Mellin ha tolto zuccheri aggiunti e sale dai suoi omogenizzati #dallanaturaallatavola

Sponsorizzato

Scommetto che state dicendo: finalmente!

E’ ciò che mi han detto tutte le mamme quando ho riferito questa novità dopo aver partecipato qualche giorno fa a un evento molto interessante  organizzato da Mellin.

Ho avuto la possibilità infatti di visitare un meleto  a Zevio (VR) paese limitrofo di Belfiore, quella che viene definita la terra delle mele.

Arrivando in auto mi sono immersa in una coltivazione dietro l’altra di mele, un frutto che adoro, un ambiente ordinatissimo e coltivato con grande cura, dove nulla è fuori posto.

L’azienda agricola non era da meno, un frutteto infinito dove da tanti anni vengono coltivate le mele che poi finiscono nei vasetti di omogenizzato Mellin dove però da poco non trovate più zuccheri aggiunti.

Le mele sono probabilmente il primo alimento diverso dal latte materno che una mamma dà al proprio bambino a partire dai 6 mesi circa o comunque quando lo consiglia il Pediatra. Per questo vuole essere sicura di dargli un alimento controllato.

Come sono le mele che compriamo al mercato? Pari di quelle che troviamo nei vasetti  di alimenti per l’infanzia? Assolutamente no!

MELE

I residui di nitrati, aflatossine, ocratossina, negli alimenti per l’infanzia, per legge sono a livelli più bassi  rispetto ai prodotti per adulti che acquistiamo al supermercato. I metodi di coltivazione scelti da Mellin sono simili ai metodi di coltivazione biologici  e consentono di ottenere prodotti  dove i livelli di contaminanti siano ridotti a valori bassissimi. Questo vale non solo per la frutta ma anche per tutti gli altri alimenti che vengono proposti ai bambini ed è qui che sta la differenza con i prodotti destinati agli adulti.

Le vitamine e gli altri componenti aggiunti ai prodotti per l’infanzia sono invece finalizzati al mantenimento dei parametri nutritivi richiesti dalle normative vigenti.

Mellin esegue più di 4000 controlli al mese sugli omogenizzati di frutta, seleziona i frutteti lontano da centri industriali, non aggiunge coloranti  e conservanti come per legge, niente zuccheri aggiunti come abbiamo detto, e la raccolta avviene a mano per poter controllare la qualità del prodotto, che ha una tracciabilità completa. Il processo produttivo di confezionamento avviene in condizioni praticamente sterili quasi al pari di una produzione farmaceutica.

meleto-mellin-3

La visita al frutteto con i responsabili dell’azienda agricola ci ha fatto toccare con mano la cura e l’attenzione nella coltivazione. I trattamenti vengono fatti per evitare parassiti, ma in periodi specifici in modo tale che al momenti del raccolto i residui siano praticamente assenti.

Vengono adottate una serie di accortezze per fare in  modo di ridurre al minimo i trattamenti come ad esempio l’irrigazione da terreno che vedete nella foto:

meleto-mellin-2

Abbiamo avuto anche la possibilità assieme alle mamme presenti all’evento, di rivolgere le nostre  domande al pediatra , il dott. Salari  oltre  che ai tecnici Mellin che si occupano i controlli produttivi e di ricerca e sviluppo.

Il pediatra ci ha ricordato che i primi 1000 giorni, che vanno dal concepimento ai 2 anni del bambino sono fondamentali per garantirgli una crescita equilibrata e in salute. Le scelte alimentari che facciamo per lui in questo frangente hanno delle ripercussioni su tutta la sua vita. Quindi allattamento materno esclusivo  fino ai 6 mesi e poi lo svezzamento che va fatto pian pianino, su indicazione del Pediatra, senza avere fretta di far mangiare il bambino come noi. ll bambino ha una sua percezione del gusto che è molto diversa dalla nostra ed è importante soddisfare le sue esigenze nutrizionali al passo con il suo sviluppo.

Il gusto è un senso complementare all’olfatto ed è fondamentale che la mamma  faccia sentire al bambino anche i profumi. L’assaporare anche attraverso l’olfatto permette al bambino di apprezzare di più ciò che mangia e di farlo nel modo corretto.

Se li abituiamo senza sale e zuccheri aggiunti impareranno ad apprezzare il vero sapore delle cose. E’ stato bello così seguire anche le ricette di Chiara Maci, pensate per i bambini durante lo svezzamento. Lei utilizza molto le erbe aromatiche nelle pappe che prepara e questo arricchisce ancora di più il sapore dei piatti senza la necessità di aggiungere il sale che, come sappiamo, è uno dei maggiori responsabili dei problemi cardiocircolatori che si manifestano da adulti, come l’ipertensione.

chiara-maci-mellin

La sensazione finale, una volta terminato l’evento è stata quella di un’azienda molto attenta e scrupolosa ad ogni dettaglio per  garantire il meglio ai  nostri bambini. E trasparente, pronta a mettersi in gioco con le mamme e le loro perplessità.

Lascia un commento

3 Commenti

  • mi spiace ma io non comprerò mai più prodotti mellin, ne frutta ne specialmente carne. bruttissima esperienza che non sto a spiegare per non ledere al marchio, dico solo che non è tutto oro quello che luccica.

  • Mi piace questa attenzione di Mellin agli zuccheri aggiunti. Quando i miei bambini erano piccoli, controllavo sempre le etichette. Adesso l’omogenizzato di frutta è una richiesta che mi fanno ognitanto. Evidentemente piaceva! Da quello che scrivi glielo posso dare tranquillamente.