Svezzamento 6-8 mesi: cosa possono mangiare i bambini

Alla terza tappa dello svezzamento, dopo aver introdotto con la prima pappa le verdure in forma di brodo, la carne e il parmigiano, e con la seconda pappa i legumi, il bambino sarà pronto per continuare lo svezzamento. Generalmente, all’inserimento dei legumi verso il settimo mese segue quello del pesce e per ultimo l’uovo.

L’ alimentazione del bambino dai 6 agli 8 mesi dovrebbe essere organizzata in cinque pasti, corrispondenti alla prima colazione, allo spuntino, al pranzo, alla merenda e alla cena delle età successive.

In questo contesto, il latte rimane un alimento essenziale nella dieta, riservato alla colazione, allo spuntino o alla merenda, anche se col passare del tempo la sua richiesta diminuisce progressivamente.

Poiché l’introduzione del latte vaccino dovrebbe avvenire esclusivamente dopo il primo anno di vita, è auspicabile continuare ad allattare per i primi 12 mesi durante lo svezzamento, in modo tale da poter assicurare al bambino tutti i nutrienti di cui ha bisogno.

Ciao, posso accompagnarti nei primi mesi del tuo piccolo?
Mese per mese tante piccole notizie ed idee per stare bene con il piccolo e tutta la famiglia. Elena.
  
Proseguendo, confermo di accettare i termini di utilizzo e il trattamento dei miei dati di Periodo Fertile.

svezzamento 6-8 mesi

Uovo e pesce: quando vanno introdotti?

In considerazione delle ultime evidenze scientifiche, non esiste uno schema prestabilito sul progressivo inserimento degli alimenti nella dieta del lattante; tuttavia è possibile affermare che:

  • l’introduzione tardiva degli alimenti ritenuti “allergizzanti” (come l’uovo, il pesce, il glutine) non previene lo sviluppo di allergia alimentare e/o celiachia nei soggetti predisposti;
  • l’età del bambino alla prima esposizione verso l’alimento (purché avvenga dopo i quattro mesi di vita) non ne modifica il rischio nelle età successive.

A tal proposito, l’inserimento dell’uovo e del pesce viene spesso ritardato a causa del timore dell’insorgenza di allergie, quando invece è proprio questo ritardo a causarne la predisposizione.

Le attuali raccomandazioni nutrizionali del World Health Organization indicano di non posticipare l’assunzione di pesce e uovo dopo i 9 mesi e di promuoverne l’inserimento entro breve tempo dall’introduzione di cibi solidi, preferibilmente mentre il bambino è allattato al seno.

Dal punto di vista nutrizionale, l’uovo e il pesce sono una fonte di acidi grassi polinsanturi (PUFA) come il DHA, fondamentali per lo sviluppo cognitivo del bambino. Pertanto, ad eccezione di alcuni particolari casi, è consigliabile condurre lo svezzamento senza anticipare o ritardare le sue richieste nutrizionali.

Gli errori più comuni

È invece assolutamente valida e attuale la raccomandazione di non esagerare, nella fase dello svezzamento, con l’offerta di cibi salati e ad alto contenuto proteico. Gli errori più comuni nella prima alimentazione sono dovuti infatti all’eccesso di formaggio, formaggini e carne, che appesantiscono il metabolismo del bambino e potrebbero orientare le sue preferenze future verso un’alimentazione meno sana, perché iperproteica (con troppe proteine) e ipersodica (con troppo sale).

La pappa con il pesce

Ingredienti:

  • 1-2 cucchiai di bietoline frullate cotte al vapore;
  • 30 g di semolino (3 cucchiai), cotto in acqua senza sale aggiunto;
  • 1-2 cucchiai di acqua di cottura quanto basta, in base alla consistenza della pappa;
  • 10 g (2 cucchiaini) di filetto di orata, (o branzino o merluzzo o sogliola) frullato.
  • 1 cucchiaino di olio extravergine di oliva (EVO).

Procedimento:

Cuocere per 2-3 minuti le bietoline al vapore. cuocere per 2-3 minuti il filetto di pesce al vapore.

Frullare separatamente le bietoline ed il pesce con un po’ di acqua. Successivamente, cuocere il semolino in acqua e poi condirlo con le bietoline, il pesce e l’olio EVO, regolando la consistenza con l’acqua di cottura.

È importante inserire a fine pasto sempre un frutto di stagione, grattugiato o frullato.

Francesca Giopp per Madegus

Fonti:

Regole per il divezzamento, Società italiana di Pediatria (SIP); Corretta alimentazione ed educazione nutrizionale nella prima infanzia,

Ministero della Salute, 2016; “Manuale di nutrizione in età evolutiva”, 2017.



Madegus

Maestri del Gusto è una società spin off accademico che si occupa di educazione alimentare e divulgazione ludico scientifica nel campo della nutrizione. Studia, progetta e realizza corsi, laboratori, interventi didattici e apposite strumentazioni rivolti a tutti gli interessati, scuole, aziende e professionisti.

Lascia un commento