Althabe F et al. Cigarette smoking during pregnancy and risk of preeclampsia: a systematic review. Am J Obstet Gynecol 1999;181:1026-35.
  13. Been JV, Lugtenberg MJ, Smets E, van Schayck CP, Kramer BW, Mommers M, Sheikh A. Preterm Birth and Childhood Wheezing Disorders: A Systematic Review and Meta-Analysis. PLOS Medicine 2014 Jan 28. DOI: 10.1371/journal.pmed.1001596
  14. Harju M, Keski-Nisula L, Georgiadis L, Räisänen S, Gissler M, Heinonen S. The Burden of Childhood Asthma and Late Preterm and Early Term Births. The Journal of Pediatrics 2014;164(2):295–9
  15. Linee guida alla gravidanza fisiologica

 

Lascia un commento