Ricomincia la scuola: il decalogo dei Pediatri per iniziare con il piede giusto

Ricomincia la scuola (aiuto!!!), come iniziare l’anno scolastico nel modo giusto?

Sicuramente ognuno avrà messo a punto delle “proprie strategie di sopravvivenza” per non rendere troppo complicato il ritorno alla routine lavorativa e scolastica.

A tal proposito i pediatri della Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale ci danno, come sempre,  utili suggerimenti  per salutare l’estate e affrontare al meglio il rientro sui banchi, per grandi e piccini.

La parola d’ordine quando si tratta di iniziare una nuova avventura scolastica, è la coerenza intesa anche come regolarità. In questo modo sarà più semplice riprendere il ritmo, sia per i bambini, ma anche per mamme e papà.

Mese per mese tante piccole notizie ed idee per stare bene con il piccolo e tutta la famiglia. In regalo il manuale dello svezzamento di Madegus!
  
Proseguendo, confermo di accettare i termini di utilizzo e il trattamento dei miei dati di Periodo Fertile.

ritorno a scuola

Il decalogo per ricominciare la scuola con il piede  giusto secondo la SIPPS

Riportiamo di seguito il decalogo della SIPPS che contiene, secondo il Presidente, dott. Giuseppe Di Mauro, delle regole semplici ma comunque efficaci, per rendere meno traumatico il ritorno dalle vacanze.

  1.  Impostare l’orario di sveglia adeguato alla ripresa dell’attività scolastica
  2. Andare a letto prima la sera per avere ore di sonno sufficienti a far riposare l’organismo
  3. Utilizzare un’alimentazione regolare basata su 5 pasti al giorno scanditi come segue: colazione, spuntino di metà mattino, pranzo, merenda, cena, applicando i principi della dieta mediterranea, con cibi provenienti da coltivazione biologica, abbandonando gli inevitabili strappi alimentari fuori programma dell’estate
  4. Finire i compiti delle vacanze dando spazio alla ripresa di periodi di studio alternati al gioco: una ripresa graduale del leggere o dello scrivere serve a non arrivare a scuola con in testa solo il divertimento e il gioco
  5. Programmare o riprendere uno stile di vita sano nell’accompagnare il bambino a scuola: sì a percorsi pedonali condivisi, no all’accompagnamento in auto fin sotto i gradini della scuola
  6. Non trasmettere ansie al bambino per l’organizzazione dei tempi e degli impegni che inevitabilmente i genitori devono considerare nella ripresa della vita quotidiana
  7. Prendersi del tempo tra genitori e figli per ripensare alle esperienze estive (positive e/o negative per memorizzarle e renderle un patrimonio importante nel percorso di crescita)
  8. Coinvolgere il bambino nelle scelte per il nuovo anno scolastico: acquisto di una nuova cartella, ovvero sistemazione degli “arnesi di lavoro” pronti per la ripresa delle attività (penne, astuccio, quaderni, ecc.)
  9. Riprendere i contatti con i coetanei compagni di scuola per ricollegarsi in modo piacevole alla prossima routine scolastica
  10. Pensare all’iscrizione a corsi di sport o di giochi strutturati per l’anno a venire in base alle attitudini del bambino

A queste regole,   spiega  il Dottor Luca Bernardo, Responsabile Rapporti con Enti e Istituzioni della SIPPS e Direttore Casa Pediatrica ASST Fatebenefratelli Sacco di Milano, va affiancato anche il consiglio di non far utilizzare ai bambini videogiochi, tablet, pc e tv, prima di andare a letto. Questi dispositivi elettronici infatti possono creare agitazione nel bambino che faticherebbero, di conseguenza, ad addormentarsi.  Preferibile prima della messa a letto, un momento di condivisione famigliare,  si può parlare assieme ai figli  dei momenti belli della giornata, di può fare qualche gioco insieme o scegliere la lettura di qualche libro.

Fonte

Comunicato stampa SIPPS.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!


Elena

Biologa ad indirizzo fisiopatologico, laureata con lode all’Università di Padova, nel 2007 dopo il primo “mi spiace non c’è più battito”, con mio marito diamo vita a Periodofertile.it, un punto di informazione e di incontro per donne e mamme.
Nel 2019 ho conseguito il Master di II livello presso l'Università di Padova in Tecniche di Procreazione Medicalmente Assistita e Scienze della Riproduzione Umana.