Concepimento » La storia delle mestruazioni: tra tessuti, assorbenti, tamponi e coppette mestruali.

La storia delle mestruazioni: tra tessuti, assorbenti, tamponi e coppette mestruali.

Ti sei mai chiesta come sono nati e come sono evoluti i prodotti mestruali come li conosciamo oggi?

storia delle mestruazioni

La storia dei prodotti mestruali può essere fatta risalire a diversi millenni. Molte invenzioni del passato sono state un prodotto di necessità, usando materiali disponibili al momento. Nel mondo occidentale, le opzioni di oggi offrono una maggiore libertà di scelta ed espressione. I prodotti mestruali si sono evoluti nel tempo (o devoluti, in molti casi), e molti condividono ancora un obiettivo comune: nascondere o risolvere il cosiddetto “problema” delle mestruazioni.

Protezione mestruale pre-20 ° secolo

Le donne nel corso della storia hanno raccolto sangue mestruale usando materiali come scarti di tessuto e altri materiali tessili, pellicce di animali, spugne naturali e muschio per migliaia di anni.

Registrati per utilizzare gli stumenti di PeriodoFertile per la ricerca della gravidanza.
Proseguendo, confermo di accettare i termini di utilizzo e il trattamento dei miei dati di Periodo Fertile.

Nell’antica Grecia, piccoli pezzi di lana assorbente venivano avvolti attorno a stecche di legno e inseriti vaginalmente.

Si pensa che gli antichi egizi abbiano usato le fibre di papiro in modo simile, nonostante l’incapacità del materiale di assorbire il liquido.

Alcune popolazioni indigene usavano tappeti di erba su cui si sarebbero accovacciati, l’erba naturalmente assorbiva il sangue in una cassetta creata appositamente per le persone che avevano le mestruazioni.

Nell’antica cultura cinese, la sabbia o l’erba secca erano strettamente imballate e quindi avvolte in tessuto prima di essere utilizzate come dispositivo a forma di cuscinetto per la protezione.

L’arrivo di prodotti mestruali monouso

I primissimi cuscinetti usa e getta erano un prodotto di necessità bellica; gli infermieri che lavorano in Francia hanno iniziato a utilizzare bende di pasta di legno come cuscinetti a causa del basso costo del materiale e della capacità di assorbire quantità significativamente elevate di sangue.

Durante la prima guerra mondiale la Kimberly-Clarke Company, che produceva bende, produceva cuscinetti usa e getta per i soldati americani. I pad erano fissati a un dispositivo simile a una cintura che doveva tenere il pad in posizione (secondo gli storici, questi pad erano famosi per non scivolare mentre la persona che li indossava si muoveva).

Nel 1896 furono introdotti i primi cuscinetti mestruali monouso in un mercato nordamericano. Realizzati da Johnson & Johnson, i cuscinetti sono stati venduti come “Lister’s Towels” o “Sanitary Napkins for Ladies”. A causa delle rigide restrizioni pubblicitarie che vietavano la commercializzazione dei cuscinetti, il prodotto non sorprendentemente non riusciva a realizzare profitti e alla fine è stato sospeso.

Ci sono stati due aspetti principali di vantaggio per le persone che desiderano utilizzare prodotti usa e getta: discrezione e costo (un grave problema che ancora esiste attualmente). Quando Kotex iniziò a produrre cuscinetti monouso all’inizio degli anni 1920, fu un fallimento commerciale fino a quando non furono finalmente pubblicizzati in un catalogo Montgomery Ward. Nupak, un marchio di cuscinetti usa e getta introdotto nello stesso periodo, ha avuto un maggiore successo commerciale grazie al suo packaging discreto e alla pubblicità (destinata alle donne “delicate”).

La vergogna imposta socialmente, legata ai prodotti mestruali usa e getta, era così diffusa in Canada e negli Stati Uniti che, al fine di acquistare i prodotti, una scatola con una fessura per denaro è stata collocata nella parte anteriore del negozio per evitare l’interazione tra il cliente e l’impiegato del negozio.

I primi tamponi usa e getta disponibili in commercio furono introdotti nel 1931, sebbene come con i tamponi usa e getta, le versioni fatte in casa erano state usate molto prima del loro arrivo.

Le istruzioni del pacchetto sottolineavano che l’utente poteva ancora fare pipì mentre ne indossava uno illustrando la differenza tra l’uretra e l’apertura vaginale, fornendo anche rassicurazione che il prodotto non avrebbe in alcun modo causato la perdita della propria verginità (un’idea sbagliata che rimane popolare anche oggi).

Prodotti mestruali monouso negli anni ’60 e oltre

Fino al 1969, anno in cui Stayfree ha debuttato con il primo assorbente adesivo al mondo, i cuscinetti sono stati mantenuti in posizione grazie all’uso di una cintura sanitaria. ì

Durante gli anni ’80, i prodotti mestruali monouso sono diventati obiettivi di inutili innovazioni: è stato introdotto un tampone ultra-assorbente (e quindi rimosso dagli scaffali dopo essere stato collegato ad un aumento dei casi di sindrome da shock tossico) e sono stati introdotti tamponi anti “cattivi odori”, ma alla fine sono stati tolti anche questi dal commercio.

Una curiosità strabiliante.

La prima coppetta mestruale riutilizzabile è stata brevettata per la prima volta nel 1932. Il suo inventore, un’attrice, imprenditrice e autrice americana di nome Leona Chalmers, ha anche scritto il libro “The Intimate Side of a Woman’s Life ” un manuale che affronta le questioni relative alle mestruazioni, igiene, attività fisica e irrigazione vaginale (di cui era una forte sostenitrice).

Sebbene il prodotto di Chalmer alla fine sia stato sospeso nel 1937 a causa delle restrizioni dell’era della Seconda Guerra Mondiale sulla gomma, i futuri brevetti di coppette mestruali continuerebbero ad essere fatti di gomma fino al 2001, quando divenne disponibile il primo modello in silicone per uso medico.

Gli assorbenti in tessuto lavabile, che erano stati in gran parte abbandonati per gli assorbenti mestruali usa e getta nel corso del XX secolo, hanno avuto una rinascita dalla fine degli anni ’70. Gli ultimi 10 anni hanno mostrato una crescente attenzione alla sostenibilità e alla consapevolezza ambientale.

Registrati per utilizzare gli stumenti di PeriodoFertile per la ricerca della gravidanza.
Proseguendo, confermo di accettare i termini di utilizzo e il trattamento dei miei dati di Periodo Fertile.
Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!
Sei alla ricerca di una gravidanza o pensi di poter essere rimasta incinta e vuoi parlarne? (anche in modo anonimo) Abbiamo uno spazio speciale nel nostro forum.💬 Vai al forum

Ostetrica Sara Notarantonio

Mi sono laureata presso la facoltà di Ostetricia dell’ospedale dell’Aquila con la tesi “L’ecografia in gravidanza” con il voto di 110 e lode.
Mi occupo di gravidanza, nascita, puerperio, allattamento e puericultura promuovendo la consapevolezza, la scelta informata, Il Maternage, la tutela del benessere materno – infantile e il diritto alla nascita indisturbata.