Gravidanze gemellari: miti e realtà

Le gravidanze gemellari sono sempre più  frequenti complici anche i trattamenti di fecondazione assistita.

Nonostante ciò attorno a loro  rimane un alone di mistero. I gemelli  hanno  un loro fascino indiscutibile.

Cerchiamo qui  di sfatare o confermare qualche simpatico  mito

I gemelli sono ricorrenti nelle stesse famiglie

E vero. Anche se non ci sono prove che  i gemelli identici (omozigoti)  siano ricorrenti all’interno delle stese famiglie, stesso discorso non si può fare per quelli diversi (eterozigoti). In quest’ultimo caso infatti all’interno della stessa famiglia, per via materna, ci può essere una predisposizione genetica alle gravidanze gemellari  dovuta al fatto che la donna può avere ovulazioni multiple. Questo non significa che si possono avere più ovulazioni a distanza di giorni , ma che vengono rilasciate due o più cellule uovo al momento dell’ovulazione.

Nelle famiglie i gemelli saltano una generazione

E’ una diceria. Spesso si dice che se hai un padre gemello e tu non lo sei, potrai avere più probabilità di avere figli gemelli. Non c’è alcuna prova a sostegno di questa affermazione.

15478097_s

Avere un sacco di nausee ad inizio gravidanza significa che sei in attesa di gemelli

E’ parzialmente vero. Ci sono alcune donne in attesa di gemelli che soffrono di fastidiosissime e continue nausee mattutine. Ma è anche vero che altre in attesa di gemelli stanno benissimo e non sano cosa sia la nausea (beate loro!)

I gemelli parlano tra loro una lingua speciale

Vero. I gemelli hanno una innata comprensione l’uno dell’altro e di conseguenza, da piccoli, potrebbero parlare in un loro codice speciale Questo anche perchè passano molto tempo assieme . Uno dei due può pronunciare parole errate, l’altro le percepisce e le fa proprie e solo loro le capiscono. In questo molto chi li ascolta potrebbe penare che parlino una loro lingua propria 🙂

Tutte le gravidanze iniziano come gemellari

Enorme bufala! Non è affatto vero che tutte le gravidanze iniziano come gemellari. E’ stato scoperto però che  molte più gravidanze  di quelle che pensiamo iniziano come gemellari e terminano come singole.

Questo è stato visto tramite le ecografie precoci che monitorano inizialmente gravidanze gemellari (dovute alla fecondazione di due ovociti)  ma che poi durante le primissime settimane di gravidanza si riducono a una singola.

E’ così molto frequente vedere,  durante le ecografie che si svolgono nelle prime 12 settimane,   due battiti cardiaci fetali e due camere gestazionali, e poi  una delle due scomparsa dopo le 12 settimane. Questo è perché uno degli embrioni non è riuscito a crescere ed è stato riassorbito nel grembo materno . E’ una cosa frequente che non ha effetti  negativi sul feto che rimane.

Per capire se son identici è necessario un test del DNA

Il modo più preciso per dire se i gemelli sono identici è attraverso un test del DNA , che può essere fatto dopo che i bambini sono nati. Però la risposta potrebbe venire anche dalla placenta.  L . Se la vostra prima ecografia è fatto prima delle  14 settimane di gravidanza, dovrebbe essere possibile dire con precisione il tipo di placenta che hanno i vostri  vostri gemellini . In caso contrario, la placenta può essere esaminata dopo la nascita . Tuttavia, nessuno di questi ultimi metodi è infallibile .

Tutti gemelli non identici e un terzo di gemelli identici hanno esattamente lo stesso tipo di placenta dicoriale . Questo accade quando ogni bambino ha la propria placenta separata, con una propria membrana interna separata (amnios) e membrana esterna (corion) . Questo tipo di gemelli sono chiamati biamniotici dicoriali (DCDA ) .
Due terzi di gemelli identici hanno una sola placenta con una sola membrana esterna e due membrane interne . Questi sono chiamati biamniotici monocoriali (MCDA) Circa l’1 % dei gemelli monocoriali condivide anche la membrana interna . Questi sono chiamati monoamniotici monocoriali (MCMA) .
Non è possibile allattare due o più gemelli

Falso. Si possono allattare sia due che tre gemelli. Di solito però se sono tre o più,  le mamme preferiscono ricorrere allattamento misto.

Image credit: oksun70 / 123RF Stock Photo

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!