Il congelamento degli ovociti e il social freezing

Il congelamento degli ovociti è una tecnica per conservare gli ovociti migliori per utilizzarli quando si desidera una gravidanza ad una età dove la fertilità non è più elevata.

L’età media della donna alla prima gravidanza si sta alzando continuamente e con essa le difficoltà di concepimento ed il numero di aborto spontanei. La qualità degli ovociti e quindi la fertilità di una donna cala drasticamente dopo i 35 anni.

Apple e Facebook in prima linea

Pochi giorni fa Apple e Facebook hanno annunciato che avrebbero pagato alle dipendenti di sesso femminile il congelamento dei loro ovociti. La notizia ha fatto scalpore e si potrebbe lungamente discutere sulle motivazioni della scelta fatta dalle due aziende, ma il congelamento potrebbe diventare ben presto una routine anche da noi.

L’età in cui una donna decide di avere il primo figlio si sta alzando sempre di più. Ormai la maggior parte diventa mamma dopo i 30 anni e una buona parte dopo i 35 anni.

Sappiamo però che l’età della donna influenza parecchio la qualità degli ovociti che diminuisce  parallelamente all’aumento degli anni dell’aspirante mamma.

Una scarsa qualità degli ovociti espone a difficoltà di concepimento e a frequenti aborti spontanei nelle prime settimane di gravidanza.

Da qui quindi la decisione di far congelare gli ovociti della donna per poter affrontare una fecondazione in vitro quando troverà la persona giusta o il momento giusto per avere un bambino ( probabilmente Apple e Facebook preferiscono che le loro dipendenti non perdano giorni di maternità durante l’età più produttiva…)

Non solo per avere figli tardi

Il congelamento degli ovociti comunque serve anche per preservare la sua fertilità in caso di malattie come il cancro le cui terapie spesso minano definitivamente la fertilità della donna.

Insomma si sta andando incontro a una vita sempre più programmata nei minimi dettagli. Può piacere o meno ma questa è la realtà che stiamo vivendo.

23181132_s

Abbiamo chiesto alla dott.ssa Daniela Zuccarello, medico genetista, e alla  dott.ssa Laura Buffo, ginecologa, di spiegarci in dettaglio in che cosa consiste il congelamento degli ovociti, quando è meglio ricorrervi e che percorso di fecondazione consentono un volta scongelatati.

In Italia è possibile preservare la fertilità femminile grazie al congelamento degli ovociti, possibilità ancora oggi poco conosciuta sia dagli specialisti che dalle stesse pazienti.

Le motivazioni possono essere varie: mediche (malattie sistemiche, per es. tumorali, o terapie citotossiche che possono compromettere la riserva ovarica), rischio genetico per menopausa precoce, decisione personale di posticipare la ricerca di gravidanza (cosiddetto social freezing).

In Italia ogni anno circa 9400 donne sono a rischio di perdere la loro fertilità a seguito di terapie antitumorali; anche le pazienti che si devono sottoporre a terapie chirurgiche per trattare l’endometriosi severa o per rimuovere cisti ovariche di grosse dimensioni sono purtroppo a rischio di andare incontro ad un esaurimento ovarico anche in giovane età.

Come funziona il congelamento degli ovociti

La crioconservazione degli ovociti prevede una stimolazione ormonale (utilizzando lo stesso ormone che viene prodotto dall’ipofisi e che favorisce lo sviluppo del follicolo) ed il prelievo ecoguidato degli ovociti, il cui numero è strettamente legato alla riserva ovarica della paziente.

Ideale sarebbe crioconservare prima dei 38 anni: crioconservare dopo questa età offre possibilità di gravidanza significativamente più basse, anche tenendo conto della ridotta riserva ovarica che inizia a presentarsi intorno a quell’età.

Il numero ideale di ovociti maturi da crioconservare è di almeno 8-10, per ottenere poi un tasso di gravidanza attorno al 40% una volta scongelati.

E’ possibile anche eseguire una seconda stimolazione ormonale per conservare un numero maggiore di ovociti.

Il congelamento degli ovociti avviene con la tecnica della vitrificazione che consente di ottenere ottimi risultati in termini di sopravvivenza allo scongelamento (superiore al 90%), e di sviluppo embrionale.



Non esiste un termine temporale che alteri la competenza degli ovociti crioconservati.

A che centro rivolgersi

E’ opportuno rivogersi ad un Centro di PMA con adeguata esperienza di vitrificazione, che sia poi altamente qualificato per la successiva utilizzazione degli ovociti, al fine di eliminare il rischio di aver congelato inutilmente i propri ovociti.

La tecnica di fecondazione in vitro che si dovrà poi utilizzare dopo lo scongelamento degli ovociti è la microiniezione intracitoplasmatica dello spermatozoo (ICSI).

Dal punto di vista genetico questa tecnica permette di “congelare l’età biologica”, ovvero, dato che il maggior numero di fallimenti alla PMA si ha dopo i 38 anni a causa proprio dell’invecchiamento fisiologico degli ovociti (deterioramento cromosomico da insulti ambientali e allentamento dei meccanismi di controllo), essa consente di utilizzare ovociti “giovani” anche quando la donna è in età avanzata (premenopausale) ed ha esaurito la riserva ovarica, ottenendo buoni risultati in termini di gravidanza a termine di feto cromosomicamente normale.

I costi variano molto in base all’offerta dei singoli Centri, e sono gravati soprattutto dalla spesa da sostenere per l’acquisto dei farmaci per la stimolazione ovarica.

Migliorare l’informazione relativa a questa tecnica, una volta considerata sperimentale ma ormai oggi entrata nella routine dei laboratori di PMA, consentirebbe a migliaia di donne di proteggere la propria fertilità in vista di un futura gravidanza.

Lascia un commento

 Avvisami per ogni commento a questo articolo

 Avvisami delle risposte a questo commento

Se vuoi, aggiungi una foto al tuo commento, verrà elaborata in qualche minuto.

1 Commento

  • Buongiorno .. esiste questa procedura in Italia? E gli ovociti congelati non perdono la loro funzionalità nell’ essere scongelati dopo 3anni? Ho 19 anni e endometriosi sarebbe consigliata questa procedura e quante sono le % per avere poi un bambino con fecondazione assistita?