Coronavirus nei bambini e nei neonati, cosa sappiamo al momento?

In questi giorni le notizie della diffusione in Italia del Virus COVID-19, comunemente noto come Coronavirus, ha scatenato una serie di paure e domande. Cerchiamo di approfondire l’impatto sui bambini e sui neonati.

coronavirus nei bambini

Moltissime risposte, chiare e puntuali, si trovano nei comunicati che vengono costantemente pubblicati e aggiornati nella sezione dedicata del sito del Ministero della Salute.

Vi rimandiamo pertanto a quella sezione per le domande di carattere generale  relative all’epidemia in corso. Non informatevi da fonti non certe. Le notizie false girano e continueranno a girare.

La Johns Hopkins University, da alcune settimane ha messo a punto un sistema di monitoraggio che potete consultare qui, e che permette di avere, visivamente un’idea dell’andamento dell’epidemia nei vari Paesi.

Mese per mese tante piccole notizie ed idee per stare bene con il piccolo e tutta la famiglia. In regalo il manuale dello svezzamento di Madegus!
  
Proseguendo, confermo di accettare i termini di utilizzo e il trattamento dei miei dati di Periodo Fertile.

Per quanto riguarda invece quesiti relativi al Coronavirus  in gravidanza o nei bambini, bisogna rifarsi ai pochi articoli pubblicati in queste settimane e che si basano sulle casistiche registrate in Cina.

Ovviamente, essendo un virus che circola da pochi mesi,  i dati raccolti, soprattutto per quanto riguarda le gravidanze e i bambini sono davvero esigui, quindi  numericamente insufficienti per poter trarre conclusioni certe.

Quel che sappiamo al momento grazie a questa pubblicazione del CDC Cinese, che si basa su circa 72000 casi, è che le fasce di età 0-9 anni  e 10 -19 anni sono davvero poco colpite:

Il Coronavirus nei bambini dà sintomi più lievi?

Come abbiamo spiegato poche righe sopra, ci sono ancora pochi dati a disposizione, ma vediamo assieme che cosa è stato raccolto finora.

Un primo studio pubblicato  su England Journal of Medicine a fine gennaio che considerava i primi 425 casi di accertati di Coronavirus, non riportava alcun bambino di età inferiore ai 15 anni. Gli autori ipotizzavano che i bambini per qualche motivo avessero meno probabilità di essere infettati o che potessero mostrare sintomi più lievi.

Resta comunque valida anche la considerazione che i dati relativi all’infanziaprovenienti dalla Cina non siano così accurati.

Guido Gattinara, presidente della Sitip (Società italiana di Infettivologia Pediatrica) ha dichiarato che  “Un basso numero di casi tra i bambini sarebbe una buona cosa dato che questi sono meno propensi a lavarsi le mani, a coprirsi la bocca e ad astenersi dal toccare gli altri, comportamenti che possono diffondere germi. Se il coronavirus si diffondesse tra i bambini, l’epidemia potrebbe peggiorare“.

Altri dati che riguardano le infezioni nei bambini, riguardano il  caso di un ragazzino di 10 anni pubblicato sull’autorevole rivista Lancet che ha preso in considerazione una  famiglia che era stata infettata dal virus. In questo nucleo famigliare il bambino di 10 anni, positivo anch’esso al virus, era asintomatico a differenza degli altri componenti adulti della famiglia, che presentavano sintomi di vario grado di gravità.

Sembra quindi, dati alla mano, che pochissimi siano i bambini  infettati dal nuovo coronavirus. E quelli che risultano  positivi per COVID-19 sembrano avere sintomi più lievi rispetto agli adulti.

Un report pubblicato su JAMA  ha evidenziato che la maggior parte delle persone infette dal coronavirus ha un’età compresa tra 49 e 56 anni.

La maggior parte dei pazienti ricoverati sono spesso persone con una patologia pregressa, quindi la gravità della malattia può dipendere dalla salute generale della persona che viene infettata dal virus.

Il coronavirus virus nei neonati

Nove bambini di età inferiore a 1 anno sono stati infettati dal virus  COVID-19 e sono stati ricoverati in ospedale in Cina tra l’8 dicembre 2019 e il 6 febbraio 2020 ( in base  ai dati del governo centrale cinese e dei dipartimenti sanitari locali).

In una research letter pubblicata su JAMA sono stati esaminati i dati di nove bambini di età compresa tra 28 giorni e 1 anno, ricoverati in ospedale con una diagnosi di COVID-19 tra l’8 dicembre 2019 e il 6 febbraio 2020.

L’età dei bambini precisamente era compresa  tra 1 mese a 11 mesi e sette dei 9 bambini erano femmine. Tra i pazienti c’erano due bambini di Pechino, due di Hainan e uno ciascuno delle aree del Guangdong, Anhui, Shanghai, Zhejiang e Guizhou.

Tutti i bambini infetti avevano almeno un membro della famiglia infetto e le infezioni dei bambini si sono verificate dopo le infezioni dei membri della famiglia; sette bambini vivevano a Wuhan o avevano familiari che avevano visitato Wuhan.

Uno dei bambini non ha avuto sintomi ma è risultato positivo per il coronavirus, altri due avevano una diagnosi ma mancavano informazioni su eventuali sintomi. La febbre si è verificata in quattro pazienti e  in due bambini si sono manifestati lievi sintomi del tratto respiratorio superiore.

Nessuno dei bambini è morto e nessuno ha riportato gravi complicazioni o la necessità di cure intensive o ventilazione meccanica.

Secondo Dr. Wei e il suo team, il  fatto che la maggior parte dei bambini fosse di sesso femminile potrebbe suggerire che sono più sensibili al virus rispetto ai maschi, sebbene le infezioni virali complessive COVID-19 siano state più comuni negli uomini adulti, in particolare quelli con comorbilità croniche.

I risultati dello studio sono limitati dalla piccola dimensione del campione e dalla mancanza di dati sui sintomi per alcuni pazienti.

Notizia del 25 febbraio 2020 è che una neonata di soli 17 giorni sia  guarita autonomamente, senza il ricorso a farmaci. La notizia arriva dal britannico Daily Mail che cita fonti locali cinesi.

Tuttavia, i risultati confermano che il virus COVID-19 è trasmissibile ai bambini di età inferiore a 1 anno e che i gli  adulti che vengono in contatto con i bambini, dovrebbero adottare  misure protettive, tra cui indossare maschere, lavarsi le mani prima del contatto con i bambini e sterilizzare sistematicamente giocattoli e stoviglie.

È ancora troppo presto per affermare con certezza che i bambini abbiano  effettivamente un rischio inferiore, ma si è già  visto questo fenomeno con altre malattie infettive.

Ad esempio, i bambini di età inferiore a 12 anni a cui era  stata diagnosticata la SARS avevano  manifestato sintomi più lievi e meno ricoveri rispetto agli adulti.

Anche i  bambini con diagnosi di  MERS  presentavano  un tasso di mortalità inferiore rispetto agli adulti e manifestavano generalmente sintomi più lievi.

Siamo ancora nelle primissime fasi di ricerca del nuovo coronavirus. Fino a quando non avremo ulteriori prove, non è possibile trarre conclusioni precise su come il COVID-19  si manifesti nelle donne in gravidanza e nei bambini.

Il tempo darà sicuramente più risposte di quelle che abbiamo attualmente.

I Primi dati In Italia

Giulio Gallera, assessore al Wealfare della Regione Lombardia ha riportato i seguenti datio giorno 26 febbraio  : “Sono 4 i bambini positivi in
Lombardia: 2 di 10 anni, 1 di 15 e 1 di 4 anni. Due sono stati dimessi e due sono in ospedale ma stanno bene. Tutti provengono dalla zona di Codogno”.

Le buone abitudini

Qualsiasi sia l’impatto del virus sui bambini, che non è ancora prevedibile con certezza,  è fondamentale adottare le corrette  precauzioni per contenere la diffusione del virus.

Il Presidente della Federazione Italiana Medici Pediatri, Paolo Biasci ha dichiarato: “Facciamo appello ai genitori affinché evitino di portare i bambini nello studio del proprio pediatra di famiglia o al pronto soccorso, per comuni sintomi respiratori come tosse, raffreddore e febbre. Per annullare il contagio dobbiamo limitare il contatto tra malati e sani. In prima istanza i sintomi posso essere gestiti con i consigli telefonici e i farmaci sintomatici suggeriti dal pediatra di famiglia”.

Mattia Doria, Segretario nazionale alle Attività Scientifiche ed Etiche della FIMP ha aggiunto: “Purtroppo il nuovo Coronavirus si affaccia in Italia in un momento in cui ancora l’epidemia influenzale stagionale è in fase di massima diffusione  e gli studi dei pediatri di famiglia sono affollati di bambini con l’influenza o con le comuni infezioni delle vie respiratorie. I sintomi influenzali, del COVID-19 e di altre decine di altri virus respiratori, non sono al momento differenziabili. Sebbene al momento attuale sembra che il COVID-19 non colpisca in modo aggressivo l’età pediatrica, è altrettanto evidente che, come accade per l’epidemia influenzale stagionale, i bambini rappresentano il maggior serbatoio di diffusione del virus nei confronti degli adulti, genitori e nonni in primis, che potrebbero avere, invece, un’evoluzione più aggressiva dell’infezione” (https://www.fimp.pro/)

Riferimenti

The Novel Coronavirus Pneumonia Emergency Response Epidemiology Team. The Epidemiological Characteristics of an Outbreak of 2019 Novel Coronavirus Diseases (COVID-19) — China, 2020[J]. China CDC Weekly, 2020, 2(8): 113-122.

Thabet F, Chehab M, Bafaqih H, Al Mohaimeed S. Middle East respiratory syndrome coronavirus in children. Saudi Med J. 2015;36(4):484–486. doi:10.15537/smj.2015.4.10243

Stockman LJ1, Massoudi MS, Helfand R, Erdman D, Siwek AM, Anderson LJ, Parashar UD.Severe acute respiratory syndrome in children.Pediatr Infect Dis J. 2007 Jan;26(1):68-74.

Del Rio C, Malani PN. 2019 Novel Coronavirus—Important Information for Clinicians. JAMA. Published online February 05, 2020. doi:10.1001/jama.2020.1490

Wei M, Yuan J, Liu Y, Fu T, Yu X, Zhang Z. Novel Coronavirus Infection in Hospitalized Infants Under 1 Year of Age in China. JAMA. Published online February 14, 2020. doi:10.1001/jama.2020.2131

Jasper Fuk-Woo Chan, Shuofeng Yuan*, Kin-Hang Kok, Kelvin Kai-Wang To, Hin Chu, Jin Yang, Fanfan Xing, Jieling Liu, Cyril Chik-Yan Yip, Rosana Wing-Shan Poon, Hoi-Wah Tsoi, Simon Kam-Fai Lo, Kwok-Hung Chan, Vincent Kwok-Man Poon, Wan-Mui Chan, Jonathan Daniel Ip, Jian-Piao Cai, Vincent Chi-Chung Cheng, Honglin Chen, Christopher Kim-Ming Hui, Kwok-Yung Yuen A familial cluster of pneumonia associated with the 2019 novel coronavirus indicating person-to-person transmission:
a study of a family cluster Lancet 2020; 395: 514–23 Published Online January 24, 2020 https://doi.org/10.1016/ S0140-6736(20)30154-9

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!


Elena

Biologa ad indirizzo fisiopatologico, laureata con lode all’Università di Padova, nel 2007 dopo il primo “mi spiace non c’è più battito”, con mio marito diamo vita a Periodofertile.it, un punto di informazione e di incontro per donne e mamme.
Nel 2019 ho conseguito il Master di II livello presso l'Università di Padova in Tecniche di Procreazione Medicalmente Assistita e Scienze della Riproduzione Umana.

1 Commento