Come e quando iniziano a parlare i bambini?

I primi 3 anni di vita del bambino sono i più importanti per lo sviluppo del linguaggio e rappresentano il periodo in cui imparano a parlare .

Come fanno  i bambini ad imparare a parlare?

I bambini imparano a parlare guardando, ascoltando e rispondendo alle persone che li circondano.Sono attorniati da mille stimoli e assorbono informazioni in ogni istante.

Nei primi mesi, il bambino ascolta la  voce della mamma e del papà o comunque delle persone che vivono attorno a lui quotidianamente, e cerca di ripetere gli stessi suoni che emettono gli adulti. Quando voi gli rispondete  e cercate di “conversare” con lui, il bambino  di conseguenza si sentirà ulteriormente incoraggiato e stimolato a continuare nei suoi esperimenti comunicativi. E così mano a mano che cresce imparerà nuovi suoni, nuove sillabe e parole.

15726088_s

Come posso capire se il mio bambino sta imparando a parlare nei tempi previsti ?

Ci sono alcune tappe base di sviluppo del linguaggio, comuni alla maggior parte dei bambini e servono per capire se il bambino sta imparando a parlare nei tempi previsti.

  • A 6 mesi di età , il bambino sa ripetere suoni come  “la, la”, “ba , ba” o ” da, da ” (lallazione)
  • Entro il  primo anno età, il bambino sa dire alcune parole semplici.
  • All’età di 18 mesi, il   bambino sa pronunciare numerose parole.
  • Entro i 2 anni il bambino inizia a mettere insieme le parole, ad esempio ” basta mamma”, “ancora latte”.

Entro  i 3 anni , il bambino sa parlare usando 2-3 frasi alla volta.

Se mio figlio non sta parlando nei tempi previsti ?

Se pensate che il vostro bambino abbia qualche problema di linguaggio parlatene con il pediatra di fiducia,  che eventualmente potrà inviarvi da uno specialista per una consulenza..

Ci sono diverse situazioni che possono causare un ritardo nel parlare. Ad esempio:

  • problemi di udito
  • Problemi con il movimento della lingua o con il palato
  • Problema relativi alla zona cerebrale deputata al linguaggio

Il modo migliore per aiutare il vostro bambino che presenta un ritardo nel linguaggio è quello di affrontare precocemente il problema . Con il trattamento precoce, c’è una buona probabilità che il la capacità linguistica del  vostro bambino possa migliorare e /o risolversi.

Come posso aiutare il mio bambino ad imparare a parlare?

Innanzitutto parlate con lui, fin da quando è nel pancione. Dalla nascita continuate a farlo, parlategli, raccontategli storie, cantate con lui delle canzoni. Tutto questo aiuterà il vostro bimbo ad imparare ad emettere suoni e a comunicare.

Imperdibile per le neomamme
Mese per mese i consigli migliori per te ed il tuo bambino.
  
Proseguendo, confermo di accettare i termini di utilizzo e il trattamento dei miei dati di Periodo Fertile.

Rispondete con parole ai suoni del vostro bambino. Se per esempio il bambino vi indica una banana e dice  “ee – ee” voi rispondetegli con un  “Vuoi mangiare la banana?”. In questo modo inziierà ad associare il nome e il suono corretto alle cose.

Insieme alla voce usate anche segnali con la mano e gesti per aiutarlo a capire cosa state dicendo.

Parlate con il vostro bambino per tutta la giornata. Mentre siete in passeggiata ad esempio o mentre fate la spesa con lui: date sempre uno nome alle cose e descrivete quello che state facendo.

Rispondete sempre alle domande del vostro bambino perché per lui ricevere delle risposte è importantissimo.
Non fate l’errore di parlare  con il linguaggio dei bambini (il cosiddetto “bimbese“), ma usate sempre e solo parole reali.

Leggetegli delle fiabe, ogni giorno a partire dai 6 mesi di età, ma anche da prima se volete.
Ascoltare i grandi che leggono ad alta voce, aiuta il bambino ad imparare i suoni. La lettura può anche aiutare a capire la lingua e imparare nuove parole.

Scegliete libri con grandi immagini con colori vivaci e con storie semplici. vanno benissimo anche testi che contengono numeri, le lettere dell’alfabeto, forme e rime.

Per coinvolgere di più il vostro bambino  indicate le immagini e date il nome alle cose raffigurate, e poi  chiedete al bambino di indicare gli oggetti rappresentati nella pagina. Mano a mano che cresce potete fargli domande sulla storia .

Questa interazione  stimola il bambino all’apprendimento. Non dimenticate mai di incoraggiarlo e di trasmettergli fiducia in quello che fa o impara a fare.

Lascia un commento

 Avvisami per ogni commento a questo articolo

 Avvisami delle risposte a questo commento

Se vuoi, aggiungi una foto al tuo commento, verrà elaborata in qualche minuto.

8 Commenti

  • La mia bimba di tredici mesi chiacchiera tantissimo ma a modo suo, oltre a mamma non dice niente di riconoscibile anche se si fa capire benissimo e conosce il nome di tantissimi oggetti e persone. Sta crescendo bilingue (con la nonna paterna sente parlare solo tedesco ogni settimana per un giorno intero). È possibile che sia dovuto a questo il fatto che ancora non dica della parole vere e proprie? Premetto che lo sviluppo in generale è nella norma, ha cominciato a camminare ad un anno e è molto brava e intuitiva nei giochi di abilità.

    • Scusate ma qualcuno risponde ogni tanto?? Che senso ha scrivere se nessuno risponde? Una ragazza sotto ha fatto una domanda e ha ricevuto una “risposta” (parolone)….. Mesi e mesi dopo….. Quindi ripeto: “che senso ha porre domande in questo luogo?”. Se non ricevo risposta entro tre giorni mi elimino dal sito.

    • Salve Nadia, conosco diversi bambini bilingue e tutti hanno avuto inizialmente piccole difficoltà di comunicazione per poi recuperare velocemente . in ogni caso per qualsiasi dubbio deve fare riferimento al proprio pediatra.

  • Buongiorno,il figlio più piccolo di una mia amica fra 3 mesi compirà 3 anni,e ancora non sa parlare,se non dicendo “gni gni” o cose così…non sa formare delle piccole frasi,come da voi scritto sopra…sa dire qualche parola,come “mama” o “onni” (Ronnie,il cane dei vicini)…è possibile che abbia qualche “ritardo”?