Fertilità

Infertilità secondaria: quando il secondo figlio non arriva

Quando si ha già un figlio si pensa che averne un altro non rappresenti un problema e che arrivi nei tempi previsti.

Non sempre è così. Quando un figlio non arriva senza l’aiuto di trattamenti per la fertilità, dopo aver già portato a termine una gravidanza, si parla di infertilità secondaria.

L’infertilità secondaria può essere tanto frequente quanto quella primaria.

Molto spesso alle donne che cercano un secondo figlio senza successo viene detto di “accontentarsi” del figlio che si ha, ringraziando il fatto  di averne almeno uno. Questo sicuramente non aiuta la coppia ma anzi, se possibile, ne aumenta la frustrazione con i sensi di colpa verso le donne che non riescono ad avere nemmeno un bambino.

Queste coppie, queste donne e questi uomini, hanno gli stessi diritti di desiderare un secondo figlio tanto quelli che non hanno ancora avuto un bambino.

E non c’è motivo di vergogna nell’esprimere i propri desideri di maternità e paternità.

infertilita_secondaria



Le cause dell’infertilità secondaria

L’età è la principale causa di infertilità secondaria. La qualità delle cellule uovo di una donna inizia a scendere dopo i  35 anni circa, indipendentemente dal fatto che abbia o meno avuto figli.

Ovviamente invecchiare non è l’unico motivo dell’infertilità secondaria.  A volte ci sono problemi sorti da una precedente gravidanza, come aderenze e cicatrici, oppure altre condizioni, come l’endometriosi, la presenza di fibromi uterini, il diabete, o le malattie della tiroide. Può capitare anche che la donna abbia cambiato partner  e il nuovo compagno abbia un basso numero di spermatozoi.Per questo motivo uno dei primi controlli da fare è proprio lo spermiogramma al nuovo partner, se la donna aveva già avuto figli in precedenza.

Come procedere

La maggior parte dei medici fa percorrere ai pazienti solitamente  lo stesso iter dell’infertilità primaria (verifica dell numero di spermatozoi, valutazione dell’ovulazione, controllo della pervietà tubarica, ecc.).

Se non viene trovata alcuna causa evidente , in base all’età della donna si  consiglia la fecondazione assistita se non è più giovanissima. Altrimenti si percorre la via dei trattamenti più semplici fatti di cicli monitorati e stimolazione con il clomifene (clomid).

Ovviamente nessuna di queste tecniche, nemmeno la fecondazione in vitro,  garantisce  il successo. Se queste tecniche dovessero fallire rimane  la fecondazione eterologa con la donazione dei gameti.

Se proprio nessuna di queste tecniche portasse all’effetto desiderato, non sottovalutate l’adozione.

Lascia un commento

 Avvisami per ogni commento a questo articolo

 Avvisami delle risposte a questo commento

Se vuoi, aggiungi una foto al tuo commento, verrà elaborata in qualche minuto.

5 Commenti

    • delle volte dipende dall’età, se hai più di 35-37 anni serve più tempo per riuscire a concepire. altre volte può essere il tuo lui che ha qualche problema di fertilità ( sempre bene fare uno spermiogramma di controllo) In ogni caso puoi farti prescrivere gli esami ormonali ( compresi quelli della tiroide ) e un tampone cervicale per vedere se ci sono infezioni che possono impedire la gravidanza. il tuo ginecologo ovviamente di dirà cosa è meglio fare

  • Io o già 2 bimbe adesso cerco un terzo ma non arriva.o provato clomid fmdufaston puntura di gonasi ma niente mentre sono apposto non o niente di preoccupante.

  • Da quando sono riuscita ad avere un bimbo, ho compiuto 35 anni e il mio peso è schizzato, non riseco più a rimanere incinta, è mi vergogno cosi tanto che mi sento quasi colpevole, tanto da non entrare più in questo sito, ma ogni volta che entro mi commuovo. Non trovo nessun altro luogo dove mi sento accettata e voluta bene per come sono. Articoli come questo non se ne trovano tanti in giro. Vi ringrazio tantissimo , i miei 90 kg mi fanno dimenticare di essere una donna, voi no.

    Sono mamma di Gabriele (2 anni e 10 mesi circa)