Fecondazione assisitita

Fecondazione eterologa: la donazione dei gameti

A seguito del convegno “La tutela della salute per le coppie infertili e sterili dopo le sentenze della Corte Costituzionale”,che si è svolto il  5 giugno a Roma organizzato da Hera Onlus di Catania e SOS Infertilità Onlus di Milano, sono stati  elaborati  importanti criteri relativi alle coppie riceventi la donazione dei gameti.

E’ nata anche la rima associazione  per promuovere la cultura della donazione gratuita ed altruistica di gameti per la riproduzione umana. Si tratta dell’Associazione Italiana per la Donazione Altruistica e Gratuita di Gameti (AIDAGG).  

Per Laura Volpini presidente AIDAGG :

“La donazione di gameti è un’azione di alto valore sociale e morale. È il fondamento della fecondazione eterologa. Si tratta di una scelta consapevole di ‘condivisione’ di un crescente problema sociale, l’infertilità, che oggi può essere finalmente affrontata con la fecondazione eterologa anche in Italia, consentendo, alle coppie che non hanno altre possibilità procreative, di veder rispettato anche per loro il diritto alla genitorialità”.

18256065_s

Secondo gli operatori che operano nel campo della Procreazione Medicalmente Assistita (PMA),  non esisterebbe un vuoto normativo post sentenza della Cassazione (del 9 aprile) perché l’eterologa sarebbe già disciplinata dalla legge 40/2004 stessa e dai decreti legislativi 191/2007 e 16/2010 in materia di donazione di organi.

Non ci sarebbe vuoto normativo nemmeno per il diritto all’anonimato che sarebbe  disciplinato  da diverse disposizioni di legge attualmente in vigore. 

L’attuale legge 40 in vigore stabilisce che il nuovo nato è figlio  legittimo dei genitori che hanno prestato il consenso alle tecniche di procreazione assistita. Il padre sempre secondo questa legge io padre non può disconoscere il bambino né la madre  avvalersi del diritto di non essere nominata. Infine, l’Art. 9 prevede che il donatore di gameti non possa acquisire alcuna relazione giuridica parentale con il nato e non può far valere nei suoi confronti alcun diritto né essere titolare di obblighi.

Secondo l’avvocato Sebastiano Papandrea, tra i legali dei ricorsi che hanno condotto alla pronuncia della Consulta del 9 aprile,  per quanto riguarda l’anonimato afferma che questo è disciplinato dai Decreti Legislativi 191/07 e 16/10 in tema di donazione e trapianto di organi, per legge applicabili alla Procreazione Medicalmente Assistita.”

In particolare, l’Art. 14 del Dlgs 191/07, prevede che “tutti i dati, comprese le informazioni genetiche […] sono resi anonimi in modo tale che né il donatore né il ricevente siano identificabili” e che “nel rispetto delle disposizioni vigenti in materia, l’identità del o dei riceventi non è rivelata al donatore o alla sua famiglia e viceversa”; ai fini della tutela della salute del nascituro, l’art. 14 consente l’accesso ai dati genetici e sulla salute del donatore raccolti in forma anonima per assicurare che il nato possa ottenere tutti i dati utili alla tutela del suo stato di salute.

Quando sarà possibile accedere all’eterologa in Italia?

Si attende la discussione in Parlamento che avverrà a settembre 2014. Nel frattempo  rimane vietata anche se alcune regioni stanno procedendo autonomamente nonostante l’assenza di linee guida condivise.  E’ preferibile quindi attendere il via libera del parlamento e la diffusione delle Linee guida che la regolano.

Lascia un commento

 Avvisami per ogni commento a questo articolo

 Avvisami delle risposte a questo commento

Se vuoi, aggiungi una foto al tuo commento, verrà elaborata in qualche minuto.

2 Commenti

  • […] consentono di inserire le varie forme di procreazione assistita, compresa la cosiddetta “eterologa”, nei servizi garantiti dal sistema sanitario nazionale, con tariffe ben inferiori a quelle che […]