Vaccino antinfluenzale in gravidanza e assenza di rischi per il bambino nella prima infanzia

È sicuro vaccinarsi contro l’influenza in gravidanza? Questa domanda è molto frequente tra  le donne in dolce attesa.

I risultati  di un ampio studio suggeriscono che il vaccino antinfluenzale in  gravidanza è sicura per la madre e il bambino.

Questa conclusione è l’esito di una ricerca pubblicata dall’autorevole rivista scientifica The BMJ   che conclude che non  esiste alcuna associazione tra l’esposizione al vaccino H1N1 (conosciuta come “influenza suina” del 2009)  durante la gravidanza e problemi di salute nella prima infanzia.

Si tratta di uno studio canadese che porta risultati rassicuranti nei confronti di  un vaccino molto importante che spesso non viene preso in considerazione.

Le donne in gravidanza e i loro neonati sono considerati ad alto rischio durante pandemie influenzali ed epidemie stagionali. Pertanto, molti paesi consigliano a tutte le donne in gravidanza di sottoporsi a un vaccino antinfluenzale, che può proteggere dall’influenza sia le madri che i loro bambini piccoli.

In linea con le raccomandazioni pubbliche nella maggior parte dei paesi, anche in Italia si prevede che a  tutte le donne in gravidanza debba essere offerta la vaccinazione per l’influenza.

I benefici della vaccinazione per le donne in gravidanza e i loro neonati sono ben documentati. L’influenza ha complicazioni rare ma pericolose e le donne in gravidanza sono molto più vulnerabili rispetto ad altri.

Nel report 2019 della SIGO si legge.  “Il Centro Europeo per il controllo delle Malattie (ECDC) stima che ogni anno, in Europa, si verifichino dai 4 ai 50 milioni di casi sintomatici di influenza e che 15.000/70.000 cittadini europei muoiano ogni anno per complicanze dell’influenza. Ogni anno il virus può cambiare e possono apparire continuamente delle nuove varianti. Le persone che soffrono di malattie croniche o con un sistema immunitario immaturo (i neonati) o depresso (le donne gravide) sono particolarmente a rischio. Nella popolazione delle donne gravide l’influenza stagionale aumenta il rischio di ospedalizzazione materna, prematurità, parto cesareo, distress fetale, basso peso del nascituro e interruzione di gravidanza. Anche nei neonati al di sotto dei 6 mesi di vita l’influenza aumenta il rischio di malattia severa e complicanze”

Sebbene prove sostanziali supportino la sicurezza della vaccinazione antinfluenzale per quanto riguarda  la salute dei neonati, pochi studi fino ad ora avevano valutato la salute dei bambini più grandi che sono stati esposti alla vaccinazione antinfluenzale in utero.

Vaccino antinfluenzale in gravidanza

Lo studio sulla sicurezza del vaccino antinfluenzale in gravidanza

I ricercatori di Canada e Stati Uniti sono andati a  valutare la relazione tra la vaccinazione contro l’influenza pandemica H1N1 del 2009 durante la gravidanza, e gli esiti sanitari nei bambini durante i primi cinque anni di vita.

Usando un registro  delle nascite collegato alle cartelle cliniche, hanno identificato tutti i bambini nati vivi da novembre 2009 a ottobre 2010 in Ontario (Canada), e hanno monitorato la salute di questi bambini fino ai 5 anni.

Dei 104.249 bambini, 31.295 (30%) sono nati da madri vaccinate.

Non è stato riscontrato un rischio elevato di cancro, infezioni, malattie croniche, ricoveri ospedalieri o morte nei bambini nati da madri vaccinate.

Si è inoltre  visto che le  infezioni gastrointestinali infantili, erano leggermente inferiori nei bambini nati da madri vaccinate, mentre l’asma infantile, era leggermente più elevato nei bambini nati da madri vaccinate. Queste associazioni erano molto piccole e i ricercatori affermano di non poter escludere la possibilità che ciò possa essere stato dovuto ad altri fattori non misurati (confondenti) che non potevano essere pienamente considerati nell’analisi.

Questo è uno studio osservazionale e, come tale, non può stabilire la causa. Tuttavia, i risultati sono rimasti sostanzialmente invariati dopo ulteriori analisi e sono coerenti con i risultati di altri studi simili.

In conclusione, i ricercatori affermano che i loro risultati sono rassicuranti e supportano il profilo di sicurezza della vaccinazione contro l’influenza pandemica H1N1 del 2009 durante la gravidanza.

Studi futuri in contesti diversi e con diverse formulazioni di vaccini antinfluenzali come i vaccini stagionali,  secondo i ricercatori “sono importanti per sviluppare la base di prove sugli esiti pediatrici a lungo termine a seguito della vaccinazione antinfluenzale durante la gravidanza”.

Il messaggio è chiaro. In un editoriale collegato allo studio i ricercatori coinvolti affermano:  “la vaccinazione contro l’influenza durante la gravidanza è, in base a  tutte le prove disponibili, sicura per la madre e la prole. Soprattutto in questa era di ansia e disinformazione” anti-vaxx “hanno concluso,” è nostro dovere essere chiari: la vaccinazione delle donne in gravidanza salva la vita“.

Per approfondire:

Laura K Walsh, Jessy Donelle, Linda Dodds, Steven Hawken, Kumanan Wilson, Eric I Benchimol, Pranesh Chakraborty, Astrid Guttmann, Jeffrey C Kwong, Noni E MacDonald, Justin R Ortiz, Ann E Sprague, Karina A Top, Mark C Walker, Shi Wu Wen, Deshayne B Fell. Health outcomes of young children born to mothers who received 2009 pandemic H1N1 influenza vaccination during pregnancy: retrospective cohort studyBMJ, 2019; l4151 DOI: 10.1136/bmj.l4151

Vaccinazione in gravidanza: https://www.sigo.it/wp-content/uploads/2019/03/Vaccinazioni_in_Gravidanza_14-03-19.pdf

 

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!
Hai un dubbio da chiarire (anche in forma anomina) o una esperienza da raccontare? Vieni a parlare con noi, ti stiamo aspettiamo!💬 Vai al forum


Elena

Biologa ad indirizzo fisiopatologico, laureata con lode all’Università di Padova, nel 2007 dopo il primo “mi spiace non c’è più battito”, con mio marito diamo vita a Periodofertile.it, un punto di informazione e di incontro per donne e mamme.
Nel 2019 ho conseguito il Master di II livello presso l'Università di Padova in Tecniche di Procreazione Medicalmente Assistita e Scienze della Riproduzione Umana.