Stanchezza e crampi in gravidanza

In gravidanza tra i fastidi più comuni ci sono la stanchezza ed i crampi che aumentano nei periodi particolarmente caldi e che sono più frequenti la notte. Riposo, cambio di dieta e la giusta quantità di movimento sono i rimedi più efficaci.

In estate e soprattutto con l’avvento della calura e dell’afa, associati all’ingombro del pancione e dalla stanchezza generale dell’organismo dovuta alla gravidanza, potreste sentirvi esauste.

stanchezza e crampi

In particolare nelle ore più calde potreste sentirvi deboli, provare fatica a fare ogni minimo movimento e potreste sperimentare sintomi come capogiri, un malessere diffuso e la classica sensazione di  “mancanza di forze”.

Aumentare il tempo di riposo

La cosa migliore da fare in questa situazione ma anche per prevenirla, è il riposo. Le future mamme dovrebbero concedersi della pause di relax  per ricaricarsi e ritrovare nuove energie.

Di conseguenza è da evitare l’esposizione al sole ed è consigliato scegliere luoghi freschi e all’ombra soprattutto nelle ore più calde della giornate. È anche indiscutibile che devono far fare a qualcun altro, se possibile, i lavori più pesanti.

Esistono comunque degli integratori in farmacia o erboristeria, con una composizione apposita per aiutare l’organismo a trovare la giusta dose di energie.

Anche l’alimentazione deve essere particolarmente curata: la carne e il pesce ricchi di sali minerali e proteine sono un valido aiuto per contrastare la debolezza. Eventualmente chiedete anche al ginecologo di monitorarvi l’anemia perché anche una carenza di ferro (frequente in gravidanza) potrebbe essere la causa della vostra spossatezza!

5 regole per affrontare la stanchezza in gravidanza

  • Fare il pieno di energie
  • Andare  a letto presto  e concedersi dei sonnellini pomeridiani.
  • Rilassarsi: equilibrare l’attività con il riposo.
  • Un moderato esercizio fisico quotidiano aumenta il livello di energia.
  • Chiedere al vostro medico di testare regolarmente il sangue per l’anemia

I crampi in gravidanza

In estate, ma non solo,  potreste soffrire di crampi alle gambe. I crampi sono degli spasmi muscolari involontari e improvvisi e possono essere frequenti nell’ultimo trimestre. Sono molto fastidiosi, e il dolore delle volte può essere lancinante. Capitano spesso nel cuore nella notte e colpiscono prevalentemente polpacci, piedi e cosce.

crampi gravidanza

Il caldo in  genere favorisce la comparsa dei crampi anche se spesso  sono causati da problemi di circolazione e da squilibri di alcuni sali minerali come potassio, calcio e magnesio.

Anche in questo caso è importantissimo adottare la giusta alimentazione, bere tanta acqua e mangiare cibi ricchi di potassio, calcio e magnesio, come banane, patate, latte, yogurt e kiwi.

E’ molto utile anche una passeggiata quotidiana e dello stretching fatto sui muscoli degli arti inferiori, prima di coricarsi. In generale gli esercizi in gravidanza sono sempre caldamente consigliati.

Per chi suda parecchio è importante bilanciare la perdita di sali e acqua bevendo acqua e zucchero con un pizzico di sale oppure quelle bevande  saline che bevono gli sportivi.

Nel momento in cui state avendo un crampo, bisogna cercare di rilassare il muscolo massaggiandolo con movimenti dal basso verso l’alto. Se il crampo ha preso di mira il piede bisogna tirare l’alluce verso di sé e piegare  al contempo il piede.

Regole per prevenire e gestire i crampi in gravidanza

  • Assicurati di mangiare e bere cibi ricchi di calcio (come latte, broccoli o formaggio).
  • Indossare scarpe comode e con i tacchi bassi.
  • Tenere alzate le gambe quando possibile ed evitare di incrociare le gambe.
  • Esercizio quotidiano.
  • Allungare le gambe prima di andare a letto.
  • Evitare di sdraiarsi sulla schiena, poiché il peso del corpo e la pressione dell’ utero allargato possono rallentare la circolazione delle gambe, causando crampi.
  • Allungare delicatamente qualsiasi muscolo che si contrae raddrizzando la gamba, flettendo il piede e tirando le dita dei piedi verso di sè.
  • Massaggiare il crampo o applicare una fonte di calore come una bottiglia di acqua calda alla zona dolente
  • il ginecologo potrebbe prescrivere un integratore a base di magnesio pidolato.