9 erbe per aumentare la fertilità

La maternità per ogni donna rappresenta un qualcosa di davvero speciale, così tanto importante da essere desiderata fin dall’adolescenza e se tarda ad arrivare una volta diventate adulte ci si può affidare ai rimedi naturali per aumentare la fertilità.
Ecco quindi un semplice elenco di piante che possono essere utilizzate dalle donne per aiutare il concepimento quando non c’è nulla di patologico.

Le 9 piante sono:

  • Maca
  • Olio di lino
  • Trifoglio rosso
  • Foglie di lamponi rossi
  • Foglie di ortiche
  • Agnocasto
  • Actaea
  • La mora rossa
  • Cammissonia

La maca è conosciuta anche come la pianta della felicità perchè ha effetti afrodisiaci. I suoi effetti:
– Nella donna aiuta a stimolare i follicoli e a produrre ovociti, regolarizza il ciclo mestruale.
– Nell’uomo aiuta gli spermatozoi ad avere una ottima capacità di fecondazione.

La maca è ottima anche per la scarsa lubrificazione e per i rapporti dolorosi dovuti da questa in quanto essendo un afrodisiaco aumenta il desiderio sessuale determinando una vasodilatazione e quindi un aumento della produzione di liquidi vaginali. La maca mantiene regolare la produzione di Fsh e Lh aiutando l’ovulazione, migliorando quindi la fertilità. E’ l’Fsh che stimola la maturazione degli spermatozoi e dell’ovulo e Lh che aiuta la maturazione di quest’ultimo e aumenta il livello della potenza sessuale nell’uomo.
La maca è fonte di sali minerali come il calcio e il magnesio, il potassio e il fosforo che aiutano sempre con la riproduzione. La vitamina presente è la B!
Dosaggio e somministrazione sono da decidere con la propria ostetrica in base alla necessità della donna.
La maca non deve essere presa durante la gravidanza. Si può trovare sotto forma di capsule o polvere.
La dracontium loretense e il camu-camu hanno caratteristiche simili alla maca e prese tutte insieme danno dei risultati magici.

L’olio di lino aiuta a produrre in modo stabile l’estrogeno ed è pieno di mega 3 e 6, vitamina B, potassio, magnesio, zinco e proteine.

olio di lino

Il Trifoglio rosso è un antichissimo rimedio per la fertilità perchè possiede attività simili a quella degli estrogeni, inoltre contiene vitamine, minerali e tutt questo da nutrimento all’utero. E’ controindicato in allattamento e gravidanza.

Le foglie di lamponi rossi sono da prendere sotto forma di tisana o decotto sia per la ricerca della cicogna che in dolce attesa. Hanno un alto profilo nutrizionale e sono ricche di calcio che è un tonico della muscolatura dell’utero. Inoltre il lampone aumenta il desiderio sessuale.

Le foglie di ortica, è sempre un altro tè che può essere assunto sia prima che durante la gravidanza ed ha un contenuti altissimo di vitamina K che è quella vitamina che preserva dalle emorragie. Oltre ad essere un tonico uterino è anche un potente antistress.

L’Agnocasto esiste sotto forma di integratore e bastano poche assunzioni per aumentare la fertilità della donna quando il problema è ormonale e dato dalla produzione alta di prolattina e bassa di progesterone. Questa pianta è conosciuta anche come erba delle donne.

L’actaea racemosa è una pianta che stimola la produzione dell’ovaio e aiuta anche nei dolori mestruali perchè ha un effetto antispasmodico. Non va assunta durante i giorni di ovulazione ma due settimane dopo la fine del ciclo.

La Mora rossa ha altissime proprietà nutritive e aumenta il tono muscolare dell’utero. Ha un potere anche afrodisiaco e quindi aumenta la libidine.

La Camissonia ovata è indicata per migliorare la qualità del muco cervicale e va assunta prima dell’ovulazione in quanto favorisce il passaggio degli spermatozoi nel canale vaginale fino all’incontro con l’ovulo. Non assumere in gravidanza perchè può provocare delle contrazioni uterine.

Dopo questo elenco non vi resta che andare in erboristeria e una volta tornate a casa farvi una bella tisana e cercare la cicogna con positività e gioia.

Si devono assumere tutte assieme?

La combinazione delle erbe può essere fatta in base alle necessità ma anche ai  gusti personali. Ogni erba ha delle qualità, agisce per una determinata cosa e viene assunta in tempi diversi e questo verrà spiegato dalla erborista di fiducia che conosce anche se la donna ha delle patologie in atto e prende già dei farmaci. Sono delle piante ma questo non vuol dire che ogni persona possa prenderle.
L’olio di lino e la Maca invece sono da prendere singolarmente ma volendo anche contemporaneamente.

Dott.ssa Ostetrica Sara Notarantonio

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!
Sei alla ricerca di una gravidanza o pensi di poter essere rimasta incinta e vuoi parlarne? (anche in modo anonimo) Abbiamo uno spazio speciale nel nostro forum.💬 Vai al forum