Si può rimanere incinta subito dopo il parto?

Molto spesso le neomamme si domandano se sia possibile rimanere incinta subito dopo aver partorito il primo figlio, alcune perché lo desiderano, altre perché invece vogliono evitare una seconda gravidanza troppo ravvicinata.

Innanzitutto, è importante sottolineare che non si può prevedere quando si tornerà ad essere fertili dopo il parto. I tempi di ripresa dell’ovulazione sono totalmente soggettivi e affidarsi alle esperienze di amiche o conoscenti potrebbe essere fonte di grandi delusioni o sgradite sorprese.

Si può rimanere incinta subito dopo il parto?

Contrariamente a quanto spesso si crede, una donna può già rimanere incinta 3 settimane dopo il parto, anche se sta allattando al seno e il ciclo non è ancora tornato. Di conseguenza, per evitare una gravidanza inattesa, è fondamentale utilizzare un contraccettivo efficace.

In ogni caso, ricordiamo che è sempre consigliabile attendere circa 30-40 giorni prima di riprendere ad avere rapporti sessuali dopo il parto.

Si può rimanere incinta prima del capoparto?

Molte donne si chiedono se, dopo una gravidanza, sia possibile rimanere incinta prima della ripresa delle mestruazioni, ossia del cosiddetto capoparto. Come abbiamo già anticipato, la risposta è sì.

La ragione è semplice: mentre per alcune donne il primo ciclo dopo il parto è anovulatorio (ossia sterile), per altre è accompagnato dall’ovulazione, che precede di circa 2 settimane il ritorno delle mestruazioni. Ciò significa che, in caso di rapporti sessuali nel periodo fertile del ciclo, può avvenire il concepimento.

Poiché ogni donna è diversa ed è impossibile stabilire se e quando avverrà l’ovulazione prima del capoparto, le coppie che hanno ripreso l’attività sessuale e non desiderano una gravidanza devono quindi adottare un metodo anticoncezionale efficace.

Mentre si allatta si può rimanere incinta?

Anche se allattare al seno ha l’effetto di inibire la fertilità dopo il parto, è possibile rimanere incinta anche durante l’allattamento. Vediamo insieme perché.

Da un lato, è vero che la prolattina (ossia l’ormone che stimola la produzione di latte materno) ha l’effetto di ritardare l’ovulazione e di posticipare il ritorno delle mestruazioni.

Nelle donne che allattano esclusivamente al seno, quindi, è probabile che il capoparto avvenga diversi mesi e perfino dopo più di un anno dalla nascita del bambino.

In caso di allattamento misto, invece, le mestruazioni potrebbero presentarsi dopo 3-6 mesi, anche se molto dipende dai livelli di prolattina prodotta e da altri fattori soggettivi, variabili da donna a donna.

Per le mamme che non allattano, infine, il ciclo potrebbe riprendere già a circa 45-90 giorni dal parto, anche se sono possibili tempistiche più brevi.

D’altra parte, prevedere quando avverrà l’ovulazione dopo il parto è praticamente impossibile e pertanto, in assenza di precauzioni durante l’attività sessuale, è possibile rimanere incinta anche mentre si allatta.

Per evitare il rischio di una gravidanza, a meno che non si decida per l’astinenza dai rapporti, è quindi importante affidarsi a dei validi anticoncezionali compatibili con l’allattamento.

Oltre al preservativo o alla spirale, esistono degli speciali contraccettivi ormonali che possono essere assunti anche durante l’allattamento, come la minipillola (che contiene solo progesterone). Se sei interessata a conoscere tutte le opzioni a tua disposizione, consulta il tuo ginecologo di fiducia.

Quanto tempo si deve attendere dopo il parto per una nuova gravidanza?

Se desideri subito un altro bebè, ti starai probabilmente chiedendo se esistono dei tempi di attesa da rispettare. Naturalmente, molto dipende dalle tue condizioni di salute, dall’andamento della gravidanza precedente e dal tipo di parto che hai avuto.

In linea generale, si raccomanda di attendere almeno 6 mesi prima di rimanere nuovamente incinta dopo il parto, perché cercare un altro figlio prima di questa scadenza aumenta la probabilità di complicazioni, come basso peso alla nascita e parto prematuro.

L’ideale sarebbe aspettare almeno 18 mesi, per permettere al fisico un recupero ottimale e ridurre i rischi di una gravidanza troppo ravvicinata.

Per queste ragioni, se stai programmando una nuova gravidanza dopo il parto, il consiglio è quello di parlare con il tuo ginecologo di fiducia, per stabilire le tempistiche più adatte alla tua specifica situazione.

Fonti