Neonato » Il sonno sicuro del neonato: quali sono le accortezze da prendere?

Il sonno sicuro del neonato: quali sono le accortezze da prendere?

La sicurezza nel sonno del neonato è uno degli aspetti più sottovalutati dai neogenitori. Vediamo spesso pubblicate sui social foto di bambini immersi in culle con cuscini, peluche, paracolpi, coperte, e posizionati a pancia in giù.
sonno sicuro neonato

La sicurezza nel sonno del neonato è uno degli aspetti più sottovalutati dai neogenitori.  Vediamo spesso pubblicate sui social foto di bambini immersi in culle con cuscini, peluche, paracolpi, coperte, e posizionati a pancia in giù.

Tutte pratiche che andrebbero evitate.

Abbiamo chiesto al Dott. Fabrizio Ciralli, responsabile di Neonatologia e Patologia Neonatale di Humanitas San Pio X di chiarire quali accorgimenti adottare per far dormire i nostri bambini in sicurezza.

Iniziamo dalla posizione: perché è così importante far dormire i neonati in posizione supina?

In generale, i genitori dovrebbero essere adeguatamente istruiti ed educati al momento della dimissione dall’ospedale, e dal pediatra che prende in carico il bimbo nel periodo successivo.

Vuoi ricevere interessanti suggerimenti sulla cura del tuo bambino?
  
Proseguendo, confermo di accettare i termini di utilizzo e il trattamento dei miei dati di Periodo Fertile.

Nel primo anno di vita, il bimbo può incorrere in quella che è chiamata “morte improvvisa del neonato” o Sudden Infant Deth Syndrome (SIDS) , che nonostante i vari studi, non ha ancora cause ben note.

Esistono però alcune cause predisponenti.

Per tale motivo i genitori dovrebbero evitare situazioni a rischio nel sonno come la posizione prona, per esempio, perché il neonato non ha ancora la capacità di elevazione della testa rispetto al materasso e quindi, sebbene la posizione prona (a pancia in giù), possa risultare gradita al neonato, tuttavia potrebbe favorire il “soffocamento”.

Lo stesso vale per le barriere paracolpi del lettino, spesso usate nel primo anno di vita, che costituiscono un rischio per il bimbo perché muovendosi può appoggiarci la faccia.

Quindi il bambino dovrebbe essere messo a dormire in posizione supina e senza cuscino per favorire l’allineamento delle vie aeree.

Non dovrebbe essere eccessivamente coperto in modo che non abbia troppo caldo e quindi non pianga.

L’umidificatore dovrebbe essere usato in caso di scarsa umidità. Ovviamente non bisogna fumare in presenza del bambino

Molte mamme affermano di sentirsi più sicure a far dormire il bambino sul fianco. Questa posizione perché non può essere una alternativa?

Nel primo mese è difficile da mantenere questa posizione a meno di usare un supporto con asciugamano arrotolato lungo il corpo del neonato. Meglio evitare. Quando il bimbo sarà più grandicello e in grado di muoversi, sarà lui/lei stessa a scegliere la propria posizione.

Perché il cuscino non andrebbe usato?

La posizione supina, senza l’uso del cuscino permette l’allineamento delle vie aeree. Solo in caso di reflusso esofageo, sarà il pediatra a consigliare l’inclinazione del materasso e non l’uso del cuscino, per garantire un’inclinazione del corpo e non solo del capo.

Il cuscino per la plagiocefalia rappresenta una eccezione?

Solo in questo caso, ma solo con cuscini particolari consigliati dal pediatra che evitano l’appoggio della parte plagiocefalica. Anche in questo caso è fondamentale seguire sempre i consigli del proprio pediatra.

Come deve essere preparata correttamente una culla? Quali sono i Si e i NO?

  • No barriere protettive,
  • No cuscino,
  • No coperte troppo pesanti.

I neonati dovrebbero imparare a dormire da soli fin da subito

Quale deve essere la corretta temperatura della stanza dove dorme il bambino in estate e in inverno? Il grado di umidità?

Nella stanza dove dorme il bambino sono evitare il caldo eccessivo, così come le temperature troppo basse.

In caso di caldo nella cameretta si può usare il deumidificatore, cercando di evitare il condizionatore. In inverno, la temperatura va mantenuta tra 20-21 gradi e si ricorre all’umidificatore se necessario

Se il bambino ha il raffreddore o il nasino chiuso sono utili i sistemi a vapore nella stanza dove dorme?

Sì, si tratta di strumenti fondamentali, in caso di sintomatologia da rinite virale. Dato che dal  virus ci si libera da soli, una delle terapie più importanti è l’umidificazione dell’ambiente con solo acqua. Vanno evitate le essenze, sia che si usi il deumidificatore a caldo o a freddo. E’ preferibile usare quello a freddo, specie se il bimbo gattona.

Negli ultimi anni si parla tantissimo di Co-sleeping. Quali sono gli accorgimenti da adottare?

Se con il co-sleeping ci si riferisce ad insegnare al neonato a dormire, va bene dormire nella stessa stanza con mamma e papà, ma nella propria culla. Questo, da una parte permette di ridurre l’incidenza delle morti improvvise del neonato, dall’altra favorisce quei rituali di educazione al sonno che insegnano al bambino ad addormentarsi da solo.

Molte mamme stanno iniziando ad usare delle app che suggeriscono quando far dormire un bambino. Senza dover ricorrere alle applicazioni, come regolarsi con il sonno del neonato?

Il sonno nel neonato che sta bene è fisiologico, e non servono app a far capire alla neomamma se il proprio bimbo dorme e dorme bene.

Quanto ha bisogno di dormire un bambino nel primo anno di vita? E nel secondo?

I genitori anche in questo caso devono lasciarsi guidare dal pediatra. Il neonato può dormire 14 ore al giorno, coricato nel letto da solo, e non con i genitori, quando inizia a dare segni di stanchezza (lo sbadiglio ad esempio  è segno di stanchezza o disagio), perché il sonno è un rituale che il bimbo deve apprendere da subito.

Per questo motivo, noi pediatri consigliamo di evitare di aggiungere rituali collegati al sonno come la camomilla o l’allattamento poco prima di dormire, per evitare che il bambino associ seno e sonno, oppure camomilla e sonno.

Perché alcuni neonati dormono tutta la notte e altri si svegliano e piangono spesso?

Questa è la differenza: i neonati che non si addormentano da soli sviluppano rituali complessi per il sonno. Se si svegliano piangono, e piangono perchè hanno bisogno dello stesso rituale per riaddormentarsi.

Vuoi ricevere interessanti suggerimenti sulla cura del tuo bambino?
  
Proseguendo, confermo di accettare i termini di utilizzo e il trattamento dei miei dati di Periodo Fertile.
Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Humanitas San Pio X Punto Nascita

Il Punto Nascita di Humanitas San Pio X, con oltre 1000 parti l'anno, garantisce privacy, qualità e sicurezza clinica, offrendo esami e diagnostica avanzata, anche di secondo livello con consulenza genetica medica, un triage ostetrico h24 per le emergenze, la possibilità di ricovero per patologie della gravidanza dalla 34a settimana e l’analgesia epidurale h24.