Giochi sensoriali: attività che stimolano il senso dell’olfatto

I giochi sensoriali (importantissimi nella pedagogia montessoriana) sono attività particolarmente utili per i bambini i quali, giocando, hanno modo di affinare le loro capacità percettive.

Le attività sensoriali da fare con i bambini di cui ho già avuto modo di parlare qui su Periodo Fertile sono quelle adatte a stimolare la vista, il tatto, il gusto e l’udito.
Oggi quindi è arrivato il momento di conoscere alcuni utili giochi che stimolano il senso dell’olfatto da proporre ai vostri piccoli.

Il senso dell’olfatto

Il senso dell’olfatto è il più antico e potente dei nostri sensi anche se forse è il più sottovalutato. La capacità di annusare e percepire odori e profumi però è molto importante.  L’olfatto infatti non solo è strettamente legato al nostro senso del gusto, ma la capacità di riconoscere odori e profumi è in grado di evocare ricordi o di avere un effetto calmante o eccitante sui bambini. Per questo la stessa Montessori ha ritenuto importante pensare ad esercizi sensoriali in grado di stimolare i bambini a riconoscere gli odori e profumi e a misurarne il grado di intensità.

Mese per mese tante piccole notizie ed idee per stare bene con il piccolo e tutta la famiglia. In regalo il manuale dello svezzamento di Madegus!
  
Proseguendo, confermo di accettare i termini di utilizzo e il trattamento dei miei dati di Periodo Fertile.

Attività e giochi che stimolano l’olfatto

Fare giochi ed esperimenti basati sul senso dell’olfatto aiuta i bambini non solo a scoprire e riconoscere odori e profumi diversi e a cogliere le sfumature da odori e profumi simili, ma li stimola a conoscere meglio ciò che li circonda.

I giochi sul senso dell’olfatto sono quelli che prevedono dei test olfattivi. Secondo il metodo montessori si possono proporre attività olfattive divertenti utilizzando materiale che abbiamo in casa (formaggio, aceto, aglio, cipolla, chicchi di caffè, arance, mandarini, profumi, sapone, bagnoschiuma) o che troviamo facendo delle passeggiate al parco (fiori, erbe aromatiche). I materiali da odorare non necessariamente devono essere piacevoli, possono anche comprendere cose che puzzano.
I bambini dovranno esprimere le sensazioni che hanno provato, descrivere e commentare quali odori e profumi hanno gradito e quali no. Si possono fare anche giochi olfattivi ad occhi chiusi o alla cieca, chiedendo poi ai bambini di indovinare qual è il prodotto che hanno sentito con il naso.
Ma vediamo in particolare alcuni giochi da fare


Il gioco delle bottigliette o cilindri

Nell’educazione Montessori, fare esercizi con le bottiglie che odorano è un classico dei giochi sul senso dell’olfatto. La presentazione tipica prevede di dare ai bambini due set di bottiglie o contenitori con odori corrispondenti (dentro si possono mettere essenze naturali). Ai bambini viene poi chiesto di annusarne il contenuto e di abbinare gli odori di ogni set. Lo scopo è quello di affinare il senso dell’olfatto aiutando i bambini a riconoscere, nominare e abbinare gli odori e i profumi sentiti.

Sempre in stile montessoriano e basati sullo stesso esercizio (riconoscere gli odori e fare i giusti abbinamenti) ci sono anche due giochi -sicuramente più commerciali ma ugualmente utili e divertenti- per stimolare il senso dell’olfatto e carini da regalare


I sacchetti olfattivi

La versione casalinga delle bottigliette montessoriane è rappresentata dai sacchetti olfattivi. Si tratta semplicemente di mettere all’interno di sacchetti uguali abbinati a due a due, del materiale da annusare tipo salvia, rosmarino, menta, aglio, cipolla, lavanda, camomilla, chicchi di caffè, cacao, cannella, baccelli di vaniglia o quello che si ha a disposizione purché abbia un odore (non importa se buono o cattivo). I bambini dovranno annusare, descrivere il tipo di odore sentito e cercare il sacchettino con il medesimo odore. Si potrà poi controllare se il bambino ha indovinato, controllando il contenuto dei sacchiettini abbinati.


Il gioco olfattivo dei batuffoli di cotone

Il meccanismo di questo gioco simile a quello dei sacchettini, solo che in questo caso si usano dei batuffoli di cotone. Questi dovranno essere imbevuti di liquidi che hanno un odore (aceto, limone, essenza di cannella, di vaniglia o quello che si ha a disposizione) e numerati.
I bambini dovranno riconoscere l’odore e dire da cosa proviene.
Spiegazioni →Gioco olfatto con batuffoli di cotone


Il gioco olfattivo con i bastoncini di legno

Lo stesso esercizio può essere fatto anche con dei bastoncini di legno che, opportunamente numerati e imbevuti di oli essenziali (menta, limone, lavanda, pino o quello che si ha a disposizione) dovranno essere annusati e riconosciuti dai bambini.
Spiegazioni →gioco olfatto con bastoncini di legno profumati


L’impasto misterioso per riconoscere gli odori

Un altro gioco olfattivo molto divertente è quello delle paste modellabili profumate fatte in casa. In pratica si tratta di un gioco nel gioco perché i bambini non solo so possono divertire a modellare e a giocare con le mani con impasti sicuri, ma saranno anche stimolati a riconoscerne gli odori. Infatti in fase di creazione della pasta, si dovranno creare delle palline profumate con gocce di essenze naturali.
Spiegazione→Pasta modellabile profumata


Il gioco del vassoio olfattivo

Come ho avuto modo di dire, la capacità di riconoscere odori e profumi è in grado anche di far riaffiorare ricordi. Ecco allora un gioco olfattivo utile ma anche tenerissimo. Si tratta di mettere su un vassoio oggetti con un odore riconoscibile a tema. In questo caso per esempio è stato preparato un vassio con oggetti tipici del Natale. I bambini sentendo l’aroma dei biscotti natalizi, della cannella, del panettone, sentendo l’odore fresco di un rametto di abete o intenso del muschio assoceranno questi al Natale.
Lo stesso gioco può essere fatto in altri periodo dell’anno con festività e oggetti profumati a tema.
Spiegazioni→gioco olfattivo a tema natalizio


Questi sono solo alcuni dei giochi che stimolano l’olfatto che potete fare insieme ai vostri bambini. Potete comunque sempre inventarne altri ricordandovi che andare alla scoperta degli odori e dei profumi è sempre utile perché permette di:

  • affinare le singole percezioni attraverso l’uso del naso
  • stimolare l’attenzione e selezionare esperienze piacevoli e spiacevoli,
  • osservare la realtà e saperla descrivere verbalmente
  • condividere esperienze
Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!


Doria Vannozzi

Mi chiamo Doria e sono appassionata di web, comunicazione e creatività. Amo tantissimo fare lavori manuali, probabilmente ce l’ho nel dna.
La stanza in cui lavoro è piena di libri, stoffe, gomitoli e cassette degli arnesi…praticamente una via di mezzo tra una biblioteca, una sartoria e un’officina.