5 consigli per un fasciatoio organizzato

Sponsorizzato

Quando ci siamo trasferiti in questa casa Carola, la nostra prima bimba, aveva 8 mesi. Il suo fasciatoio, che nella vecchia abitazione stava nell’unica camera da letto presente, ora si trovava nella sua cameretta.
Un fasciatoio con un grande ripiano spazioso dove poter riporre i suoi pannolini lavabili e tutto l’occorrente per il cambio.

Con Olivia, la nostra seconda bimba, la situazione è cambiata.
In cameretta il fasciatoio non ci stava più e abbiamo quindi dovuto organizzarci diversamente.
Dopo aver a lungo studiato la situazione abbiamo optato per un fasciatoio da mettere in bagno sopra alla nostra mini vasca.
Inizialmente pensavo di aver fatto una cavolata, mi sembrava troppo ingombrante e poco pratico. Mi sbagliavo.
Ogni volta che ci appoggio Olivia mi faccio i complimenti per la scelta. 🙂

MamaNatura_fasciatoiolater_Dermakind

Da qui l’idea di sviluppare

5 consigli per organizzare al meglio il vostro fasciatoio:

  1. Situate il fasciatoio nella zona/stanza della casa per voi più comoda.
    Per me il bagno è la scelta più azzeccata poiché ho a disposizione lo spazio giusto per pannolini e varie, l’acqua per lavare il bebè tra un cambio e l’altro senza dover ricorrere a salviette e affini e perché non rubo spazio ad altre zone della (mini) casa.
  2. Pannolini a portata di mano. Sembrerà una sciocchezza ma fate in modo che i pannolini siano molto vicini e facili da prendere.
    Il bambino non deve mai essere lasciato incustodito sul fasciatoio, poco importa se ha 2 giorni di vita o 2 anni. Da solo, mai!
  3. Tenete sul fasciatoio, o nei cassetti, un cambio di vestiti completo (sopratutto se il fasciatoio non è in camera o è lontano dagli armadi). Capiteranno le fuoriuscite, i rigurgiti improvvisi e macchie di dubbia provenienza.
    È bene avere sul fasciatoio un cambio di body, tutina o maglia e pantaloni, calzini e bavaglio sempre per non dover lasciare il bambino incustodito intanto che prendete i vestiti.
  4. Scegliete un fasciatoio con vani contenitori, o cassetti capienti e facili da raggiungere. Scegliete un fasciatoio o una zona dedicata al cambio ben organizzata per riporre oltre ai pannolini anche l’acqua fisiologica per i lavaggi nasali e taaaanti asciugamani di ogni forma e dimensione.
  5. Non occorrono tanti prodotti per la cura e l’igiene della pelle del bebè, ne bastano pochi ma, mi raccomando, di buona qualità e magari che abbiano più funzioni.
    Io sul fasciatoio tengo solo 2 cose: la crema per gli arrossamenti, perfetta per il sederino ma anche per il viso e per la zona sotto al collo dove Olivia è sempre irritata a causa dello sfregamento delle magliette e l’olio per la crosta lattea che uso anche per i massaggi rilassanti post bagnetto. Nessun altro prodotto. Questi sono sufficienti, insieme a un buon sapone di aleppo che tengo sul lavandino.

La crema per gli arrossamenti che uso per Olivia Linda è la Dermakind di Mama Natura.
Usando i pannolini lavabili gli arrossamenti nella zona sederino sono davvero ridotti al minimo, ma quando capita di metterle gli usa e getta mi sento più tranquilla a spalmare sulla sua pelle questa crema, che come già vi accennavo in un post precedente non si tratta della classica pasta da cambio ma di una crema lenitiva e riparatrice. La uso quindi non solo per la zona pannolino. Spesso la uso sul viso nelle giornate ventose o quando stiamo per molto tempo fuori. Olivia ha la pelle abbastanza delicata ce tende ad arrossarsi. La uso anche sulle labbra screpolate di Carola, perché non è untuosa, si assorbe in un attimo e funziona!
In più a Carola piace usare un prodotto della sorellina, e io risparmio soldi non comprando 2 prodotti e spazio nel (mini) bagno.
Dermakind contiene Betaglucano e Pantenolo che hanno azione riparatrice per la pelle irritata
L’azione disarrosante e cicatrizzante viene garantita da Bisabololo e Calendula.
È senza conservanti aggiunti, senza petrolati, senza coloranti e senza parabeni.

MamaNatura_Olivia1_Dermakind“Mamma, sei sicura che questa crema è senza parabeni, petrolati e coloranti?!?!”

Vi ho scritto che uso anche l’olio per la crosta lattea, si chiama Sebokind ma voglio parlarvene nella prossima puntata dedicata al bagnetto!

Mi piace parlare della Linea Mama Natura di Loacker Rimedia, perché sono una linea di prodotti naturali fitoterapici e sono tranquilla rispetto a quello che spalmo sulla pelle delle mie bambine, perché contengono l’azione benefica delle piante presenti in natura, perché sono ben tollerati dalle mie bimbe e ne riconosco l’efficacia, perché sono testati e sicuri.

Dove trovare Mama Natura:

Francesca Calori