Guida completa al congedo per i neo papà

Quando nasce un bambino nasce anche un papà e sono molte le cose che il nuovo genitore deve sapere al fine di provvedere al meglio alle esigenze del bebè e della famiglia. Una cosa essenziale da conoscere, in ambito giuslavoristico, è il congedo obbligatorio e facoltativo per il padre lavoratore. Si tratta di 6 giorni (erano 5 nel 2018) di astensione dal lavoro che il padre può richiedere entro i primi 5 mesi di vita del neonato.

Di cosa si tratta

Il congedo è un diritto e la richiesta di fruizione non potrà essere rifiutata dal proprio datore di lavoro. Il diritto nasce alla nascita del figlio e non serve avere una determinata anzianità aziendale per usufruirne, così come non serve nemmeno avere un contratto a tempo indeterminato full time; ben potendo goderne anche il lavoratore con rapporto di lavoro a tempo determinato, di apprendistato, part time, etc.

Mese per mese tante piccole notizie ed idee per stare bene con il piccolo e tutta la famiglia. In regalo il manuale dello svezzamento di Madegus!
  
Proseguendo, confermo di accettare i termini di utilizzo e il trattamento dei miei dati di Periodo Fertile.

Per l’anno 2019  i padri lavoratori dipendenti hanno diritto:

  • ad un congedo obbligatorio della durata di 5 giorni, che possono essere goduti anche in maniera non continuativa, entro i cinque mesi dalla nascita del figlio,
  • ad un congedo facoltativo della durata di 1 giorno, da fruire in accordo con la madre e in sostituzione di una corrispondente giornata di astensione obbligatoria spettante a quest’ultima.

Attenzione: i congedi in parola spettano in relazione ai figli nati, adottati o affidati a partire dal 1° gennaio 2019. Per i figli nati nel corso dell’anno 2018, il padre lavoratore dipendente ha diritto al congedo obbligatorio nella misura di 4 giorni e di quello facoltativo nella misura di 1 giorno, anche qualora la fruizione del congedo avvenga nel corso del 2019.

congedo neo papà

Il trattamento economico

Per i giorni di congedo obbligatorio e facoltativo del padre spetta un’indennità giornaliera a carico INPS pari al 100% della retribuzione. Il lavoratore, pertanto, durante i giorni di congedo godrà della retribuzione che verrà anticipata in busta paga dal proprio datore di lavoro. A sua volta il datore di lavoro recupererà la somma elargita nella denuncia previdenziale mensile dell’azienda.

Durante i giorni di congedo (sia obbligatorio che facoltativo) il lavoratore ha diritto alla maturazione di tutti gli istituti contrattuali (tredicesima, ferie, etc.) in quanto tale periodo viene computato nell’anzianità di servizio a tutti gli effetti.

Come richiedere il congedo 

Per usufruire del congedo (obbligatorio e/o facoltativo) il padre lavoratore deve comunicare in forma scritta al datore di lavoro i giorni prescelti per astenersi dal lavoro, con almeno 15 giorni di preavviso.

Non vi è un modello specifico per effettuare questa comunicazione (vedasi esempio sotto riportato). Nessuna comunicazione è dovuta da parte del lavoratore all’INPS.

In caso di richiesta del congedo facoltativo, il lavoratore deve allegare alla stessa una dichiarazione della madre da cui emerga che la stessa non intende fruire del congedo di maternità per un giorno, con conseguente riduzione del congedo medesimo.

Tale comunicazione deve essere trasmessa, dal lavoratore, anche al datore di lavoro della madre.

Il consiglio è quello di allegare anche il certificato di nascita del figlio al fine di dare certezza all’evento.

Si ricorda infine che le giornate di congedo (sia obbligatorio che facoltativo) vanno fruite per intero e  non possono essere frazionate ad ore.

Esempio di richiesta

io sottoscritto _______________________ c.f. ______________________ dipendente dell’azienda ____________________________ con la presente sono a richiedere di poter fruire del congedo obbligatorio (e facoltativo) per il padre in relazione alla nascita di mio figlio _________________ avvenuta il _______________.

I giorni in cui richiedo di fruire del congedo obbligatorio sono i seguenti: ___________________________

(Il giorno in cui richiedo di fruire del congedo facoltativo è il seguente: _____________________________)

Cordiali saluti,

 

Allegati.

Certificato di nascita del bambino

(dichiarazione della madre per la fruizione del congedo facoltativo)

Data: ___________

firma del lavoratore ___________________

Per ricevuta ed accettazione

firma del datore di lavoro _______________

 

A cura di Studio Focus Lavoro

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!


Studio Focus Lavoro

Lo Studio FOCUS LAVORO offre servizi e consulenza in materia di lavoro sia ad imprese che a privati. Ci differenziamo per l’ATTENZIONE che poniamo alla persona, sia esso imprenditore o privato, e per la PROATTIVITA’ con cui quotidianamente operiamo; non è il cliente a chiedere ma lo Studio a proporre novità, agevolazioni, benefici con informative specifiche e mirate alle esigenze di ogni differente target.