Vivere la gravidanza dopo un aborto spontaneo

Quando il test diventa positivo per la prima volta dopo che pochi mesi prima hai affrontato un aborto spontaneo, il turbine di emozioni che ti travolge è fatto da un mix di sentimenti altamente contrastanti.

Da un lato la gioia per la nuova  gravidanza, dall’altro la paura, delle volte insostenibile che possa riaccadere di nuovo.

E’ incredibile come un minuscolo agglomerato di cellule possa letteralmente cambiarti l’esistenza in pochissime settimane. Basta una  lineetta che si colora su un test per provare un sentimento di euforia generalizzato,  che ti fa camminare un metro sopra terra.

Da quel momento tutto assume un significato diverso. E’ come se  il mondo improvvisamente si mostrasse con colori più intensi.

17362688_s

Il primo aborto

Avevo 28 anni quando dopo pochi mesi di ricerca il ciclo non si è presentato, e con le mani tremanti una mattina abbiamo fatto il test. Il cuore batteva a mille mentre aspettavo quei pochi minuti che sono sembrati un’eternità. E poi è comparsa quella linea, forte e decisa .

Ricordo un forte abbraccio e le lacrime agli occhi e poi quel senso di leggerezza che probabilmente non ho più vissuto una seconda volta. Tutto sembrava andare bene, avevo i normali sintomi, gli ormoni impazziti,  a 5 settimane avevamo visto la camera gestazionale e avevo già iniziato a tenermi quella mano con la pancia, cosa che mi è sempre venuta naturale ogni volta che ho scoperto di aspettare un bambino.

Un mattino mi alzo, vado in bagno e noto delle perdite marroni. Poche ma c’erano. Non sapevo che fare, se farmi vedere, se aspettare. In genere ti raccontano che se non sono sangue vivo non sono motivo di preoccupazione, ma a questa cosa non ho mai creduto.

Ho aspettato qualche ora poi sono andata in ospedale a farmi vedere. Ero circa a 8 settimane e avevo l’ecografia fissata per quella successiva. Mi visitano dopo un paio di ore di attesa, mi stendo sul lettino e non guardo lo schermo dell’ecografo. Sento solo quel “mi spiace non c’è battito” che mi ha raggelata. Sono uscita con la mia cartella, e tutto di me piangeva: i miei occhi. il mio cuore e la mia anima. Non riuscivo a farmene una ragione. O meglio sapevo perchè queste cose capitano ma non accettavo fosse successo a me.

Lo consideravo un fallimento e al contempo faticavo a provare gioia per chi, proprio in quei giorni, diventava mamma  tra le mie amiche.

Sono stati giorni difficili:  il raschiamento è avvenuto dopo una settimana dalla prima valutazione in quanto non si era certi del battito. Nel frattempo 4 ecografie e una lunghissima agonia cercando di non dare spazio alla speranza, per non rimanere di nuovo delusa.

E poi quell’intervento da cui torni a casa con una sensazione di vuoto e silenzio assordante.

Con l’aggravante dei parenti che ti ripetono: “che vuoi che sia, eri solo all’inizio”, “capita a tante”o “la prossima volta andrà meglio”. Un minestrone di psicologia da quattro soldi, che non fa altro che fare aumentare la rabbia che si prova in quei momenti.

Con questa rabbia energizzante volevo riprovare, subito. Una parte di me (quella razionale, piccola ma ce l’ho)  era consapevole di non essere pronta mentalmente per ributtarci nella ricerca e così abbiamo atteso i classici 3 mesi.

La gravidanza dopo l’aborto

Veronica è arrivata dopo il primo tentativo, risparmiandomi l’ansia del “non riesco più da ever bambini” . Nei tre mesi post raschiamento però già avevo pensato che nel caso le cose non fossero andate bene,  l’adozione era la via che faceva per noi. La mente viaggia in fretta vero? Ma avevo bisogno di sentirmi pronta a rispondere a a qualsiasi evenienza, non volevo più trovarmi impreparata come era successo con l’aborto.

E’ un po’ strano come vivi il nuovo test positivo in questi casi. Sai già che molto probabilmente sei incinta perché te lo senti, fai il test, è positivo. Lo guardi, sorridi ma non cammini più a un metro sopra la terra come prima, e rimani ben attaccata al terreno.

Corri subito a fare le beta perché hai bisogno di conferme. Passi gran parte della giornata in bagno perché ad ogni minima perdita vai a controllare che non sia di sangue. Non vuoi affezionarti perché temi un nuovo distacco.

Conti i giorni, le ore e i minuti per la prima ecografia. Terrore puro all’idea di affrontarla. Apnea totale i primi secondi che sembrano un’eternità mentre il ginecologo sistema la sonda.

Stavolta con me c’era mio marito, ho chiesto a lui di guardare il monitor e io guardavo  il suo volto per avere risposte. E stavolta ho visto un sorriso.

Mentirei se vi dicessi che poi sono stata spensierata per i restanti mesi. Almeno fino ai primi tre mesi di gravidanza avevo i radar  alla massima sensibilità. Stavo attentissima a tutto (e a tutti). Massima allerta per la toxoplasmosi, niente sesso, poche passeggiate, insomma vivevo in una sorta di campana di vetro. E sempre per quella necessità di avere tutto sotto controllo.

Ma più passavano i giorni più le fughe al bagno diminuivano, pian pianino tornavo alla mia solita vita e fare una ecografia al mese (si, lo so, non si dovrebbe fare) mi  ha dato quella tranquillità e quelle conferme di cui avevo bisogno.

Ci sono una marea di studi che confermano come le donne che subiscono un aborto spontaneo affrontino con maggior ansia la gravidanza rispetto a quelle che non lo hanno mai avuto. E questo indipendentemente dalla settimana in cui l’aborto si verifica.

Se avete vissuto anche voi questa esperienza non potrete che confermarlo.

La prima volta sbandierate al mondo intero che siete “incinti” non appena fatto il test; la seconda volta, arrivando da un aborto, aspettate la conferma dell’ecografia o l’ingresso nel quarto mese. La prima volta avete il sorriso stampato sulle labbra, la seconda volta non sapete bene che sentimenti provare. Ma sicuramente avete paura.

 Cosa fare per cercare di vivere serenamente una gravidanza dopo un aborto spontaneo? 

Ho cercato di raccogliere qui i consigli che mi sono sembrati più utili. A me è servito fare un percorso psicologico. L’ho fatto dopo il secondo aborto accaduto un anno dopo la nascita della mia prima figlia:

  • Appuntate i vostri pensieri, le vostre paure, le vostre gioie, come state cambiando e come sta evolvendo la gravidanza. Una sorta di diario di bordo anche giornaliero se volete che possa aiutarvi a liberare le emozioni e ad esprimervi.
  • Vivete il presente, per evitare preoccupazioni inutili. Nessuno riesce a prevedere il futuro, e ipotizzare eventi negativi non fa che creare ansie inutili. Concentratevi su di voi, sul bambino che sta crescendo dentro di voi e sul fatto che in quel momento sta andando tutto bene
  • svagatevi: non fissatevi sulla gravidanza 24 ore su 24. Trovate qualche attività che vi aiuti a rilassarvi e cercate di farla ogni giorno, occupando del tempo e tenedo libera la mente da pensieri negativi
  • non rimandate troppo  a lungo lo shopping per il vostro bebè. In molte evitano di farlo per scaramanzia. Le 20 settimane di gravidanza sono un buon momento per iniziare.
  • Rendete partecipate il vostro ginecologo e ostetrica delle vostre paure in modo che possano tranquillizzarvi.

Non dico che sarà tutto semplice  ma ce la potete fare. Sono la regina delle ansiose e se alla fine sono riuscita anche io a vincere le paure… ci riuscirete anche voi di sicuro!

Lascia un commento

 Avvisami per ogni commento a questo articolo

 Avvisami delle risposte a questo commento

Se vuoi, aggiungi una foto al tuo commento, verrà elaborata in qualche minuto.

162 Commenti

  • Ciao Ragazze, ringrazio per ogni parole… mi vedo in ogni una!!!…. La mia prima gravidanza 2007 una bimba bellissima di 3kg…. Mai avevo immaginato di passare per questo…. e invece si… e per bene 2 volte… nel 2013 avuto un aborto spontaneo alla 9 settimana (senza nessuno sintomo, sono andata felice come una pasqua fare la visita mensile e ho visto la terra aprire sotto i miei piedi quando ho sentito “mi dispiace non ce’ battito!”) abbiamo fatto raschiamento a agosto 2013… ma non saprò descrivere il dolore…. abbiamo io e mio marito di provare subito un altro bimbo… e il positivo è venuto nel mese Dicembre…. PAURAAAA!!! di corsa siamo andati dal dottore… Grazie a Dio andato tutto bene… mia figlia è nata a Agosto 2014…… Abbiamo deciso di aspettare un po’ per poi avere una altro…. 2017 stato dopo 3 mesi da quando iniziato la ricerca il Positivo…. Non avevo manco pensato, ero contenta…. invece con 10 giorni di ritardo ho avuto perdite… sono andata in ospedale e i medici “Mi dispiace è un aborto spontaneo!” …. non so manco come dire come mi sentivo….. come mai???? Non ci credevo proprio che si poteva ripetere, dopo una gravidanza normale…..Una tristezza senza fine……. Passato tutto ciò altra volta Dicembre…. e altra volta Positivo!!!Ora mi sento un po strana… ho paura si…. non posso negare… vogliamo tanto questo bambino…. Provo di essere serena di non pensare… ma mi vieni come un mare di confusione…. Chiedo a Dio che protegga il mio bb…. che sia fatta la sua volontà!!!….. Mah ogni singola perdita il mio cuore esci del petto, perché penso che possa essere sangue!!! Mah perché dobbiamo passare per tutto questo?…. Quale il mio errore? Io voglio solo essere mamma!!! =(

    • Forza Aline…il tuo coraggio sarà premiato!
      tutte noi ormai ci fasciamo la testa prima di romperla (io ho così tanta paura che non ho neanche avuto ancora il coraggio di riprovare!…..e sono passati ben 7 mesi dall’ultimo raschiamento!)…
      Io quest’anno ho il rifiuto totale di vivere queste feste. Niente albero a casa mia, neanche una minuscola decorazione voglio vedere. Vorrei solo sparire e riapparire a Febbraio.
      Questo l’anno scorso fu un periodo magico. A Natale demmo la bella notizia. Arrivarono i primi regalini…angioletti…tovagliette rosa e celesti giacchè era presto per sapere il sesso..quanti brindisi fatti per il lieto evento e quanti auguri al pancino. E ad inizio gennaio quel maledetto giorno.
      Odio questo periodo. Non dimenticherò mai quel dolore. MAI. Ha cambiato la mia vita per sempre.
      Credo purtroppo sia umano così. Si dice che ciò che non uccide fortifica..voglio crederci…per ora poco ci riesco! Però poi leggo te e penso….c’è speranza per tutte!!!!
      Forza e porta una ventata di buone notizie!
      Un abbraccio.

      • Coraggio Aline, hai anche i tuoi cuccioli che ti sostengono, non sei sola!! Capisco benissimo le tue paure perché sono esattamente le mie…Però l’ Essenza stessa della vita è proprio dover affrontare gioie e dolori, non esistono solo le prime ne’ solo le seconde..
        Io nel mio piccolo sono sicura che Dio dia dure prove a chi sa che può sopportarle…e ad ogni ostacolo mi sento un po’ più forte, con un po’ più di coraggio…
        Io ho fatto il raschiamento il 13 ottobre, il 15 novembre mi è tornato il ciclo e ora sto già riprovando perché non mollo, non voglio mollare!! Ho perso mio padre in due mesi, mio nonno in sei, sono stata operata di un tumore al naso due anni fa…Ho affrontato momenti durissimi e proprio per questo posso affrontarne ancora, forse paradossalmente ho sofferto anche più di ora!! E anche se a vedere palline e alberi natalizi mi si stringe il cuore…mi immaginavo con la pancia, felice…Stringo i denti, sorrido, ho fatto un presepe bellissimo perché la vita non mi può abbattere, voglio vincere io prima o poi!! So che è dura ma non voglio mollare, per il mio bimbo che mi guarda da lassù voglio farmi forza e fare in modo che sia orgoglioso di me… non lo dimenticherò mai ma spero e ci voglio credere di poter un giorno dar lui un fratellino…
        Per cui coraggio ragazze, la vita è troppo breve perché le paure ci frenino… vi abbraccio forte forte e per Alina..Siamo tutte con te❤️❤️

  • […] emotivo, soprattutto nel caso di un aborto spontaneo, viene spesso minimizzato dalla nostra […]

  • Io ho letto la mia storia…ogni singola sensazione,emozione, attimo…
    Grazie per la prima volta qualcuno ha vissuto questo pezzo di vita così triste con me.

    • Grazie per averci regalato la tua storia Stefania ❤️…Io sono a 12 giorni dopo il raschiamento, non ho più perdite da domenica, solo un dolore dentro che non si può descrivere…Vivo…per modo di dire…Mangio, bevo, dormo, rido…ma è tutta maschera, ogni giorno affrontare le giornate è sempre dura…Piango di nascosto, mi faccio coraggio come posso ma le paure mi fanno compagnia e rendono ogni cosa più difficile da affrontare…Riuscirò a rimanere di nuovo e presto incinta? …Ricapiterà un aborto?…E poi leggo storie come la tua e mi aiutano, mi fanno coraggio, mi confortano e danno speranza che forse anche per me ci potrà essere un’ altra possibilità 🤞❤️…
      Grazie e ti abbraccio forte forte, non c’ è arma migliore contro la sofferenza che la condivisione ❤️

      • Ciao Aurora, piangi tutte le lacrime che hai, non ridere se non ti va, incazzati e urla.
        Poi passa, il dolore e la paura lasciano un po’ di strascico, ma poi trovi la tua area di comfort.
        Certo che resterai incinta di nuovo, io ho vissuto un incubo care mie amiche a Luglio, un incubo nel vero senso della parola, ero fuori città per lavoro quando ho fatto il test,ma sentivo qualcosa che non andava, nessuno mi credeva, il mio aborto è iniziato e quasi concluso mentre guidavo,in autostrada…da sola…ogni singola cellula del mio corpo urlava di dolore e piangeva.
        Sono rimasta incinta a Settembre, ho una paura indescrivibile, ogni mutamento del mio corpo mi mette in allerta, so che il pericolo non è scampato, ma spero che quel piccolo fagiolo/a senta quanto amore c’è intorno.
        Aspetta Aurora è l’unico rimedio.
        Un abbraccio fortissimo.

        • Grazie delle tue parole Stefania…Coraggio, ti sono vicina con il cuore❤️❤️…Non dobbiamo mai smettere di lottare proprio perché è il senso stesso della Vita…Sono con te❤️

              • quanto mi date forza e speranza neanche immaginate!!! oggi è un giorno particolare per me…l’anno scorso, il 24 ottobre…fu il mio “ultimo ciclo”…quella data che mi chiedevano ad ogni visita e controllo per la gravidanza che avevo scoperto..il giorno che non avrei mai dimenticato (infatti)…oggi è proprio triste :(((

                • Coraggio Memole❤️ (Quanto mi piace il tuo nomignolo, adoravo Menoke, era uno dei miei cartoni preferiti!!!!)…Purtroppo ormai lo sai che certe date rimarranno per sempre nei nostri cuori, come per me l’ 8 di ottobre…Però accanto a quelle date ce ne sono e saranno sempre di belle…Il giorno che hai conosciuto tuo marito, i vostri anniversari, e molte altre ancora…E vedrai che anche per noi ci sarà la data di nascita del nostro piccolo, forse non presto, forse nato da noi o perché no adottato e cresciuto come se fosse nostro…Perché una cosa ho imparato in questa vita, che i figli sono di chi li cresce e li sostiene con amore…Per cui non ci abbattiamo, cerchiamo di pensare in positivo, non siamo sole e soprattutto abbiamo ancora tempo e speranza per crederci!!!
                  Ora Stefania è già in attesa❤️❤️…Daiiii andrà bene e arriverà anche per noi una seconda possibilità, ne voglio essere sicura❤️
                  Vi abbraccio forte forte, anche tutt’e voi siete la mia Forza❤️

  • Eccomi di nuovo qui…spero stiate tutte bene…
    dopo 2 settimane di entusiasmo per una nuova gravidanza a 5 mesi dall’aborto della prima..la storia si ripete. Stavolta (fa anche strano dire “fortunatamente”) non ho fatto neanche in tempo ad ascoltare il battito. Tutto fermo lì dentro, senza dolori, senza perdite, senza nulla. Soprattutto senza una nuova spiegazione.
    La prima volta la spiegazione l’ho avuta…trisomia .., incompatibile con la vita. Mi dissero “è solo sfortuna, non si ripeterà”. Ed invece eccomi qui, a sentirmi ripetere che la causa è sempre di origine genetica, nessuna infezione, nessuna febbre, niente di niente.
    Tanti esami fatti tra gennaio e febbraio per sentirci dire che grazie a Dio siamo sani come pesci…però con l’aumentare dell’età…può accadere.
    Nel frattempo ho 37 anni, e ad ogni controllo trovo lì donne con il pancione che non necessariamente sono più giovani di me. E la rabbia sale quando fuori dell’ospedale le stesse sono lì con il pancione e la sigaretta in bocca.
    Cerco di essere forte, per me e per mio marito.
    Ma oggi proprio non ci riesco :(
    e mi sento solo tanto vuota e con poca speranza. Scusate lo sfogo..vi abbraccio.

    • Ti sono vicina non sai quanto.
      Stanotte ho abortito il mio piccolo di 10settimane, sono distrutta, disperata, non so cosa fare.
      Aiuto

      • sei andata in ospedale? o sono iniziate le perdite a casa? nel secondo caso parlane con il ginecologo, perchè bisognerà monitorare la situazione. se hai fatto un raschiamneto invece avrai perdite per alcuni giorni…

        In entrambi i casi è importante fare un controllo medico dopo la prima mestruazione spontanea dopo l’aborto.

        • Ciao a tutte!
          Un anno e mezzo fa o avuto un aborto spontaneo,ed ora sono incinta di nuovo,anche se nn lo stavo cercando lo voglio con tt la mia anima.
          Però ho tante paure,mi sembra di sentire i stessi sintomi dell’altra volta. Sento un po male allo stomaco e dopo aver caminato per un po mi pesa l’utero. Qualcuna di voi ha avuto questi sintomi

          • Ciao Eneida!!!! Innanzitutto un enorme in bocca al lupo…una mia amica mi dice sempre “chi pensa bene..bene gliene viene!!”.
            Ovviamente nemmeno io riesco ad applicare questo principio viste le varie sventure…però cerco di ripetermelo :)
            Se ti può tranquillizzare il mio medico mi ha sempre detto che finchè ci sono sintomi….è cosa buona!!!! e poi è tutto molto soggettivo..
            ..e qui…ne siamo tutte esempi!!! dai sii positiva!! hai tutte le nostre preghiere per te! :*

            • Ciao Memole
              Ti ringrazio infinitamente per le parole!
              Aggiorno che per ora va tt bene!
              Ho imparato a nn pensarci continuamente anche perché cosi mi facevo mille viaggi. Bisogna dire che io l’ho concepito il 22 settembre,quindi sn di poche settimane però sn speranzosa!
              Un grande in bocca in lupo pure a te 😘

          • Coraggio Eneida!!! La tua notizia mi da una felicità che non hai idea…Una speranza anche per me che ho avuto il raschiamento una settimana fa…Cerca di stare più serena che puoi e se hai dei dubbi vai al Ps e fai una bella eco così sentì il cuoricino e ti tranquillizzi!!! È normale che tu abbia paura, solo chi ci è passato può capire cosa significhi…Quindi stai serena più che puoi, affidati al tuo ginecologo e finché hai sintomi è bene anzi benissimo!!!!!! Io quando ho avuto l’ Aborto non ho sentito nulla, solo ovviamente le perdite Marroni…ma finché il fagiolino c’ era avevo pesantezza di stomaco e in basso ogni tanto…
            Se hai bisogno siamo qui…Coraggioooo❤️💪💪💪😘😘😘

            • Ciao Aurora,in anzitutto grz per la disponibilità.
              Guarda ti racconto solo che io ho sempre sofferto di ovaio policistico,e tt due le volte sono rimasta in cinta per puro caso senza calcolare nulla e senza manco cercare insistentemente!
              Quando una cosa deve accedere succede e basta!
              Pensa che io questa volta ho concepito 30 pm. Quindi stai più serena possibile che verrà molto presto anche per te. Un grande abbraccio

              • Grazie di cuore Eneida…La prima volta sono rimasta incinta praticamente subito ma poi è andata così 😞…Ora mi affido al destino, ho tanta paura di non riuscire più così facilmente ma non ci devo pensare altrimenti crollo😞…Ora aspetto le mestruazioni (sono a 13gg post raschiamento) e poi ritenterò 🙏🙏, sperando e temendo allo stesso tempo ma con la consapevolezza che non sono sola❤️…In bocca al lupo di cuore, ti sono vicina, dajee💪

                • Ciao ragazze!!!
                  Aurora anche io avevo lo stesso tuo timore dopo la prima volta…e invece alla seconda l’abbiamo beccato al primo e unico tentativo! A me il ciclo tornò esattamente al 40esimo giorno post raschiamento…metà febbraio. Poi aspettammo un pochino ma per nostra volontà (per il mio dott avrei potuto riprovare da subito dopo i controlli fatti)..e al primo tentativo a Maggio…fatto! Poi è andata male, ma quello purtroppo è un altro fatto.
                  Credi che poi abbia imparato la lezione?? Macchè!!! La convinzione che “non ricapiterà” di nuovo così facilmente ovviamente ce l’ho anche ora :P …. credo sia normale!!!
                  Quindi forza e coraggio…non ti affliggere facendo la conta dei giorni..ma prenditi una bella pausa “mentale” e coccolati (e fatti coccolare) più che puoi..aiuterai mente e corpo ;)

                  Eneida invece mi raccomando…sii sempre positiva!!!!! :*
                  Buona giornata a tutte :)

      • Ciao Aurora.
        E’ sempre un colpo al cuore leggere un messaggio come il tuo…non perchè si rivive il “Proprio” momento….quello purtroppo non ci abbandona mai…ma perchè si sbatte ancora una volta la testa contro il muro a chiedersi un “perchè”.
        Spero che, come ha detto Elena, abbia innanzitutto qualcuno che ora ti stia seguendo dal punto di vista medico…anche se so benissimo che diventa quasi un aspetto secondario rispetto ai nostri cuccioli che vanno via così….ma bisogna fare un grande sforzo mentale e fisico e anteporre la nostra salute a queste maledette “scelte della natura” (così poi le definiscono…..).
        Fatti coraggio Aurora…cerca in te tutte le energie positive che hai…io in quest’anno (che spero finisca presto) ho imparato che noi donne abbiamo una forza che è qualcosa di inimmaginabile.. (certo avrei preferito non impararlo così…).
        Ora è giusto piangere, urlare, vivere il proprio dolore, arrabbiarsi e non accettare che sia un evento “probabile” e “naturale”. Dev’essere così.
        Io…assieme alle altre che tanto mi hanno aiutato con le loro esperienze..siamo qui.
        Non sei sola!!!
        Credo non finiremo mai di ringraziare Elena per questo spazio :)
        Ti abbraccio forte!!! FORZA!

        • Grazie di cuore delle vostre parole…ieri pomeriggio sono stata in ospedale e ieri sera è iniziato il mestruo…venerdì ho L eco per un eventuale raschiamento e temo di sì perché ho pochissimo sangue…Sono a pezzi, ho 38 anni ed è la prima…ho perso una parte di me, ho un vuoto dentro che non riesco a descrivere😞…V ringrazio tanto del sostegno, leggervi mi aiuta tanto, piango e basta, mio marito sta peggio di me nel vedermi così…un incubo…V abbraccio forte forte, grazie di nuovo a tutte ❤️

          • Ora è veramente prematuro…ma non vi abbattete… siamo in tante…e siamo quella parte silenziosa di donne che vive con discrezione il proprio dolore..
            Proprio stasera mio marito mi ha chiesto quando (…per la terza volta!) pensavo di iniziare a riprovarci…ammetto di avere paura e di provare molta molta ansia al pensiero di poter aggiungere un nuovo dolore ai trascorsi.. ma bisogna guardare avanti.
            Certo lui riesce meglio di me. In fondo credo che neanche loro possano capire la profondità del vuoto che abbiamo dentro.
            Abbiamo la stessa età Aurora. E so che anche quella pesa!!!
            Quando vuoi siamo qui :*

            • Grazie di cuore Memole❤️…cerco di non pensare per non morire dentro ancora più…mi chiedo come farò e cosa farò domani e i giorni ancora dopo…Vivo il qui e L’ ora cercando di resistere al pianto…mi passerà si forse fuori ma dentro sarà dura riprovarci…per questo ti capisco e per questo ti dico di farti coraggio e di riprovare perché è ciò che il tuo cuore vuole veramente ❤️

              • Lo sarà anche per te <3 … non darti fretta..ora hai il sacrosanto diritto di star male…oggi e sempre!
                io ho scoperto di averla persa il 3 di gennaio… Oggi ho pianto per il semplice fatto di aver visto un albero di Natale e ripensato alla gioia e a quanti auguri (lo avevamo appena annunciato) fu quello dell'anno passato…ai brindisi di capodanno accarezzando la pancia. Ora non vorrei neanche arrivasse…….salterei direttamente a Febbraio!
                ..non ti dico che passerà perchè io ci penso ogni santo giorno..però ti dico che ci si rialza. Più forti e combattive di prima. Fidati di me! <3

                • Immagino il tuo dolore e la tua angoscia…dopo ciò che abbiamo passato anche le date diventano fonte di tristezza e di sofferenza…io non dimenticherò mai L’ otto ottobre, rimarrà per sempre un giorno che non avrei mai voluto vivere…
                  Cerca nel tuo cuore tutto L’ amore che hai per tuo marito e per te stessa, non abbatterti anche se non è facile…io ora sono nella disperazione più nera ma cerco di convincermi che passerà un pochino e che la vita mi ridarà un’ altra possibilità 😞🙏….D’ ora in poi pregherò anche per te, perché sento che i nostri dolori sono gli stessi e lì si affronta meglio quando non si è soli…Sono appena tornata da una camminata notturna di 8 km con mio marito…abitiamo in un piccolo paese di montagna, ho respirato aria pulita, ho parlato, ho ascoltato…hai ragione, non siamo sole e ce la possiamo fare❤️
                  Buonanotte e grazie per tutto quello che stai facendo per me, leggerti mi conforta che mi puoi capire❤️

        • Hai proprio ragione Memole, nonostante il grande dolore e la sofferenza non vedo l’ ora di poter riprovare…Sempre con la speranza e l’Ottimismo che questa volta possa andare bene…
          Ora ho ancora qualche perdita, ho letto di donne che hanno riprovato subito senza aspettare il primo ciclo (e ad alcune è andata anche bene)…Sono tentata perché anche psicologicamente cerco di restare ‘su’, proprio per poter riprovare …Ma dall’ altra parte ho paura che l’ Utero non sia pronto, che poi succeda qualcosa di brutto…Non ti nascondo che mi angoscia il tempo che passa, non sono vecchia ma ho paura che ‘mi Prenda il tardi’…
          Vabbè cerco di non angosciarmi ulteriormente, quando saranno finite le perdite vedrò…Per ora mi faccio coccolare tanto, come dici tu, e cerco più che posso di pensare in positivo, di mangiare, di convincermi che anch’io come tante mi merito un Cucciolo da amare🙏❤️…
          Grazie come sempre del tuo sostegno, sapere che c’ è questo forum e che c siete voi che mi capite mi aiuta tanto ad affrontare le giornate…Vi abbraccio tutte, Elena in primis e tu ed Eneida❤️

  • Ciao a tutte, nella tua storia, Elena, mi rivedo alla perfezione. Tutto questo a me è accaduto proprio pochi giorni fa. Sono sposata con mio marito da quasi 9 mesi. Avere un figlio è un desiderio di entrambi. In questi mesi ci avevano provato. Durante le vacanze di natale credo che il nostro desiderio sua stato esaudito. A gennaio il ciclo non arriva, eccoli, ci sono tutti i sintomi ed io, incredula, comincio a pensare che forse potrebbe essere. Faccio 2 test, positivi entrambi, faccio le beta, positive anche loro. Lo diciamo ai familiari e agli amici più intimi qualche settimana, dopo una passeggiata, tubo delle perdite marroni. Mi sono detta “quelle marroni sono normali”. Poche ore dopo erano di versante rosse. Lente ma sempre rosse. Comincio ad aver paura. Comincio ad avere crampi al basso ventre. Le perdite non cessanno. Vado al ps e la ginecologa mi dice che la camera di gestazione è vuota, niente embrione, niente battito. Mi dicono di tenere controllate le perdite. Una settimana dopo rifaccio le beta e le trovo dimezzate. La speranza crolla, eppure sapevo già che era già avvenuto. Ho elaborato il mio piccolo lutto durante la settimana di attesa rispetto al prelievo. Ho salutato il mio scricciolo non ancora formato con una deliziosa sonata di violino. Ora voglio solo prendermi tutto il tempo per me stessa. Presto vorrò riprovarci ma so che fondamentale è prima una mia prontezza mentale oltre che fisica. In questo momento credo di star ripulendo il mio ventre naturalmente. Grazie a tutte le vostre testimonianze. Siete preziose esperienze di speranza. Un abbraccio ad ognuna di voi. RAFFAELLA, 29 ANNI

    • Ciao Raffaella. Situazione identica. 8 mesi di matrimonio..sotto Natale abbiamo concepito. Oggi perdite marroni visita e niente battito. Sono distrutta. Mi sento inutile. Ma non mollo. Realizzerò il mio sogno! Un abbraccio e in bocca al lupo per tutto!

      • Cara Maria Luisa, forza, ora arriverà il periodo più difficile, soprattutto se le perdite durano tanto con tanta debolezza fisica conseguente: sfogati, piangi, tira fuori, piano piano andrà meglio. Io comincio a pensarci di meno anche se come sai sono passati pochi giorni. Mi sto aiutando con i fiori di bach. Voglio prendermi il tempo giusto per elaborare e far guarire il mio corpo e il mio cuore. Appena saremo pronte ce la faremo, e questa la ricorderemo come un’esperienza, dolorosa ma sempre un’esperienza. Forza per tutto!

  • Ciao a tutte mammine….ho 30 anni e una figlia di 16 mesi…lei è arrivata al primo tentativo…a novembre decidiamo di riprovarci e il ciclo non arrivò! La felicità ma anche tanta paura che con la prima non avevo..mille domande…paure…non lo volevo dire a nessuno…dormivo con la mano nella pancia…non so spiegarvi…insomma tutto ok zero nausea zero perdite…mercoledì 11 gennaio prima visita…9+4 agitata…la notte non ho dormito.. una settimana di nervosismo…guardo il monitor…qualcosa non andava…ho visto subito….non c è battito!! Mi crolla il mondo addosso…ero da sola…ho chiesto al mio corpo un ultimo favore…volevo fare un aborto spontaneo…è così il giorno dopo fu…il giorno dopo ancora vado in ps avevo perso quasi tutto….oggi ultimo controllo …sono pulita…!!! Ditemi forse sono una pazza..ma noi vogliamo riprovarci subito! Il dolore c è ora e ci sarà tra 9 mesi…purtroppo è andata così…ma non dobbiamo e non bisogna abbattersi…eppure la ho presa “bene” xke in fondo dentro di me sentivo che qualcosa non andava….a voi che ci siete passate avete avuto questa sensazione???un abbraccio a tutte…è forza siamo donne sappiamo combattere e rialzarsi!!!

    • Ciao Camilla..
      ..forse perchè sarebbe stato il primo e quindi non ho mai sperimentato sensazioni..ma purtroppo io non ne ho avute!
      Anzi, mi sentivo benissimo e questo mi dava fiducia! L’avevo ascoltato battere..e non vedevo l’ora di riascoltarlo.
      Ma così non è stato..ed io ancora non riesco a darmi pace.
      A volte ho momenti in cui non vedo l’ora il ciclo ritorni per riprovarci…a volte il dolore è talmente forte che non riesco a pensare di poter rivivere un’esperienza simile.
      Eppure diventare mamma è il desiderio più grande che ho..
      Leggere tutte voi mi fa bene..mi dà forza..quindi grazie anche a te :) ..
      ..spero di trovare un briciolo del tuo coraggio!
      In bocca al lupo!

      • Mi sento esattamente come te, domani dovrò fare il raschiamento…Non vedo l’ora di riprendere la mia attività ovulatoria, il mio ciclo… E sicuramente fisico permettendo ci riproveremo…Anche io ho sentito il cuoricino…Ho visto il video della prima eco a 7+3 30000 volte, lo so a memoria e purtroppo non va via dalla mente… Purtroppo solo chi ci passa può capire seppure ognuno ha le proprie reazioni…A me ha fatto bene sfogarmi con le persone ma al contempo la psicologia spicciola “andrà meglio la prossima”, “capita a molte” mi dava un fastidio e un rabbia assurda…Sicuramente non sarà più la stessa cosa, non sarà più soltanto una gioia, ma al contempo avremo una marcia in più, saremo forgiate dal dolore, saremo più forti di prima…

        • Oggi ho saputo i risultati della fetoscopia…era una femminuccia..ma una trisomia cromosomica l’ha resa incompatibile con la vita …

          • Mi dispiace tanto…L’anilisi fatta era l’esame citogenetico? Io ho avuto aborto “spontaneo” a circa un mese da quando il cuoricino ha smesso di battere, e successivo intervento d’urgenza per finire di ripulirmi l’utero e bloccare la grave emorragia, tutto ciò avvenuto la settimana scorsa. Adesso fisicamente sto bene, ma attendo con ansia il ciclo e i risultati degli esami (istologico,che non serve ad un granché, e citogenetico)…Ma ho paura che nonostante parte del tessuto embrionale prelevato sia stato troppo tardi per far sviluppare risultati….Tu dopo quanto tempo hai preso i risultati dell’esame?

            • Ciao Ange,
              Si era il citogenetico. I risultati li ho avuti dopo un mesetto, anche se ho visto che la data del referto era di 17 giorni dopo il raschiamento. Evidentemente bisogna tener conto anche dei tempi di trasmissione delle informazioni tra i reparti.
              Domani ho preso appuntamento con un genetista..giusto X non lasciare nulla al caso..contro anche il pensiero di chi mi dice che è stato un caso..sfortunato ma un caso :(

              • anche nel mio caso c’era una malformazione genetica non compatibile con la vita… son le cause più comuni di aborto spontaneo e quando il cariotipo dei genitori è normale la risposta che può dare il genetista è sempre questa “solo sfortuna”. Un abbraccio

                • Speriamo che sia stata solo sfortuna, un’altra domanda ho: dal risultato il ginecologo può comprendere se si è trattato di un caso oppure a prescindere dal tipo di risultato si prosegue con il cariotipo dei genitori per stabilire se l’anomalia è stata trasmessa da noi o meno… Scusate le domande ma da una parte ho una voglia matta di riprovare e sperare che la prossima vada bene, dall’altra ho paura che possa riaccadere e vorrei escludere qualsiasi pista negativa qualora ci fosse… :(

              • Ho capito, mi dispiace. Io ero alla mia prima e voluta gravidanza arrivata dopo un po’ di mesi di tentativi perché dovevo curare il mio ovaio policistico… Adesso attendiamo fiduciosi per la prossima e speriamo bene per entrambe! È stato un duro colpo, non riesco a immaginare il tuo dolore che sarà stato doppio presumo… Facciamoci forza e speriamo vivamente che dopo la tempesta torni il sereno!

              • Io ho insistito per fare tutti i controlli della poliabortivita nonostante fosse stato uno…e spero l’ultimo. Le parole del mio ginecologo sono state “è stato solo un caso, sfortunato, ma non si ripeterà” (sicuramente anche per infondermi fiducia). Il mio voler approfondire è legato anche al fatto che io sono stata operata per utero a T…che comunque è una piccola malformazione, e mio marito è a sua volta affetto da una retinopatia che ha origini genetiche.
                Anche se ci hanno già detto che non ha nulla a che vedere con ciò che è successo!!!
                Però dopo una “botta” così..alla prima gravidanza..dopo cure e mesi di tentativi…voglio fare tutto quello che mi renda l’animo un po’ più tranquillo :)
                Quindi stai tranquilla..e se riesci..non farti prendere dalle mie stesse angosce..
                E dal mese prossimo…si ricomincia ;)
                Come dice il mio dott..tutto ciò servirà a renderci mamme e donne più forti!
                Vi abbraccio e vi ringrazio di cuore X l’esistenza di questo blog!

  • Ciao a tutte. Mi sono imbattuta in questo post cercando conforto e speranze nel web..anche io come voi sto vivendo il mio periodo di lutto. Raschiamento tre giorni fa a 5 giorni di distanza da quel maledetto “mi dispiace non c’è più battito”. L’avevo sentito neanche 20 giorni prima.
    Inizialmente avevo messo in conto che potesse anche non andar bene..”non ti affezionare all’idea” mi ripetevano e mi ripetevo. Ma anche io ormai mi accarezzavo già la pancia pensando di coccolare quello che quest’estate avrei dovuto stringere tra le braccia. Dopo anni di tentativi, monitoraggi, interventi per malformazione uterina, pianti e preghiere.
    Era arrivato…Dio aveva concesso anche a noi la gioia di diventare genitori.
    Ora quella gioia è diventata strazio. La paura che possa riaccadere è talmente forte che non c’è più entusiasmo, non c’è più speranza. Il “ritentare” mi suona come un chiodo schiaccia chiodo…ma che io non voglio schiacciare.
    E quello sforzo sovrumano di sorridere e andare avanti, quel cercare di non piangere..gesto che agli occhi di tutti è “esagerato”..riesce a togliere tutte le energie.
    Scusate lo sfogo..ma almeno qui so di poter gridare il mio dolore a chi non tenterà di sminuirlo (anche a fin di bene)…perché lo stesso dolore le scorre nelle vene.
    Vi abbraccio tutte.
    O.

  • Grazie Elena per la tua storia. Mi ci ritrovo molto in quanto mi è successa la stessa cosa e le emozioni che sto provando sono le stesse. Dopo l’aborto inaspettato e il raschiamento ora spero di poter ritrovare la cicogna e che tutto questa volta vada a buon fine.

  • Ciao a tutte è la prima volta che scrivo a risposte di articoli o a forum di questo genere… e lo sto facendo perché in questo articolo mi ci sono ritrovata.. ho una bimba di 3 anni ed ho avuto due aborti consecutivi in 5-6 mesi.. il primo a marzo … ho sempre avuto un ciclo molto regolare e ad 1 solo giorno di ritardo feci il bhcg perché sentivo vari sintomi.. positivo…a 6.5 settimane dopo un rapporto avuto con mio marito ebbi delle perdite… andai al Ps e mentre attendevo di entrare mi resi conto che il ciclo era tornato .. nessun raschiamento… “succede” mi dissero “è un ciclo ritardato” aggiunsero.. ma come si fa dico io?! Una donna si sente mamma appena scopre di essere incinta non si può minimizzare in questo modo… comunque il dottore mi disse che nel momento in cui smisero i sintomi (che avvenne circa 4 giorni prima delle perdite) lo avevo perso.. arriva così giugno, il ritardo e dopo l’esperienza precedente aspettai 10 giorno di ritardo, (mi dissi che forse psicologicamente sarebbe cambiata la situazione)! Feci il bhcg..livelli molto alti e non vi dico l’euforia.. mi dissero di non avere rapporti nei primi 3 mesi e di non fare sforzi .. di non prendere neanche mia figlia in braccio ( :,( l ) e così feci.. ho fatto il beta credo ogni settimana fino ad arrivare al l’ecografia.. tutto ok il battito e grandezza normale… ero circa a 7.5 settimane… poi partii per per andare a trovare i miei suoceri fuori Italia e mentre ero lì decisi di fare un’eco.. ero di 10.2 settimane .. portammo nostra figlia con noi perché non sapevamo a chi lasciarla , e ricordo che poco prima di entrare dissi a mio marito “forse non avremmo dovuto portarla”.. gravidanza interrotta a 8.6 settimane.. lo avevo perso ancor prima di partire…rimasi immobile e dopo poco realizzai …non potevo sfogarmi perché avevo mia figlia vicino… la prima cosa che feci?! La presi in braccio e le chiesi scusa.. lei fu il mio primo pensiero… feci il raschiamento in quel caso… e pensare che dopo l’esperienza precedente spesso mi toccato il seno per sentire se la tensione c’era ancora, e c’era.. poi ho scoperto che i sintomi non scompaiono finché non si espelle la placenta… frasi del tipo “sei giovane hai tempo” “era un fagiolino” “meglio adesso che dopo” le ho ascoltate in entrambi gli aborti… e mi hanno fatto molto male… perché mi resi realmente che nessuno poteva capirmi in quel momento…mi sono resa conto che non lho superata e forse mai lo farò perché un aborto e’ un lutto, e con un lutto ci si convive…ma non si supera! Attualmente abbiamo deciso di riprovarci perché io VOGLIO dare un fratellino a mia figlia… ma ho tanta paura… sembrero’ scema ma so di essere rimasta incinta anche se non è arrivato ancora il ritardo perché troppo presto… ma lo so xke in tutte e tre le gravidanze ha cominciato a farmi male il seno ancor prima del ritardo.. mai fatto male per altro motivo… posso parlare liberamente qui… mi chiederete perché ci stai riprovando ? Perché io ho il dovere di farlo… con la speranza che il primo sia avvenuto per il non “attacchimento” e il secondo per il troppo stress… nel frattempo ho fatto tutte le analisi dovute e tutte sono ok.. ho fatto le analisi genetiche ed il ginecologo mi ha detto che se dovesse risultare qualcosa prenderemo le dovute accortezze… per i risultati ci vogliono altri 15 giorni… chiamatemi stupida e forse lo sono ma io devo superare questa cosa… la paura è tanta ,forse troppa… volevo ringraziarti per aver scritto questo articolo è per avermi dimostrato che non sono pazza.. spero solo vada tutto bene lo spero con tutto il cuore… scusate se mi sono prolungata a raccontare la mia storia ma credetemi era un po che non ne parlavo ma leggere questo articolo e i commenti di donne che come me hanno vissuto questa brutta esperienza mi ha fatto sentire parte di un qualcosa… insomma non sola :) grazie a tutte e spero che per tutte noi ci sarà la possibilità di vedere nuovamente a colori l’arcobaleno;) un abbraccio a tutte

  • ciao a tutte teoricamente sarei di 10+3 ma la settimana scorsa feci la mia prima visita ginecologica e la dott.sia con solo la classica visita mi comunicone che c era una ridatazione della gravidanza..l utero era senz’altro più piccolo non più di 6 settimane e tra le cause poteva esserci una gravidanza interrotta..già da quel momento qualcosa in me cambió come se avessi una strana consapevolezza. da li a 2 settimane avrei avuto la prima ecografia per capire effettivamente se andava tutto bene. dopo una settimana sono comparse le perdite marroni..la mattina successiva decido di andare al ps e dopo un ora e mezza di attesa un ecografia tranvaginale confermo che l embrione c era ma si era fermato alla 6 settimana…era come se me lo aspettassi ma vedere la foto di quel fagiolino mi ha distrutta. ora attendo settimana prossima l eco programmata 1 mese fa per avere la certezza che nn ci sia crescita della embrione. e sto avendo nel frattempo le solite perdite. vedremo cosa succederà in questa settimana. con tutta probabilità dovrò effettuare il raschiamento. io e mio marito siamo a terra ma comunque vorremmo riprovarci da subitissimo . anche noi nn abbiamo detto nulla a nessuno..ne della gravidanza ne dell aborto… abbiamo pensato che fosse meglio così per non avere i soliti commenti delle persone:” che può succedere..che c è tempo..che riproverete.” inutile dirlo il dolore c è come un vero e proprio lutto. tutto prima era colorato e ora in bianco e nero..prima mangiavo e bevevo sano per il mio piccolo..ora se mi ricordo di bere e già tanto. insomma un agonia…spero finisca presto . sono vicina a tutte le persone che hanno vissuto questa terribile perdita se pur alla inizio. vi abbraccio donne fortissime.

    • Ti sono vicina, so cosa stai vivendo e l’attesa é qualcosa di micidiale! Distraiti in questi gg che mancano prima del controllo ecografico e speriamo in una bella sorpresa : )

      • no genny, non ci spero anche perchè in queste ore sto continuando ad avere perdite e dolori addominali tipo ciclo. sul mio referto c’è scritto che mi devo recare i PS se le perdite ematiche aumentano…onestamente non vedo l’ora che avvenga perchè so che il mio “titino” cosi lo chiamavamo io e mio marito non c’è piu. Credo che sia veramente il momento più duro che abbia mai vissuto in vita mia…insomma..settimana scorsa ero la persona piu felice del mondo e ora…non vi dico…

  • Ciao a tutte, anch’io sono reduce da due aborti spontanei nel giro di 6 mesi, il primo a 12 settimane, all’improvviso ho avuto perdite di sangue rosso vivo, corsa al pronto soccorso dove hanno constatato l’assenza di battito e secondo loro era fermo da una decina di giorni, mi hanno tenuto lí per il raschiamento e così é finito tutto in un mix di sentimenti orribili, senso di colpa, tristezza, rabbia, impotenza. Mi sono detta che capita, certo, quasi allo scadere del terzo mese, stavo per cantare vittoria e ci sono rimasta ancora più male, però ho detto ok andiamo avanti anche perché ho una bimba che aveva 2 anni. La voglia di riprovarci subito era tanta ma abbiamo comunque aspettato i vari controlli e che finissero le perdite…quasi un mese e mezzo ininterrotto! Ero a pezzi. Poi a settembre ultimo ciclo, test positivo, faccio la visita a 5+5 troppo presto ma lo sapevo, sembrava tutto ok, controllo dopo una settimana per vedere se si fosse visto l’embrioncino invece sono cominciate delle perditine che sono diventate ciclo vero e proprio e alla visita della scorsa settimana non abbiamo fatto altro che vedere che non c’era più alcuna gravidanza. Sono sprofondata nel baratro, me la sono presa con Dio, due aborti consecutivi sono troppi da sopportare e superare, cosa devo dimostrare? Che sono forte? Potevo fare a meno di quest’altra batosta…poi ho ritrovato una strana serenità e adesso voglio riprovarci, però per l’ultima volta, ho quasi 39 anni e devo accettare i miei limiti. Perché parlarne? Forse per esorcizzare la paura e questa cosa disumana che ci é capitata e che può capire solo chi c’è passato. In bocca al lupo a tutte.

    • ciao gennaio solo tu dentro di te sai dove la tua forza può arrivare. se senti di volerlo provaci…provaci finché riesci. tu più che mai sai quanto è bello essere mamma. perché negarsi questa gioia di nuovo. in bocca al lupo tesoro. ti sono vicina

  • Ciao! Condivido ogni singolo punto di questo articolo! Ho due bambini e l’anno scorso ho perso il mio terzo all’ottava settimana. Ora sono incinta e ho scoperto di esserlo proprio nel giorno dell’anniversario del raschiamento. l’ho voluto prendere come un segnale dal mio angioletto, ciò non toglie che sono in preda alla paura che possa perdere anche questo. La cosa che mi fa arrabbiare maggiormente e che nn riesco a essere felice e ad affezionarmi a questa gravidanza, nonostante desideri moltissimo questo bambino. Speriamo che nelle prossime settimane vada meglio. In bocca al lupo a tutte

    • Ciao Raffaella…io ho 47 anni e ho appena vissuto per la prima volta nella mia vita quest’esperienza che mai avrei voluto provare….é stato devastante. Ho altri due figli e il terzo era desiderato ma non arrivava più e quindi mi ero messa l’animo in pace. Ad agosto ho scoperto di essere incinta é stato bellissimo fino al fatidico 13/09 dove ho scoperto che il cuoricino non batteva più.
      Adesso non ti nascondo che ci sto riprovando ma la paura é tanta….primo perché non so se ci riuscirò nuovamente e secondo…dovesse riaccadere vivrei con l’ansia per tutti i nove mesi…..per ora ti posso solo dire che ti sono vicina e incrocio anch’io le dita per te….un abbraccio
      Daniela :good: