FattoreMamma Network
Fertilità Ovulazione e Concepimento

Il metodo di Ogino-Knaus

ofino knaus

Questo schema che può essere utilizzato da donne i cui cicli mestruali sono lunghi tra i 26 e 32 giorni

Il metodo di Ogino-Knaus per identificare il periodo fertile di una donna è nato come sistema anticoncezionale, ma lo si può utilizzare per identificare in modo probabilistico  i giorni fertili, ovvero quelli vicini al momento dell’ovulazione.

Il principio si basa su osservazioni statistiche del momento nel quale avviene l’ovulazione nella donna e quindi non può determinare il giorno esatto dell’ovulazione ma solo un periodo di maggiore probabilità.

Il calcolo

Il calcolo è relativamente semplice: conoscendo la durata del proprio ciclo, si sottraggono 14 giorni dalla presunta data del prossimo flusso mestruale ed il giorno ottenuto è quello centrale del probabile periodo di ovulazione. Il periodo completo secondo Ogino-Knaus va da due giorni prima a due giorni dopo quello centrale.

Il calcolo utilizza il giorno presunto del prossimo ciclo che quindi è noto solo per le donne che hanno un ciclo regolare. Se una donna ha un ciclo molto variabile, il periodo di probabile ovulazione calcolato diventa inaffidabile.

I periodi ottenibili con il calcolatore

Una volta nota la data dell’ultima mestruazione e la sua durata, si conosce anche la data (presunta) di inizio del ciclo successivo. A questa si applica la formula di Ogino-Knaus e si può dividere il ciclo in diverse parti con diversi livelli di fertilità.

giorni non fertili sono quelli lontani dal periodo nel quale ci sarà l’ovulazione e quindi un rapporto sessuale durante il periodo non fertile non dovrebbe dare inizio ad una gravidanza.

Attenzione: nulla è garantito e madre natura può riservare delle sorprese. Se capita una ovulazione anticipata o ritardata o se il ciclo è irregolare, usare il metodo di Ogino-Knaus come anticoncezionale può essere rischioso. Se invece lo si usa per cercare una gravidanza… ovviamente non si corre alcun rischio!

I giorni fertili del calendario sono quelli nei quali un rapporto sessuale potrebbe portare ad una gravidanza. Questi giorni non necessariamente sono quelli nei quali ci sarà l’ovulazione. Gli spermatozoi, infatti, possono sopravvivere 3 o anche 5 giorni all’interno dell’utero. L’ovulazione quindi potrebbe avvenire anche a distanza di alcuni giorni dal rapporto e si potrebbe comunque verificare la fecondazione.

Per questo motivo il calcolatore che indica i giorni nei quali avere un rapporto sessuale per rimanere incinta indica giorni alterni “attorno” al periodo dell’ovulazione.

I giorni dell’ovulazione sono quelli che il calcolatore indica come probabili per l’ovulazione. L’ovulazione avviene un giorno preciso e l’ovulo sopravvive per poche ore: se gli spermatozoi sono presenti può avvenire la fecondazione.

Ora che sai come funziona, puoi fare il calcolo del periodo fertile con Ogino-Knaus.

L’ovulazione non è dopo 14 giorni

E’ diffusa l’abitudine ad identificare il giorno di ovulazione dopo 14 giorni dall’inizio del ciclo. Questo è vero, sempre statisticamente, solo se il ciclo mestruale completo dura 28 giorni e si ha una fase luteale di 14 giorni, cosa non corrispondente per moltissime donne.

Il metodo di Ogino dà effettivamente come giorno centrale del periodo fertile il 14-esimo dalla mestruazione con un ciclo di 28 giorni, ma se il ciclo è di 29 il giorno diventa il 15-esimo e via dicendo. Infatti il calcolo va fatto al rovescio: si sottraggono 14 giorni dall’inizio (presunto) del ciclo successivo.

Altri metodi per individuare l’ovulazione

Il metodo di Ogino è utile come primo approccio, ma è poco preciso. Altri metodi sono molto più sicuri ed aiutano anche a conoscere meglio il proprio corpo ed il proprio ciclo mestruale:

Immagine: Wikimedia Commons

Lascia un commento

 Avvisami per ogni commento a questo articolo

 Avvisami delle risposte a questo commento

Se vuoi, aggiungi una foto al tuo commento, verrà elaborata in qualche minuto.

505 Commenti