Neonato » Post Parto » Perdere i capelli nel post parto, tutto quello che c’è da sapere.

Perdere i capelli nel post parto, tutto quello che c’è da sapere.

Lo stile di vita, il sonno, e la cura del cuoio capelluto possono aiutarci a contenere la fisiologica perdita dei capelli che avviene nel post parto.

Dopo il parto, molte donne sperimentano un aumento significativo della perdita di capelli noto come defluvium post-partum.

Può essere evidente nella spazzola quando vi pettinate, o dopo la shampoo, o sui vestiti e il cuscino la mattina, quando vi svegliate.

Anche l’aspetto in generale della vostra chiamo non sarà delle migliori. Per quanto questo possa crearvi ansia,  dovete sapere che è una cosa del tutto normale.

Pubblicità

Cosa causa la perdita dei capelli nel post parto?

In media, tutti perdiamo dai 50 ai 100 capelli al giorno, ma solitamente  non ce ne accorgiamo.In gravidanza questo numero è inferiore a causa dell’aumento dei livelli di estrogeni in circolo. Questo aumento  mantiene i capelli molto più a lungo del normale, nella fase anagen (fase di crescita) del ciclo di crescita dei capelli. Per questo in gravidanza si hanno  i capelli  più più folti e voluminosi.

Vuoi ricevere interessanti suggerimenti sulla cura del tuo bambino?
  
Proseguendo, confermo di accettare i termini di utilizzo e il trattamento dei miei dati di Periodo Fertile.

Una volta partorito, o quando l’allattamento al seno viene interrotto,  i livelli di estrogeni diminuiscono e tornano alla normalità. Questo cambiamento ormonale nel  50% circa delle neomamme causa la perdita dei capelli dopo il parto, mediamente dalle 6  alle  12 settimane dopo. I capelli, che in gravidanza erano  stati mantenuti nella fase di crescita si spostano tutti  fase telogen,  determinando, in poche parole,  una sostanziale caduta dei capelli.

Non solo il calo degli estrogeni è responsabile di questa importante caduta. Anche tanti altri fattori, come una importante perdita di sangue durante il parto, la mancanza di sonno, l’aumento dello stress  e il tipo di dieta,  possono influire.

Un parto molto traumatico con una maggiore perdita di sangue può esacerbare la perdita di capelli e può  essere un fattore che può causare un lento o mancato recupero dell’eccessiva caduta dei capelli.

Una  dieta sbagliata, carenze nutrizionali e stress, che possono spesso essere presenti nelle settimane immediatamente successive al parto, possono peggiorare la caduta dei capelli,

La perdita, fortunatamente è solitamente temporanea, anche se preoccupa non poco le neomamme.

Se la perdita di capelli continua senza alcun segno di rallentamento, si raccomanda il consulto di uno specialista .

Come limitare la caduta dei capelli del postparto

1) Stile di vita:

Per aiutare la ricrescita  provate a seguire una dieta ricca di proteine ​​e ferro. Poiché le riserve di ferro possono esaurirsi durante il parto, i  cibi ricchi di ferro come la carne rossa e le verdure a foglia verde consumati insieme, sono la forma di ferro più facilmente assorbibile dalla nostra dieta.

Non  trascurate nemmeno i carboidrati.

Non sottovalutate infine il tempo che riuscite a dormire. Il sonno è uno dei bisogni più importanti  delle neomamma ma  non sempre si riesce a soddisfarlo. Cercate di riposare ogni qualvolta il bambino dorme.

2) Integratori

Ciò che sappiamo al momento è che  nel post parto  bisogna curare in modo particolare la nostra  alimentazione  per non farci mancare i nutrienti necessari per stare bene.  Non è chiaro invece se l’integrazione con supplementi multivitaminici sia utile.

Preferibile in questi casi valutare con il medico eventuali carenze e nel caso integrare secondo prescrizione per risolvere le mancanze specifiche.

3) Cura del cuoio capelluto

La cura del cuoio capelluto è molto importante per una  crescita sana dei capelli. Ed è ancora più importante nel post parto. Siamo abituate a prenderci cura della nostra pelle, meno del cuoio capelluto che necessiterebbe di una detersione quotidiana con lo shampoo per garantire  la rimozione delle cellule morte della pelle, del sebo, delle polveri che si accumulano durante la giornata. Se tutti potessero guardare il cuoi capelluto al microscopio  si laverebbero i capelli  molto più frequentemente! E’ anche vero che le neomamme hanno poco tempo per sé, spesso farsi la doccia ogni giorno diventa quasi impossibile. Ma dovrebbe diventare una priorità.

Così come lo scrub al cuoio capelluto una volta alla settimana, per mantenere il cuoio capelluto veramente pulito e anche per stimolare la microcircolazione che poi favorisce la crescita dei capelli.

Quando scegli lo scrub per il cuoio capelluto, cerca ingredienti esfolianti come l’acido salicilico come Kerastase Fusio Scrub Purifying. 

capelli post parto

È possibile  fare prevenzione in gravidanza?

Il consiglio è sempre quello di curare il proprio stile di vita, com una alimentazione sana e bilanciata, che assicuri il  giusto apporto di proteine e ferro.

Le linee guida alimentari indicano un apporto proteico giornaliero di 0,8 gr per Kg di peso per donne adulte non in gravidanza. Le donne in dolce attesa possono arrivare a  2 – 2.2 gr di proteine per Kg di peso.

Importante la cura dei capelli e del cuoio capelluto: vanno mantenuti puliti, sì al balsamo per mantenere i capelli lisci e lucenti e disintossicate il  cuoio capelluto una volta alla settimana per mantenerlo sano, e offrire il miglior ambiente  possibile per la crescita. Non sottovalutate il potere ringiovanente di un buon taglio di capelli.

Aspettative dei cambiamenti durante e dopo la gravidanza per quanto riguarda i vostri capelli; se questi cambiamenti dovessero essere importanti e fonte di stress, rivolgetevi allo specialista per una visita dermatologica  e tricologica.

Vuoi ricevere interessanti suggerimenti sulla cura del tuo bambino?
  
Proseguendo, confermo di accettare i termini di utilizzo e il trattamento dei miei dati di Periodo Fertile.
Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Redazione

La redazione di Periodo Fertile si avvale della consulenza di esperti e specialisti che collaborano per darvi le informazioni più aggiornate, corrette e puntuali possibili.