Isterosalpingografia: cos’è, come si esegue e come prepararsi

L’isterosalpingografia  è una metodica radiologica di validità diagnostica e clinica. E’ uno degli esami principali per le donne che stanno eseguendo accertamenti per infertilità.

Si effettua per verificare se le tube di Falloppio sono  pervie o parzialmente o completamente bloccate. Può anche mostrare se l’interno dell’utero è di dimensioni e forma normali.

La non pervietà delle tube o le anomalie della forma dell’utero sono cause di infertilità.

Consiste nella introduzione in cavità uterina di un mezzo di contrasto iodato nattraverso un catetere.

Permette la visualizzazione della cavità uterina, l’opacizzazione della tube e il passaggio del contrasto nella cavità peritoneale permettendo di studiare la distribuzione tra le anse intestinali pelviche del contrasti.

Quindi non si valuta solo l’apparato genitale ma anche le strutture ad esso limitrofe.

È un esame da usare con parsimonia in quanto la donna viene sottoposta a radiazioni che coinvolgono l’apparato genitale e quindi i gameti. Anche per tale motivo si tende sempre pià frequentemente a sostituila con la sonoisterosalpingografia.

isterosalpingografia normale

 Quando si effettua l’isterosalpingografia?

Si effettua solitamente nella prima metà del ciclo mestruale, per ridurre al massimo la possibilità che possa essere in corso una gravidanza. In particolare si effettua la settimana che segue il termine del flusso mestruale  (8-12 pm).

La paziente deve essere informata che non può eseguire questo esame in caso gravidanza perchè provocherebbe un aborto.

Come si esegue l’esame?

Durante l’esame viene iniettato in utero e nelle tube di Falloppio un mezzo di contrasto attraverso un catetere.

L’iniezione del contrasto deve avvenire in modo lento. Durante l’iniezione vengono scattate diverse radiografie per documentare il percorso del mezzo di contrasto.

Il percorso del fluido si visualizza  sulla radiografia, delineando così la forma dell’utero e la pervietà o meno delle salpingi. Se sono pervie si opacizzano e il contrasto passa nella cavità peritoneale.

Si va a vedere anche la distribuzione del contrasto nella cavità peritoneale per valutare la posizione delle salpingi.

Prima dell’esame

L’esame va fatto a digiuno da 8 ore.

Alla paziente è chiesto di astenersi da rapporti sessuali non protetti dalla data di inizio delle
ultime mestruazioni fino a dopo l’esame  per evitare dei fare l’esame con una  gravidanza in corso. Bisogna inoltre  astenersi da qualsiasi rapporto anche protetto nei 3 giorni precedenti  l’esame e nei due giorni seguenti.

Il medico può consigliare l’assunzione di un antispastico per rilassare la muscolatura dal giorno prima dell’esame  e l’esecuzione di una lavanda vaginale.

Il medico potrebbe consigliare l’esecuzione di un clistere per svuotare l’intestino da fare il giorno prima e l’assunzione di un  antidolorifico un’ora prima della procedura. In alcuni casi può anche prescrivere un antibiotico da iniziare il giorno prima dell’esame. Parlatene con il vostro medico, solitamente ogni centro consegna le indicazioni da seguire per prepararsi al meglio all’esame.

Costo dell’isterosalpingografia

Si prescrizione medica il costo è quello del ticket, nei centri privati può variare dai 200 ai 300 euro.

L’isterosalpingografia è dolorosa?

Nel nostro forum puoi leggere le esperienze  e testimonianze di chi l’ha fatta.

L’esame comporta un po’ di disagio in quanto l’introduzione del contrasto  può causare una leggera distensione dell’utero e determinare un riflesso vagale, una  sensazione di fastidio e di leggero dolore (simil premestruale) che può permanere anche una volta finito l’esame.

Si può avere un leggero sanguinamento, debolezza, sensazione di vertigini e malessere allo stomaco.

Complicazioni

I problemi gravi dovuti all’esame (come la rottura o perforazione dell’utero) sono rari. Altri eventi avversi possono essere una reazione allergica al mezzo di contrasto,  o una infezione pelvica. Bisogna rivolgersi  sempre al medico se dopo l’esame  si manifestano i seguenti sintomi

  • Perdite vaginali maleodoranti
  • Vomito
  • Svenimenti
  • Forti dolori addominale o crampi
  • Sanguinamento vaginale importante
  • Febbre o brividi

Sarebbe sempre consigliato farsi accompagnare per non dover guidare al ritorno.

Cosa devo aspettarmi dopo l’esame?

Dopo l’isterosaplingografia si può avere una secrezione vaginale appiccicosa ( dovuta al mezzo di contrato)  delle volte striata di sangue.

Posso avere rapporti da subito?

La risposta varia da medico a medico, quindi parlatene con  il vostro medico di fiducia.

Mentre infatti per alcuni specialisti si possono avere rapporti per  la ricerca della gravidanza già dallo stesso mese dell’esame (i moderni macchinari hanno permesso una notevole riduzione della quantità  di radiazioni che vengono assorbite dalla paziente), per la maggior parte  sarebbe preferibile attendere almeno 2-3 mesi, per “smaltire” le radiazioni a cui si è sottoposte durante l’ isterosalpingografia.

Si è visto è che questo tipo di esame potrebbe favorire il concepimento nei  mesi successivi l’esecuzione, proprio per la “pulizia” che viene fatta alle tube attraverso il mezzo di contrasto In particolare si è visto che l’uso di un contrasto liposolubile può aumentare le possibilità di gravidanza del 10 % rispetto a quello idrosolubile. Al termine dell’esame diagnostico con esito normale si consiglia pertanto l’introduzione di un contrasto liposolubile per il loro potere antisettico (vedi video).

Alternative

L’alternativa semore più diffusa alla isterosaplingografia è la sonoisterosalpingografia che oltre a permettere di avere rapporti sin da subito dopo l’esame,  per la ricerca della gravidanza,  se eseguita da un bravo ecografista con l’aiuto di un ecografo 3D, permette una diagnosi efficace e con meno controindicazioni.

Si tratta infatti di un esame diagnostico che invece di impiegare le radiografie sfrutta le ecografie per visualizzare  la struttura dell’utero e la pervietà delle tube di Falloppio.

Ha il vantaggio di non usare radiazioni.  Attraverso uno specifico catetere endouterino vengono iniettati aria e soluzione fisiologica, oppire delle schiume, sotto il continuo monitoraggio ecografico.

Fonti:

American Congress of Obstetricians and Gynecologists

Medscape

Dreyer, Kim; Rijswijk, Joukje van; Mijatovic, Velja; Goddijn, Mariëtte; Verhoeve, Harold R.; Rooij, Ilse A.J. van; Hoek, Annemieke; Bourdrez, Petra; Nap, Annemiek W. (2017-05-18). “Oil-Based or Water-Based Contrast for Hysterosalpingography in Infertile Women”. New England Journal of Medicine. 376 (21): 2043–2052. doi:10.1056/nejmoa1612337.

“Hysterosalpingogram”. WebMD Medical Reference.
Foto courtesy of Dr Matt A. Morgan, Radiopaedia.org. From the case rID: 41788

Sei alla ricerca di una gravidanza o pensi di poter essere rimsta incinta e vuoi parlarne? (anche in modo anonimo) Abbiamo uno spazio speciale nel nostro forum.💬 Vai al forum

Puoi anche condividere subito la tua domanda o la tua esperienza. Ti avviseremo per email delle risposte.

Inviando accetti i termini di utilizzo e il trattamento dei dati



Lascia un commento