Quanto tempo serve per rimanere incinta?

Quanto tempo serve per rimanere incinta

Quanto tempo serve per rimanere incinta? Dare una risposta univoca non è possibile, perchè i tempi variano da donna a donna e da coppia a coppia.

Esistono inoltre una serie di fattori che possono influenzare la possibilità di concepimento di una coppia, tra cui:

  • Età della donna e dell’uomo
  • Salute generale della coppia
  • Salute riproduttiva della coppia
  • Frequenza dei rapporti sessuali

Perchè la mia amica al primo tentativo e io no?

Alcune donne rimangono incinte rapidamente, mentre altre impiegano più tempo. Questo può essere irritante o demoralizzante, ma è un fatto normale.

La maggior parte delle coppie (circa 85 su 100) ottiene la gravidanza entro un anno di rapporti regolari e mirati. Qualcuna ci riuscirà al primo tentativo, altre nei primi 5-6 mesi e altre ancora ento i 12 mesi.

Sulle tempistiche ha un ruolo importante l’età della donna.

La fertilità della donna  cala con il passare degli anni (dopo i 36 e ancora di più dopo i 40).  Uno studio ha rilevato che tra le coppie che hanno rapporti sessuali regolari e non protetti:

  • se la donna ha un’età compresa tra 19 e 26 anni: il 92% concepirà entro  1 anno e il 98% entro  2 anni
  • se la donna ha un’età compresa tra 35 e 39 anni:  l’82% concepirà dopo 1 anno e il 90% dopo 2 anni

L’effetto dell’età sulla fertilità maschile è meno chiaro.

Cosa significa “rapporti sessuali regolari”?

Significa avere rappoti sessuali ogni 2 o 3 giorni durante tutto l’arco del ciclo mestruale (cioè tra una mestruaizone e l’altra).

Quindi niente osservazione dei sintomi, niente calcoli, niente test ovulazione, solo rapporti frequenti per evitare lo stress dell’individuare il periodo fertile.

Quando si parla di rapporti  in prossimità dell’ovulazione,  si parla invece di rapporti mirati e secondo  il  britannico NICE  (The National Institute for Health and Care Excellence) monitorare i giorni fertili in modo assiduo per poter concentrare i rapporti nei giorni fertili potrebbe  essere fonte di stress.
Se invece per voi è importante capire quando siete fertili, allora è fondamentale imparare a riconoscere i sintomi dell’ovulazione, o usare i test ovulazione o monitorare la temperatura basale.

Problemi di fertilità

1 coppia su 5  è infertile e le cause dell’incapacità di avere un bambino è legata a vari fattori, come:

  • disturbi ormonali (endocrini), come la sindrome dell’ovaio policistico (PCOS) e problemi con la tiroide o le ghiandole pituitarie
  • disturbi fisici, come obesità, anoressia nervosa o esercizio eccessivo
  • fumo di sigaretta, fattori ambientali..
  • disturbi del sistema riproduttivo, come infezioni, ostruzione delle tube di Falloppio, endometriosi o un basso numero di spermatozoi

Il problema può esser quindi maschile (40%) o femminile (40%) o di entrambi.

Le causa più comune sono  l’insufficienza dell’ovulazione (che può essere determinata da cause diverse) e i disturbi dello sperma.

Nel 25% delle coppie, i problemi di fertilità non possono essere spiegati.

Cosa fare se la gravidanza non arriva?

Fondamentale è la visita ginecologica, che anderebbe fatta nel momento in cui si inziia la ricerca di un bambino. Durante la visita la coppia può spiegare eventuali problematiche esistenti, in questo modo si possono già inidividuare  alcuni problemi di fertilità e intervenire prima che i tempi della ricerca di allunghino.  In questa sede il ginecologo prescriverà alla donna l’acido folico.

Se è tutto apparentemente a posto ma la gravidanza non arriva entro il primo anno di tentativi (o dopo i primi 6 mesi se la donna ha più di 36 anni), è importante iniziare a fare alcuni accertamenti.

Ulteriori informazioni

 

Sei alla ricerca di una gravidanza o pensi di poter essere rimsta incinta e vuoi parlarne? (anche in modo anonimo) Abbiamo uno spazio speciale nel nostro forum.💬 Vai al forum

Puoi anche condividere subito la tua domanda o la tua esperienza. Ti avviseremo per email delle risposte.

Inviando accetti i termini di utilizzo e il trattamento dei dati



Elena

Biologa ad indirizzo fisiopatologico, laureata con lode all’Università di Padova, nel 2007 dopo il primo “mi spiace non c’è più battito”, con mio marito diamo vita a Periodofertile.it, un punto di informazione e di incontro per donne e mamme.
Attualmente sto seguendo un Master di II livello presso l'Università di Padova in Tecniche di Procreazione Medicalmente Assistita e Scienze della Riproduzione Umana.

Lascia un commento