7 divertenti attività ed esperimenti per bambini con l’Aria

Il primo contatto che il bambino ha con il mondo esterno avviene con la luce e con l’aria. Ed è proprio l’aria tra tutti gli elementi naturali, quello che più sfugge alla conoscenza del bambino. I bimbi infatti hanno sempre bisogno di un contatto concreto per conoscere le cose e l’aria, per la sua incorporeità e immaterialità, risulta una cosa poco concreta e quasi magica. L’aria infatti non si vede e non si può toccare però siamo in grado di spiegarla ai bambini attraverso divertenti attività e piccoli esperimenti.

A partire da piccole esperienze come soffiare l’aria sulla pelle e tra i capelli, fare attenzione al respiro che esce dalla bocca, osservare tutto ciò che si muove nell’aria, far vibrare le cose e suonare strumenti musicali, si possono far capire ai bambini tante cose di questo elemento così importante che è l’aria.

Oggi per esempio vi faccio vedere alcune divertenti attività ed esperimenti in cui scoprire alcune caratteristiche dell’aria.

Attività ed Esperimenti per bambini con l’aria

La candela ballerina

Mese per mese tante piccole notizie ed idee per stare bene con il piccolo e tutta la famiglia. In regalo il manuale dello svezzamento di Madegus!
  
Proseguendo, confermo di accettare i termini di utilizzo e il trattamento dei miei dati di Periodo Fertile.

Per dimostrare che in mancanza di aria (ossigeno), il fuoco non può bruciare, basta una candela e un barattolo di vetro. Accendendo la candela e coprendola col barattolo, quando la fiamma avrà bruciato tutto l’ossigeno presente al suo interno si spegnerà.
Per rendere ancor più interessante l’esperimento fatelo con due candele e due barattoli di dimensioni diverse e chiedete ai bambini quale candela si brucerà più velocemente. Sarà quella del barattolo più piccolo che avendo meno aria consumerà più rapidamente l’osssigeno. Il gas che rimane nella vasetto è solo anidride carbonica, che non consente la combustione.
Tutorial →la candela ballerina


La medusa nella bottiglia

Se volete far vedere al vostro bambino che l’aria è più leggera dell’acqua, fate insieme a lui questo semplice esperimento. Inserite in una bottiglia un palloncino, gonfiatelo quanto basta e chiudete la sua estremità. Riempite la bottiglia di acqua e tappatela. Sarà facile osservare come, pur capovolgendo la bottiglia, il palloncino andrà a posizionarsi sempre nella parte più alta. Se volete potete divertirvi a creare personaggi e decorazioni varie. In questo caso dentro alla bottiglia c’è una simpatica medusa!
Tutorial →la medusa nella bottiglia


Il disco volante

Per dimostrare che la velocità di spostamento di un oggetto su una superficie dipende dalla forza di attrito, potete costruire questo simpatico disco volante.
Basterà un vecchio cd, il tappo di una bottiglia forato e in po’ di colla per realizzare un semplice overcraft che, grazie al cuscino d’aria creato dall’aria che fuoriesce dal palloncino, si sposterà agevolmente sul tavolo o sul pavimento.
Tutorial qui →il disco volante


La bilancia

In questo esperimento è stata costruita una sorta di bilancia che servirà per “pesare l’aria” contenuta nei palloncini. Si può ricreare la stessa situazione prendendo una gruccia per abiti e appendere lo stesso numero di palloncini in ognuna delle due estremità.
Gonfiando più o meno i palloncini si vedrà che la gruccia prenderà dalla parte meno gonfia di aria. L’esperimento dimostra che l’aria ha un peso.


La barchetta a reazione

Con questo esperimento è possibile dimostrare ai bambini che l’aria ha molta forza.
Praticate in una spugna un foro attraverso il quale far passare la parte terminale di un palloncino. Gonfiate il palloncino e appoggiate la spugna sulla superficie dell’acqua.
L’aria compressa che uscirà dal palloncino, creerà una spinta e provocherà l’avanzamento della spugna come fosse una barchetta motorizzata. Spiegate ai bimbi che anche gli aerei e i razzi funzionano perché spinti in avanti da gas compressi che all’improvviso si espandono.
Tutorial→la barchetta a reazione


Il palloncino che si gonfia e si sgonfia

Infilando il palloncino sul collo di una bottiglia di plastica vuota e posizionandolo su una ciotola con dell’ acqua calda, il palloncino dopo qualche minuto si gonfierà. L’aria contenuta nella bottiglia infatti riscaldandosi si espande e avendo bisogno di più spazio, sale verso l’alto gonfiando il palloncino. Se invece la bottiglia viene messa in una ciotola con l’acqua fredda, l’aria raffreddandosi si contrae, richiede meno spazio e il palloncino quindi si sgonfia.
L’esperimento dimostra che pur rimanendo costante la massa di aria, l’aria calda richiede più spazio ed è meno densa dell’aria fredda. La mongolfiera funziona nello stesso modo.
Tutorial →  l’aria si dilata con il calore.


La Giostrina ad aria calda.

Con un esperimento molto semplice e carino è possibile far vedere ai bambini che l’aria calda è più leggera dell’aria fredda perché meno densa e che sale verso l’alto. Si tratta di costruire una semplice giostrina fatta da piccole girandole di carta appese con dei fili ad una gruccia (o altro sostegno). Ponendo la giostrina sopra una fonte di calore, come ad esempio una lampadina accesa, il calore da essa emanato riscalderà l’aria intorno ad essa che, salendo, farà girare le piccole girandole di carta.
Tutorial→la giostrina ad aria calda


Detto questo vi consiglio sempre di esplorare e osservare le cose e i fenomeni, di spiegarli con parole semplici fin da piccoli. Ma non appena i bambini saranno in grado di comprendere cose più complesse (in genere dai tre anni in poi) buttatevi a fare esperimenti per bambini perché sono davvero utili. Utilizzate la formula del gioco, dell’osservazione e dell’esperienza diretta e usate materiali poveri che trovate in casa.
Per questo potranno esservi utili questi libri sugli esperimenti:

Vi divertirete molto!



Doria Vannozzi

Mi chiamo Doria e sono appassionata di web, comunicazione e creatività. Amo tantissimo fare lavori manuali, probabilmente ce l’ho nel dna.
La stanza in cui lavoro è piena di libri, stoffe, gomitoli e cassette degli arnesi…praticamente una via di mezzo tra una biblioteca, una sartoria e un’officina.

Lascia un commento