Come realizzare un cuscino allattamento fai da te

Il cuscino per l’allattamento è uno di quegli accessori che se non lo hai mai provato pensi sia solo uno sfizio e invece non lo è. Cioè intendiamoci, si può allattare anche senza cuscino intorno ci mancherebbe, ma chi lo ha provato è testimone che è comodissimo e che può fare la differenza (io per esempio sono una di quelle che a suo tempo non lo lasciava mai).

Non sto qui ad elencarti i mille mila pregi di un cuscino allattamento perché immagino che già li sai, ti dico solo che se hai un po’ di tempo a disposizione e sai cucire (o chi per te) puoi realizzare un cuscino allattamento fai da te direttamente a casa tua senza andarlo a comprare.

Mese per mese tante piccole notizie ed idee per stare bene con il piccolo e tutta la famiglia. In regalo il manuale dello svezzamento di Madegus!
  
Proseguendo, confermo di accettare i termini di utilizzo e il trattamento dei miei dati di Periodo Fertile.

Per aiutarti ed avere un’idea di come fare, ne ho fatto uno io e puoi seguire il mio tutorial, anche se per quanto riguarda la forma e l’imbottitura sei libera di scegliere quella che vuoi.

 Cuscino allattamento fai da te

Cuscino allattamento fai da te: come realizzarne uno

Forma. Ho visto cuscini per l’allattamento dalle forme più disparate e tutte molto comode. Io ho scelto di farne uno “a forma di boomerang” con laccetti che si possono stringere a seconda delle esigenze.

Questa forma è molto versatile: se usato aperto può essere utile in gravidanza, se usato chiuso e raccolto con i laccetti è un comodo cuscino per allattare e un utile nido dove appoggiare il bambino anche dopo lo svezzamento

cuscino-allattamento-fai-da-te-1

Per fare il cuscino mi sono procurata una stoffa in morbido cotone lavabile in lavatrice e l’ho distesa sul tavolo.

cuscino-allattamento-fai-da-te-2

Ho tagliato due pezzi identici ( la stoffa va messa doppia, meglio se dritto contro dritto) secondo le misure che mi sembravano più idonee e che ho indicato nella foto.

Le misure che io ho usato comunque non sono tassative, per cui il cuscino può essere fatto anche più lungo o più largo a seconda delle necessità.

cuscino-allattamento-fai-da-te-3

Una volta tagliati i due pezzi ho fissato tutti i margini con gli spilli

cuscino-allattamento-fai-da-te-4

e sono passata a cucire tutto intorno con un semplice punto dritto, lasciando però aperte le due estremità.

cuscino-allattamento-fai-da-te-5

Imbottitura. Io ho usato due vecchi cuscini lavati e ben puliti e li ho ripiegati su se stessi in modo da formare una sorta di morbido tubo e li ho fissati cucendone i lati lunghi.

cuscino-allattamento-fai-da-te-6

Con pazienza ho infilato i cuscini dentro alla fodera del cuscino per l’allattamento

cuscino-allattamento-fai-da-te-7

e con ago e filo ho chiuso le due estremità che avevo lasciato aperte.

Volendo, invece di cucire a mano, le aperture possono essere chiuse con il velcro adesivo. In questo modo togliere e mettere la fodera quando va lavata sarà più veloce.

cuscino-allattamento-fai-da-te8

Infine ho tagliato e cucito nelle due estremità del cuscino due laccetti utili a stringere e tenere più raccolto il cuscino.

Suggerimenti per l’imbottitura

Come hai visto, per l’imbottitura io ho usato due vecchi cuscini, ma ovviamente puoi riempire il tuo cuscino allattamento fai da te anche in altri modi.
La soluzione più pratica è utilizzare l’ovatta per imbottiture. Se ne hai in casa puoi utilizzare quella di vecchi cuscini, oppure puoi acquistarla nei negozi di stoffe o merceria.
Se però vuoi fare un cuscino per l’allattamento più naturale possibile, l’imbottitura più consigliata è la pula di farro che si può trovare anche in rete acquistabile a peso.

Buon lavoro!

Scritto da Doria Vannozzi di Unideanellemani

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!


Doria Vannozzi

Mi chiamo Doria e sono appassionata di web, comunicazione e creatività. Amo tantissimo fare lavori manuali, probabilmente ce l’ho nel dna.
La stanza in cui lavoro è piena di libri, stoffe, gomitoli e cassette degli arnesi…praticamente una via di mezzo tra una biblioteca, una sartoria e un’officina.