Come lavare i capi dei bimbi in modo eco

Tre sono le cose certe che sappiamo sui neonati e cioè 1) che hanno un odore fantastico; 2) che sono piccoli, fragili e con la pelle delicata; 3) e che sono in grado da soli -tra macchie di latte, di rigurgiti e di pupù- di produrre in poco tempo una montagna di panni da lavare! Forti no? 😉

Ecco, tra i nuovi compiti che i neo genitori sono chiamati a svolgere, c’è proprio quello di lavare il corredino del neonato a ciclo continuo. E l’arduo è farlo senza rovinare i capi, igienizzando bene tutto e possibilmente senza sprechi e in modo eco.

come lavare i capi dei bimbi

Come lavare i capi dei bimbi in modo eco

Come dicevo, lavare gli indumenti dei bebé richiede attenzione soprattutto perché la loro pelle è estremamente delicata e sensibile. Per questo, la cosa più consigliata è fare il bucato usando alcune accortezze e utilizzando detergenti neutri e ipoallergenici, oppure prodotti specifici nati appositamente per la pelle dei neonati, meglio se sono ecologici e se non contengono fosfati.

Lavare con prodotti eco e bio

Di detersivi eco e bio in commercio se ne trovano ormai di tutti i tipi, soprattutto perché le persone che vogliono utilizzare prodotti sicuri ed ecologici sono sempre di più. Ma quali sono i veri detersivi ecologici e bio e soprattutto come riconoscere quelli seri da quelli furbi?
In un detersivo ecologico e biologico: 1) gli ingredienti devono essere tutti di origine vegetale, 2) devono essere indicati in etichetta attraverso l’INCI name e non attraverso la composizione chimica, 3) il detersivo deve avere una certificazione e non una autocertificazione, 4) i prodotti non devono essere testati su animali.
Perciò durante l’acquisto occorre fare attenzione e leggere bene le etichette. Capita infatti che alcuni prodotti dichiarino di essere “verdi” senza che lo siano veramente. Per questo non bastano le autodichiarazioni del produttore, ma bisogna che siano presenti le certificazioni europee. Ecco quelle più comuni che è bene imparare a riconoscere

Ciao, posso accompagnarti nei primi mesi del tuo piccolo?
Mese per mese tante piccole notizie ed idee per stare bene con il piccolo e tutta la famiglia. Elena.
  
Proseguendo, confermo di accettare i termini di utilizzo e il trattamento dei miei dati di Periodo Fertile.

e che garantiscono tutto quello che vi ho scritto sopra.

Lavare senza detersivi

Un altro modo per fare il bucato in maniera eco e bio è sicuramente quello di lavare senza detersivi. Sì lo so può sembrare poco sicuro per l’igiene, ma molti non sanno che, soprattutto gli indumenti e gli accessori poco sporchi o che vengono lavati di frequente, possono venire ugualmente puliti grazie alla sola azione pulente dell’acqua, resa ancora più efficace dal lavaggio meccanico della lavatrice.  Per avere un’azione ancora più energico ed aumentarne l’efficacia, ho letto che alcune mamme infilano nel cestello delle palline da tennis o anche una patata infilata dentro un calzino. Tentar non nuoce.

Usare prodotti/detersivi naturali

Se però non si vuole rinunciare ai detersivi una valida alternativa è fare il bucato con i prodotti naturali. Quelli più utilizzati sono l’aceto, il bicarbonato, percarbonato e carbonato di sodio, acido citrico, sapone di Marsiglia, periossido di idrogeno, citrato di sodio, sapone alga. Per utilizzarli nel modo migliore, occorre seguire le ricette con le dosi e gli ingredienti giusti. I detersivi fai da te per il bucato infatti sono sì dei validi sostituti, ma bisogna conoscerne bene il meccanismo e realizzarli nel modo giusto. Sul web però di ricette per fare detersivi fai da te ce ne sono così tante che difficile orientarsi e per trovare quella giusta e capire se fa al caso nostro. purtroppo occorre provarle un po’ tutte. Io ve ne segnalo due che pare funzionino meglio di altre:
ricetta detersivo fai da te al citrato di sodio
detersivo ecologico al sapone alga

Meno detersivo in lavatrice

Un altro buon consiglio per cercare di fare un bucato Eco e quello di utilizzare meno detersivo di quanto si è abituati ad usare. Molti infatti pensano che ad una quantità maggiore di detersivo corrisponda una maggiore pulizia dei capi. Non è così. Spesso per lavare bene i vestitini dei bambini non serve abbondare con il detersivo, quanto pretrattare le macchie con sapone di Marsiglia o con prodotti naturali e fare un bell’ammollo prima di mettere tutto in lavatrice. È bene strofinare energicamente la biancheria con macchie ostinate come bavaglini e asciugamani ed essere più delicate con body e tutine. I risultati possono essere sorprendenti!

Metodi per sbiancare in modo naturale

Anche se avere un bucato splendente è sicuramente piacevole e gratificante, i primi prodotti ad essere assolutamente sconsigliati per il bucato dei bebè sono proprio il cloro e gli sbiancanti chimici. Oltre ad essere nemici dell’ambiente, sono troppo aggressivi e possono provocare irritazioni alla pelle dei piccoli.
Per sbiancare in modo naturale è possibile:

  1. Aggiungere mezza tazza di aceto bianco al normale detersivo o lasciare in ammollo in acqua e aceto per qualche ora prima del lavaggio.
  2. Aggiungere mezza tazza di bicarbonato di sodio al detersivo e fare il lavaggio normale. Se le macchie sono resistenti si può applicare il bicarbonato di sodio direttamente sulla macchia e pretrattare.
  3. Preparare una soluzione con acqua sapone, un cucchiaio di sale e il succo di due limoni e lasciare in ammollo.
  4. Aggiungere mezza tazza di acqua ossigenata al detersivo o pretrattare applicandola direttamente sulle macchie più resistenti.

Non usare ammorbidenti

Uno dei prodotti sconsigliati in caso di bucato eco e per bambini è l’ammorbidente. Oltre ad avere un forte impatto sull’ambiente, gli ammorbidenti che si trovano in commercio lasciano residui “cerosi” affatto facili da eliminare e che possono provocare irritazioni.
Per avere un bucato morbido senza utilizzare l’ammorbidente molti consigliano di aggiungere al bucato l’aceto. Ho letto però che a questo è preferibile l’acido citrico che è meno inquinante dell’aceto (si anche l’aceto un po’ inquina) ed è molto più efficace. Per realizzare un buon ammorbidente fai da te ecologico si può versare 100g di acido citrico su un contenitore contenente un litro di acqua calda e agitare sempre prima dell’uso. Per ogni lavaggio basta versare 50 ml della soluzione nella vaschetta dell’ ammorbidente.
ricetta ammorbidente fai da te.

Dato che l’acido citrico -considerato da chi lo ha provato come un prodotto naturale ottimo per il bucato e per le pulizie- non si trova in tutti i negozi, vi metto il link dove potete trovarlo on line → dove si trova l’acido citrico

Come lavare i pannolini lavabili

Tra tutte le cose da lavare dei bambini possono anche esserci anche i pannolini. Sempre più famiglie infatti, sia per una scelta eco sia per motivi di risparmio, decidono di utilizzare i pannolini lavabili. Per lavarli non ci sono regole vere e proprie da rispettare, se non quella di attenersi ai consigli che ogni casa produttrice scrive in etichetta. Comunque per saperne di più, potete leggere come fa la nostra Francesca →come lavare i pannolini lavabili.


Come in tutte le cose comunque anche per fare un bucato eco bisogna usare il buon senso. Sì dunque a prodotti naturali e certificati e ad un uso controllato di saponi e detersivi, sì a fare attenzione a non sprecare acqua ed energia, sì ad informarsi bene nel caso di prodotti fai da te.



Doria Vannozzi

Mi chiamo Doria e sono appassionata di web, comunicazione e creatività. Amo tantissimo fare lavori manuali, probabilmente ce l’ho nel dna.
La stanza in cui lavoro è piena di libri, stoffe, gomitoli e cassette degli arnesi…praticamente una via di mezzo tra una biblioteca, una sartoria e un’officina.

Lascia un commento

1 Commento

-->