Vitamine, sali minerali: gli effetti sulla fertilità

Parliamo frequentemente di stili di vita sani, di alimentazione bilanciata , di movimento fisico moderato e costante per vivere in salute e favorire la fertilità.

Quando si parla di dieta bilanciata si intende una dieta che fornisca  tutti i nutrienti necessari.

Nonostante la ricchezza alimentare che ci circonda solo il 15 % delle donne i 13% degli uomini mangia quelle 5 porzioni giornaliere di frutta e verdura raccomandate da tutti i nutrizionisti, per non parlare delle due porzioni di pesce a settimana o dei cereali integrali.E anche chi cerca di mangiare in modo regolare spesso non introduce i quantitativi sufficienti di vitamine e minerali  essenziali per la fertilità come l’acido folico, il selenio e la vitamina D. Spesso sono carenti anche di magnesio e omega 3.

I metodi di produzione e lavorazione degli alimenti e anche la loro conservazione  spesso contribuiscono a privare i cibi del loro contenuto nutrizionale. Se dovessimo confrontarli con quelli di 50 anni fa si noterebbero delle enormi differenze.

Per questo in molti casi si rende necessaria una integrazione di sali minerali e vitamine la cui carenza può essere diagnosticata  con un normale prelievo del sangue.

Vitamina A

In genere non è  prevista negli integratori prenatali perchè ad alte dosi può essere tossica per il feto.E’ una vitamina importante per l’assorbimento delle proteine, per lo sviluppo dei follicoli, per la crescita dell’embrione, per la salute della tiroide e per il sistema immunitario.

Fonti di vitamina A sono: latticini interi, uova, pesce azzurro.

32659363_s

Betacarotene

Il betacarotene è una provitamina contenuta nelle carote e in numerosi vegetali a cui conferisce colorazione rossa o arancio. Dal suo metabolismo si ottiene la vitamina A.

Alti livelli nel corpo luteo sono correlati con  buoni livelli di progesterone.

Fonti di betacarotene: frutta e verdure gialle, roseo o arancioni e verdure a foglia verde.

Vitamina E

Importante antiossidante, lavora insieme al selenio e alla vitaminaa C per ridurrei danni da radicali liberi; fluidifica il sangue e regola il flusso mestruale

Fonti di vitamina E: olio di semi, germe di grano, noci, verdura a foglie verdi.

Vitamina B6

Aumenta la presenza nel cervello di sue sostanze molto importanti la serotonina e la dopamina che agiscono controllando la produzione di FSH e LH.

Aiuta inoltre a regolare i livelli di estrogeni e progesterone.

Fonte: cereali integrali, banane, patate. pesce, latticini, avocado, avena, ceci,semi e  lenticchie

Acido folico

L’acido folico aiuta a prevenire i difetti del tubo neurale del feto.  E’ necessario un apporto supplementare quotidiano di 400 mcg preferibilmente da tre mesi prima del concepimento.

Fonti: verdure a foglia verde,  avena, cereali integrali e legumi.

Vitamina B3

Importante per la regolazione dei valori della glicemia nel sangue e nella priduzione di ormoni implicati nella riproduzione.

Fonti: uova, pesce, pollo, cereali integrali e avocado.

Vitamina B12

La vitamina B12 è importante per la formazione dei globuli rossi  del sangue. Lavora in tandem con l’acido folico per prevenire malformazioni a carico del tubo neurale fetale e aiuta a regolarizzare l’ovulazione.

Fonte: alimenti di origine animale (carne, pesce, pollo, latticini , uova).I vegani dovrebbero controllarne i valori ematici e prendere un supplemento se carenti perchè la vitamina B12 presente nelle alghe marine non è assimilabile dagli esseri umani.

Vitamina C

Aiuta a regolare l’ovulazione e potrebbe aiutare l’effetto del clomifene ( il clomid) .

La vitamina C è un importante antiossidante, lavora a braccetto con la vitamina E proteggendo le uova in maturazione dai danni dello stress ossidativo.

Vitamina D

Molte donne sono carenti di vitamina D e sempre più studi stanno dimostrando quanto sia importante avere buoni livelli di vitamina D per la fertilità  e per il successo dei trattamenti di fecondazione assistita.Si ottiene da due fonti: cibo e esposizione al sole.

I cibi che la contengono sono: uova, pesce azzurro, sardine, aringhe, tonno, salmone e sgombro. I cereali per la prima colazione spesso vengono arricchiti di vitamina D.

Gli effetti della vitamina D negli studi :

Uno studio condotto su 67 done con cicli anovulatori, ha evidenziato che il 93% di tali donne era carente di vitamina D. Il supplemento di vitamina D si è visto  che aiuta a ristabilire la funzione ovulatoria. La carenza di vitamina D è molto diffusa tra le donne che soffrono di PCOS. Un supplemento di vitamina D combinato con il calcio può aiutare a regolarizzare cicli irregolari.

Una carenza di vitamina D è comune anche tra le persone che soffrono di malattie autoimmuni e problemi infiammatori

Una carenza di vitamina D è spesso legata ad aborti spontanei ed inoltre aumenta di 5 volte il rischio di pre-eclampsia in caso di gravidanza.

Un supplemento di vitamina D può aumentare la funzione immunitaria della placenta e proteggerla quindi dalle infezioni.

Ferro

E’ importantissimo per il trasporto dell’ossigeno da parte dei globuli rossi. Una carenza di ferro causa cicli anovulatori e problemi in gravidanza.

Bassi livelli  di ferro possono essere legati a infertilità

Fonti:  carne rossa, pollo, pesce, uova, legumi, verdure a foglia verde scuro come gli spinaci, albicocche e prugne secche.

Vegani e vegetariani dovrebbero controllarne i livelli almeno 6 settimane prima  provare a concepire o di sottoporsi a un trattamento di fecondazione assistita, i n modo da ripristinare i livelli con una integrazione se necessario.

Iodio

E’ essenziale per il corretto funzionamento della tiroide, ghiandola che va ad influenzare parecchio la fertilità

Gli studiosi hanno trovato una correlazione tra i livelli di iodio  presenti nel fluido follicolare e lo sviluppo dei follicoli stessi.

In gravidanza è importante per lo sviluppo cerebrale fetale.

Fonti: pesce, latticini, sale iodato, molluschi.

Magnesio

Molte donne hanno bassi livelli di magnesio nel sangue.

Bassi livelli di magnesio possono essere correlati in squilibri ormonali e aborto spontanei.

Fonti: verdure a foglia verde, noci, mandorle e semi.

Selenio

Antiossidante  che protegge le uova e l’embrione dai danni dei radicali liberi.E’ un elemento importante per la tiroide il cui corretto funzionamento è essenziale per la fertilità.

Sembra inoltre sia importante nella prevenzione degli aborti e pre-eclampsia.

Fonte: broccoli, uova, frutti di mare, aglio, cipolla e similari, asparagi e funghi.

Zinco

Lo zinco è particolarmente importante nella sintesi del DNA, e per i recettori degli estrogeni, del progesterone, del testosterone, della vitamina D e degli ormoni tiroidei.

Fonte: frutti di mare, carne, semi di girasole, ostriche, germe di grano.

Tutto su alimentazione e fertilita
Sei alla ricerca di una gravidanza o pensi di poter essere rimsta incinta e vuoi parlarne? (anche in modo anonimo) Abbiamo uno spazio speciale nel nostro forum.💬 Vai al forum

Puoi anche condividere subito la tua domanda o la tua esperienza. Ti avviseremo per email delle risposte.

Inviando accetti i termini di utilizzo e il trattamento dei dati



Lascia un commento

3 Commenti

  • Non riesco a rimanere incinta è da tre anni che provo con il mio ragazzo da sette mesi che prendo acido folico ma niente. ..ho fatto tutti i controlli ma non arriva mi devasta vedere tutte le mie amiche che mi dicono di essere in dolce attesa per puro caso senza averlo in progetto aiutatemi che posso fare?:sweating:

    • Cara Maria, mi dispiace sentirti così disperata. Anche noi siamo alla ricerca da 18 mesi. Avete fatto dei contro medici ? Un buon ginecologo potrebbe essere di aiuto
      A presto

      • Si purtroppo lo scorso giugno ero rimasta incinta ma per un’infezione ho avuto un aborto…ho fatto i controlli fatto cura ma niente. ..il ginecologo mi ha detto che è dovuto al fatto che il corpo deve riprepararsi ma io sono disperata certo ho ancora 20 anni ma il mio desiderio e il suo è molto. Ho perso mia madre 10 mesi fa e purtroppo lo stress è tanto mi sento stufa e amareggiata di questa vita mai una gioia
        :crying: