Le emozioni delle gravidanze difficili. Parliamone.

15564355_sCi sono gravidanze che scorrono serene e la sera, quando ti ritrovi spiaggiata sul divano come una balena, nonostante le nausee, le gambe gonfie e il mal di schiena, appoggi la mano sul pancione e pensi a quando vedrai il tuo bimbo, a quanto sarà bello e alle cose che farete insieme. Ti ricarichi di pensieri felici e sorridi.

La mia prima gravidanza è stata così, faticosa, incredibile, entusiasmante, felice.

Ci sono poi gravidanze che procedono serene fino al momento in cui una frase cambia tutto.

«Signora, il bimbo ha un problema».

Alla mia seconda gravidanza ho sentito pronunciare queste parole e, da allora, la sera, spiaggiata sul divano, con la mano sul pancione, mi ritrovavo a fare i conti con le mie paure, con le domande sul futuro e sulle mie capacità di affrontarlo.

I pensieri felici, richiamati comunque dai calcetti e dal tamburellare incessante del mio bimbo che amava le capriole, spesso venivano offuscati dalle lacrime. Ho pianto molto e mi sono sentita tanto sola, nonostante mio marito mi sia stato sempre vicino. Ecco, è più corretto affermare che CI SIAMO sentiti soli.

Quando «c’è qualcosa che non va», che siano problemi piccoli e risolvibili o gravi e invalidanti, quando sai che il bimbo che aspetti avrà una qualche diversità, alle emozioni del divenire mamma, a quell’attesa estenuante ed elettrizzante, si mescola la paura per quello che sarà e ti pervade un’ansia malinconica.

Non è stata una gravidanza serena la mia: aspettavo il mio Killó, che ora ha quattro anni, sapendo che aveva la Sindrome di Down e una grave malformazione al cuore.

Non sapevo allora ciò che sto scoprendo insieme a lui (e che tanto mi avrebbe aiutato), cioè che lo amo profondamente, è un bimbo delizioso, intelligente e vivace e che non sono sola ad affrontare le difficoltà. Imparo da lui e dalle altre mamme e donne che affrontano  le mie stesse emozioni ed esperienze.

La nostra storia la potete leggere sul mio blog e, vi avverto, è una storia felice, in cui si sorride spesso e ci si rimbocca le maniche.

Non posso dimenticare però il senso di solitudine che ho provato durante la gravidanza, quando gli amici non sapevano cosa dire, quando anche io mi barricavo dietro al mio silenzio addolorato.

Credo invece che per tutte le mamme che vivono una gravidanza piena di dubbi e paure per un qualsiasi problema del loro bimbo, il parlare e il confrontarsi, diventino strumenti ancora più preziosi per combattere la solitudine e per affrontare le proprie ansie.

Il web è una grande risorsa e le mamme, qui, su Periodo Fertile, l’hanno già scoperto e la utilizzano per darsi conforto e sostegno.

Ci anche sono gravidanze più complesse, come lo è stata la mia, a cui vogliamo dare voce. Elena ed io vi aspettiamo qui.

Scriveteci. Raccontateci i vostri sentimenti e le vostre emozioni.

Su Periodo Fertile ci sono a disposizione esperti  per rispondere alle nostre e vostre domande e io stessa, come mamma, sarò felice di abbracciarvi virtualmente.

Mi rivolgo a voi, care future mamme, ma non vi chiamerò «speciali», perché non mi piace quando lo dicono a me. Può bastare solo mamme, con bimbi con qualche bisogno in più.

Perché ci sono tanti tipi di genitorialitá, tante mamme e tanti bimbi, tutti diversi e tutti unici, e, insieme, si possono creare occasioni di confronto e di crescita.

BarbaraMFC

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!


22 Commenti

  • Ciao sono una donna di 37 anni alla 21 esima settimana di una gravidanza difficile fino dall’inizio.la mia storia clinica è stata difficile x molti problemi avuti negli anni passati! Ho affrontato 3 aborti e a causa di questi ho subito raschiamenti che mi hanno incollato l’utero e x risolvere i quali ho dovuto subire 5 interventi di i stereoscopica! Dopo molto sono riuscita a rimanere in cinta ma da subito ho dovuto affrontare problemi di perdite di sangue.sono stata a letto e a riposo. Nn ho potuto sottopormi a indagini invasive come villocentesi e amniocentesi. Mi hanno riscontrato una translucenza nucale di 3 mm. Ma sia da bitest che da harmony è risultato esito positivo nel senso che ho rischio molto basso x le varie trio mie. Quindi sono stata tranquilla fino ad ora. Quando ho fatto la morfologica in cui si è riscontrata una malformazione cardiaca del mio bimbo. Hanno parlato di coartazioneaortica!io sono spaventatissima. Ho paura x lui. Di nn riuscire a portare aventi la gravidanza ma anche dell’intervento che dovrà subire il piccolo dopo la nascita! Qualcuno ha avuto questo tipo di problema? Ho bisogno di conforto! Scusate la lunghezza del messaggio!

    • Ciao Anna,
      mi dispiace di aver letto solo oggi il tuo messaggio..spero di esserti ancora di aiuto.
      Sono diventata mamma quasi otto anni fa , allora la coartazione aortica era difficilmente diagnosticabile in ecografia perciò l’abbiamo scoperto alla nascita.
      Il bambino è stato spostato nel reparto di terapia intensiva neonatale di un ospedale altamente specializzato;l’ intervento è avvenuto il giorno successivo, ed è andato tutto
      bene! Siamo tornati a casa dopo 20 giorni, all’ inizio i controlli erano molto ravvicinati ed era necessaria l’assunzione di un medicinale salvavita che abbiamo sospeso nel giro di due mesi, poi i controlli hanno assunto una cadenza annuale e continueranno per tutta la vita..ma cosa importa se tutto va bene?
      A parte i suoi primi mesi di vita, il mio bambino conduce una vita assolutamente normale, può perfino praticare quasi tutte le attività sportive. Certo i primi mesi non sono certo stati una passeggiata e l’ esperienza ci ha segnati in modo indelebile, ma col tempo si ricomincia a vivere serenamente, tanto che noi abbiamo avuto un altro figlio..sano!In quel limbo che è la terapia intensiva incontrerai tante mamme e tante storie che vivono esperienze anche più
      difficili della nostra, trai conforto e forza da loro perchè nessuno ti potrà capire ed aiutare se non ci è già passato.Un forte abbraccio e coraggio!

  • ciao elena sono stella… sono preoccupata mi hanno detto ke il bimbo e’ bradicardico… cosa comporta? sono andata su internet e c sono scritte cose orribili a riguardo. nn ho pedite ne dolori tranne il seno intoccabile come da due mesi a questa parte. ke ne penzi?

      • Ciao Stelladiana, purtroppo è una situazione che si può monitorare solo ecograficamente ed è necessario effettuare altri controlli per capire se la situazione migliora oppure viene confermata o evolve in qualche modo.Quando ti ricontrollano?

        • Ho l’ecografia il 10 febbraio. Ma nn ho minaccia tipo sangue o dolori. Mi confermi ke cmq la situazione è grave e da nn sottovalutare?

          • E’ una situazione che va monitorata per questo ti hanno fissato una ecografia ravvicinata. Magari tutto si risolve positivamente però bisogna tener sotto controllo per capire come evolve. Cerca di stare tranquilla , non è una cosa che dipende da te. Un abbraccio

            • Grazie Elena del tuo appoggio cmq se dovessi nn perderlo la bradycardia è una cosa ke porterà il piccolo ad avere malformazioni cardiache o problemi al cuore in generale alla nascita xke se così deve essere credo ke prenderò una brutta decisione.

              • quando si manifestano queste problematiche così precocemente la gravidanza potrebbe non procedere da sola senza interventi esterni. Ovviamente prima di prendere qualsiasi decisione è opportuno avere la corretta diagnosi medica e non fare nulla di avventato o affrettato

              • Mi hanno già dato punture d progesterone e buscopan. Ke ovviamente sto facendo. Nn lo so. Nn vedo l’ora ke sia il 10. X fare l’eco. Un bacio grazie

  • Ciao ! Trovo questa parte del sito solo ora…. prima di tutto complimenti per il tuo esempio, non se ne parla mai abbastanza e così le paure si moltiplicano fino a sembrare insormontabili, quando invece bisognerebbe concentrarsi solo sulla gioia di avere un figlio….
    Ti racconto la mia storia… ho impiegato 2 lunghi anni per restare incinta, avevo ormai 35 anni con tube chiuse e spermini che improvvisamente erano regrediti…. possibilità pari a zero… mi avviavo alla fivet, avevo già comprato tutte le medicine per incominciare il trattamento… dovevo aspettare solo il ciclo… il ciclo non è mai arrivato… ma è arrivato il mio miracolo ! dal tritest e dalla traslucenza è tutto ok, dalla morfologica anche sembra tutto ok, solo che dalla posizione non si riesce a vedere bene il cuore… allora prendiamo un appuntamento con un cardiologo…. lui ci conferma che c’è un difetto interatriale e ci consiglia di fare l’amniocentesi… il problemino al cuore può essere un campanello d’allarme per la trisomia 21 … io ero già a 26 settimane… parlandone con il mio gine lui porta il mio caso in commissione, la quale decide di non procedere con l’amnio anche perché io sono a rischio di parto prematuro, ho dovuto fare anche il cerchiaggio per il collo dell’utero troppo corto…. e perché il rischio di un problema cromosomico è veramente debole … passano le settimane e io e mio marito abbiamo il tempo di discutere su cosa fare nel caso di un problema grave… non abbiamo dubbi… lui è nostro figlio e nessuno potrà ucciderlo… ha diritto ad essere amato… e noi già lo amiamo… lui scalcia e mi fa compagnia ed il mio amore cresce con lui…. arriviamo a 30 settimane rivediamo il cardiologo che conferma il difetto interatriale e insiste con l’amnio…. io gli dico chiaro e tondo che non voglio farla…. il mio gine mi dice che secondo lui il bimbo sta bene…. poi però arriviamo ad oggi 34 settimane …
    La premessa è che qui da me è possibile abortire fino a fine gravidanza (in caso di problemi)e l’amnio è consigliata dai 38 anni…
    Lunedì visita dal gine il quale mi dice che la commissione si era riunita un’altra volta e che ora si pronuncia a favore dell’amnio visto che è passato il rischio di avere un parto troppo prematuro… ma dico io sono pazzi???????? e se l’amnio mi avvia il travaglio e il bimbo ha problemi che fanno????? lo sopprimono????????????’
    Il problema al cuore in se non è grave ma il debole rischio di un problema cromosomico rimane…. i medici prendendo questa decisione si sono letteralmente lavati le mani… lasciando a me la scelta…. io la chiamo la commissione di Ponzio Pilato….. io e mio marito cmq avevamo già deciso di non farla…. mio figlio nascerà …. e se avrà problemi più gravi …. avrà ancora più amore…. ora non mi resta che aspettare che nasca …. io lo amo e gli ripeto accarezzandolo che mamma e papà non vedono l’ora di abbracciarlo e di donargli tutto il nostro amore…. mi sembra la storia infinita….. ma io non vedo l’ora di metterci un punto. Ho pianto tanto in silenzio a casa… ma ora basta! stiamo per avere il ns bambino e in questa casa voglio solo gioia…. io e il suo papà siamo pronti per accoglierlo ed amarlo…. consapevoli della possibilità che abbia dei bisogni particolari ma soprattutto consapevoli del nostro grande amore per lui a prescindere da tutto… sono fortunata, ho un marito adorabile e un figlio in arrivo …. deve essere il momento più bello della nostra vita….

    • Cara Libera,
      mi hai commosso un pò, mi hanno commosso le tue emozioni, i dubbi, che sono stati anche i miei :heart:
      Sì, sei fortunata, anche se ti è toccato un percorso difficile, una gravidanza difficile.
      Nascerà fra poco :heart::heart: Ci/mi fai sapere?
      un abbraccio immenso (stai andando bene!)

      • Grazie della risposta Barbara… :heart: tu puoi capire quanto sia importante parlarne… Certo che ti faccio sapere come va… ti abbraccio forte anch’io :kiss:

    • Cara Libera, questa parte mi era sfuggita… scusami! Ho seguito sempre con molta apprensione le prime fasi della gravidanza che non erano state facili, anzi.. Vedo che continua ad essere un percorso in salita ma sei una donna tosta e leggo con piacere che stai affrontando la situazione con tanto coraggio e forza d’animo, ma anche con tanta positività. Anche io come Barbara rimango in attesa di notizie. Un abbraccio grande e Buon Natale! :heart:

      • Grazie Barbara, grazie Elena :heart: Giovanni è nato ! Giovanni è nato a 35 settimane a causa della rottura delle acque…. il 20/12/2013 alle 22:34 si è fatto abbracciare dalla sua mamma! La prima domanda che ho posto al gine è stata se avesse la trisomia …. la risposta è stata NO …. quando l’ho posato sul mio petto PRIMA è esploso un amore immenso e POI ho chiesto della sua salute… questo mi ha confermato che la decisione di andare avanti è sempre stata quella giusta… il problema al cuore c’è e martedì abbiamo l’appuntamento con il cardiopediatra …. abbiamo e stiamo affrontando problemini legati alla prematurità ma sono piccolezze…. grandi per me che sono alla mia prima esperienza… diventare mamma è la gioia più grande e l’amore per un figlio arriva così violento e travolge improvvisamente tutti i sensi …. ti senti invasa d’amore per questa piccola e bellissima creaturina… :heart:

        • Libera, che notizia meravigliosa! :heart:
          Dai un bacio grosso al piccolo Giovanni, da parte mia.
          E tu, un passo alla volta, affronterai tutto, con l’amore che già provi.
          In bocca al lupo!!!

        • Libera caspita che bello :heart: Ho visto solo ora il commento ma è stato il più bello che potevo leggere . Benvenuto al mondo piccolo Giovanni! Tua mamma ha avuto un dono enorme con la tua nascita ma anche tu piccolino hai avuto il dono straordinario di avere una mamma come lei !
          Congratualzioni di cuore e un abbraccio enorme :kiss:

  • Grazie per aver accettato questo compito, ti ringrazio anche per tutto quello che dirai, conoscendoti so che ti metterai completamente in gioco e per alcuni sarai davvero importante.
    Complimenti per l’idea e buon lavoro!

    • Franci cara, diciamolo che sei mia amica :bigsmile:
      Però grazie del pensiero. Io e te siamo la riprova di un’amicizia che, grazie al web, se ne frega delle distanze.

  • Benvenuta tra noi Barbara e grazie per averci aperto il tuo cuore!!:kiss: Spero anche io come te che su PF si possa aprire uno spazio di incontro e confronto tra donne che vivono gravidanze difficili. Noi siamo pronte ad accoglierle

    • Grazie! Sono qui a braccia aperte, pronta a confortare, ma anche solo ad ascoltare. Perché, come dici tu, siamo sole solo se vogliamo esserlo. E io non voglio, si è capito, vero???:bigsmile: