Capezzolo piatto o rientrante e allattamento al seno

Tra  le difficoltà dell’allattamento al seno  ritroviamo una condizione rappresentata dal capezzolo piatto o rientrante. Si tratta di una conformazione del seno della donna che non preclude l’allattamento, anzi possiamo dire che la forma del capezzolo non è determinante del  successo o meno dell’allattamento al seno.

I capezzoli della mamma  possono avere molte forme e dimensioni. Mentre la maggior parte dei capezzoli sporgono e sono facili da afferrare per il bambino, ci sono alcune variazioni nelle dimensioni e nella forma che potrebbero rendere un po’ più difficile l’allattamento.

Mese per mese tante piccole notizie ed idee per stare bene con il piccolo e tutta la famiglia. In regalo il manuale dello svezzamento di Madegus!
  
Proseguendo, confermo di accettare i termini di utilizzo e il trattamento dei miei dati di Periodo Fertile.

Normalmente affinchè un bambino venga allattato in modo efficace, deve riuscire ad afferrare il capezzolo e allungarlo in avanti e verso l’alto contro palato.

Nelle donne che sono in gravidanza per la prima volta, è  comune che il capezzolo non sporga completamente. Circa un terzo delle madri sperimenterà un certo grado di inversione, ma poiché la pelle cambia e diventa più elastica durante la gravidanza, solo circa il dieci percento avrà ancora una certa inversione nel momento in cui nasce il bambino. È probabile inoltre che il grado di inversione diminuisca con le successive gravidanze.

Dato che il   bambino forma una tettarella non solo dal capezzolo ma anche dal tessuto mammario circostante, la maggior parte dei capezzoli invertiti o piatti non causerà problemi durante l’allattamento.

capezzolo piatto

Come capire se il capezzolo è piatto o rientrante?

Prima di preoccuparsi dell’allattamento bisogna effettivamente capire se il capezzolo è piatto o rientrante. Il consiglio primario è quello di parlarne con l’ostetrica o il ginecologo o una consulente per l’allattamento.

In gravidanza potete fare in autonomia un semplice test: tenete il seno all’estremità dell’areola tra il pollice e l’indice. Premete delicatamente ma con fermezza l’area dietro acapezzolo. Se il tuo capezzolo sporge… benissimo!. Se non sporge viene considerato piatto. Se si ritrae o scompare, è effettivamente  invertito. Se con questo test i vostri  ì capezzoli sporgono, non sono realmente invertiti e probabilmente non causeranno alcun problema quando allatterete il ​​bambino.

Un capezzolo veramente invertito è causato da aderenze alla base del capezzolo che legano la pelle al tessuto sottostante.  Poiché le mammelle funzionano indipendentemente l’una dall’altra, non è insolito che una madre abbia un capezzolo piatto o capovolto o che abbia un capezzolo che sporge più dell’altro. Per lo stesso motivo, non è insolito che una madre produca più latte da un seno rispetto all’altro.

allattamento capezzolo piatto o rientrante

Cosa fare in caso di capezzolo piatto o rientrante

Il capezzolo piatto o rientrante  può rappresentare una difficoltà ma non per questo compromettere il successo dell’allattamento al seno.

In questi casi il bambino deve attaccarsi all’areola mammaria ed è pertanto di fondamentale importanza  controllare la modalità con cui un bambino si attacca al seno.

  • Per aiutare la presa dell’areola da parte del bambino, sorreggete con una mano aperta a C il seno
  • Cercate di prevenire l’ingorgo mammario in modo da non rendere più difficile l’attacco al seno
  • se la presa risulta dolorosa o difficile potete aiutarvi con dei dispositivi che vendono in farmacia o nei negozi specializzati  per aiutarvi  a far uscire maggiormente il capezzolo prima della poppata. In alcuni casi potreste aver bisogno di usare il paracapezzolo durante la poppata.
  • se la difficoltà permane, su consgilio del pediatra potreste provare a spremere il latte dal seno e poi somministrarlo al bambino con il biberon.

 



Elena

Biologa ad indirizzo fisiopatologico, laureata con lode all’Università di Padova, nel 2007 dopo il primo “mi spiace non c’è più battito”, con mio marito diamo vita a Periodofertile.it, un punto di informazione e di incontro per donne e mamme.
Attualmente sto seguendo un Master di II livello presso l'Università di Padova in Tecniche di Procreazione Medicalmente Assistita e Scienze della Riproduzione Umana.

Lascia un commento