Spotting premestruale: quali sono le cause e come distinguerle?

Lo spotting premestruale è solitamente un sanguinamento vaginale leggero, irregolare, generalmente di colore marrone o rosso scuro che non dura di più di 1-2 giorni.

Lo spotting premestruale spesso non è legato a particolari problemi, e non sempre vi è una causa che lo può spiegare. Delle volte può essere un segnale precoce di gravidanza (in questo caso lo spotting diventa  sinonimo di perdite da impianto), in altri casi può essere il risultato di squilibri ormonali, dovuti magari alla cessazione della pillola, allo stress, o a una condizione di perimenopausa.

Ma andiamo a vedere le varie situazioni e come distinguerle.

Spotting in gravidanza

Un sanguinamento leggero può essere una indicazione di gravidanza, in questo caso, come dicevamo, si parla di perdite da impianto, e sono una conseguenza dell’annidamento della blastocisti in utero. Non sempre si verificano, anzi nella maggior parte delle gravidanze non si osserva alcun sanguinamento iniziale.

Il sanguinamento da impianto, quando avviene,  si verifica  1-2 settimane dopo il concepimento, periodo in cui una donna  si aspetterebbe di vedere le mestruazioni. Sebbene il sanguinamento da impianto sia solitamente più leggero del flusso mestruale, alcune donne potrebbero scambiarlo per un flusso mestruale  molto leggero e accorgersi tardivamente della gravidanza.

Nel dubbio è sempre consigliato fare un test di gravidanza.

Spotting da pillola anticoncezionale

La pillola anticoncezionale è una forma di contraccezione ormonale che agisce impedendo l’ovulazione e rendendo la cervice e l’utero meno favorevoli all’instaurarsi della gravidanza. Le pillole contengono ormoni sintetici che spesso vengono prescritte anche per  aiutare a regolare il ciclo mestruale di una donna.

Quando si inizia a prendere le pillola, la donna per i primi mesi di assunzione potrebbe sperimentare dello spotting poco prima del flusso mestruale.  Questo spotting è un segno che il corpo si sta adattando agli ormoni e non significa che la pillola non funzioni. In ogni caso è sempre bene avvisare il medico che ha prescritto la pillola se si verificano delle perdite anomale.

Spotting può verificarsi anche se si salta di assumere una pillola o  si prende la  pillola più tardi del solito.

In alcuni casi il medico potrebbe prescrivere un altro tipo di pillola.

spotting premestruale

Spotting da ovulazione

L’ovulazione avviene quando le ovaie rilasciano un ovocita. Questo processo di solito si verifica a metà del ciclo mestruale (o comunque 11-16 gg prima delle mestruazioni) e delle volte può provocare un leggero spotting.

Spotting da squilibri ormonali

Squilibri  ormonali, temporanei o cronici,  possono influenzare il ciclo mestruale di una persona e causare delle piccole perdite prima delle mestruazioni  vere e proprie.

Carenze di progesterone ad esempio possono manifestarsi con uno spotting prolungato nella fase post ovulatoria. Difficoltà ad ovulare possono causare frequenti momenti di spotting durante un ciclo mestruale. Tutte queste situazioni vanno segnalate al medico.

Spotting conseguente ai rapporti sessuali

I rapporti sessuali possono irritare i delicati tessuti della vagina, e possono causare una piccola quantità di sanguinamento. Se questo sanguinamento si verifica regolarmente, la coppia  potrebbe valutare  l’utilizzo di un lubrificante vaginale per ridurre il rischio di traumi ai tessuti durante il rapporto sessuale.

Sanguinamenti frequenti vanno in ogni caso segnalati al medico in quanto possono essere causati da infezioni  o altro.

Spotting perimenopausale

La menopausa è il momento della vita di una donna in cui termina la sua fertilità. Si dice che la donna è entrata in  menopausa quando sono passati almeno 12 mesi senza mestruazioni (l’età media in cui avviene  è di circa 50 anni).  La menopausa è pero preceduta da un periodo più o meno lungo chiamato perimenopausa.

La perimenopausa è il periodo di transizione verso la menopausa e può durare fino a 10 anni. Durante la perimenopausa, i livelli ormonali possono fluttuare in modo casuale, e questo può portare a sintomi come irregolarità mestruali  e cambiamenti nella lunghezza e nella  quantità di perdite mestruali.

Spotting per tumore al collo dell’utero

In rari casi, lo spotting premestruale  può essere un sintomo di cancro cervicale, che  si sviluppa nella cervice, l’area tra la vagina e l’utero.

Altri sintomi di questo tumore comprendono:

  • flussi mestruali più abbondanti e più lunghi del solito
  • sanguinamento dopo i rapporti sessuali
  • sanguinamento vaginale dopo la menopausa
  • dolore o fastidio durante i rapporti sessuali
  • perdite  vaginali anomale

Per escludere un tumore al collo dell’utero è importante sottoporsi al Pap-test che verifica la presenza di cellule tumorali  nella cervice.

Differenze tra spotting e flusso mestruale

Una mestruazione scarsa delle volte può assomigliare allo spotting e viceversa. I due fattori che possono aiutare una donna  a capire se il sanguinamento è una vera mestruazione  oppure no, sono la durata e la quantità delle perdite.

Una mestruazione in genere dura  circa almeno 4 giorni, mentre lo spotting dura solo 1 o 2 giorni. Durante una mestruazione si perde abbastanza sangue da riempire un assorbente. Il sangue mestruale è generalmente rosso mentre lo spotting  è spesso rosso scuro o marrone.

Quando si deve consultare il medico?

Lo spotting premestruale non è di solito un motivo di preoccupazione ma è bene contattare il medico se nota la fase luteale più corta, se lo spotting dura molti giorni, e se si sospetta qualche problema che causa preoccupazione.

È bene  consultare il ginecologo anche se oltre allo spotting compaiono i seguenti sintomi:

  • un odore insolito
  • irritazione e disagio vaginale
  • muco vaginale che contiene sangue o ha un aspetto simile a quello della ricotta
  • febbre o stanchezza inspiegabili

Le donne che invece e sospettano una gravidanza possono semplicemente fare un test di gravidanza casalingo.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!
Sei alla ricerca di una gravidanza o pensi di poter essere rimasta incinta e vuoi parlarne? (anche in modo anonimo) Abbiamo uno spazio speciale nel nostro forum.💬 Vai al forum


Elena

Biologa ad indirizzo fisiopatologico, laureata con lode all’Università di Padova, nel 2007 dopo il primo “mi spiace non c’è più battito”, con mio marito diamo vita a Periodofertile.it, un punto di informazione e di incontro per donne e mamme.
Nel 2019 ho conseguito il Master di II livello presso l'Università di Padova in Tecniche di Procreazione Medicalmente Assistita e Scienze della Riproduzione Umana.