Mamma

Sterilizzare: si o no? Fino a quando?

Perchè si sterilizza?

Il concetto di sterilizzazione comincia ad esservi familiare probabilmente dai primi giorni in ospedale quando il biberon, ciuccio, paracapezzolo, che sia vostro o della vicina di letto, viene sterilizzato ogni volta prima di essere usato.

Si sterilizza in pratica tutto ciò che il bambino si porta alla bocca.

Fortunatamente non il capezzolo in quanto producendo colostro e successivamente latte materno, contiene anticorpi che lo proteggono e aiutano le sue difese immunitarie poco sviluppate.

In teoria un bambino, alimentato al seno, non ha bisogno di nessuna sterilizzazione su giochi o paracapezzoli ad eccezione ovviamente che questi non entrino a contatto con ambienti particolarmente contaminati come il terreno in strada o altri bambini. Ma su questo punto la controversia è del tutto aperta, idem sul tempo di sterilizzazione.

Ci sono pediatri che sostengono che sia importante farlo per i primi 2-3 mesi, altri fino all’anno di età e altri, come accennato prima, di non farlo affatto.

In linea generale ed usando il buon senso, si tende ad abbandonare la sterilizzazione una volta rientrati a casa, quando il neonato è alimentato al seno limitandosi a lavare a fondo gli oggetti che mette in bocca. Un neonato che passa il suo tempo con la sua mamma, si sposta nelle stanze a ambienti dove vive anche lei è diverso da un neonato che viene passato da una mano all’altra in un ambiente ospedaliero dove la mamma magari non frequenta tutti questi ambienti quindi il rischio di infezione, una volta tornati a casa è del tutto minore rispetto alla struttura ospedaliera dove si rende necessaria viste le tante persone.

Quindi cosa fare una volta tornati a casa?

Conviviamo con i germi instaurando un corretto stile di vita basato: sull’igiene quotidiana, una corretta alimentazione, uno stile di vita sano, acquisendo così un aumento delle difese immunitarie personali che abbiamo dalla nascita.

Tecniche di sterilizzazione più comuni

  • A vapore:Sono sterilizzatori che si collegano all’energia elettrica, scaldano l’acqua fino a bollire ed eliminano i germi con il vapore. Non si utilizzano sostanze chimiche.
  • Bollitura: si porta bollore una pentola d’acqua, si immerge l’oggetto per il tempo di 20 minuti e poi si asciuga con uno straccio pulito.
  • Sterilizzazione a freddo usando dei sterilizzatori che si attaccano alla corrente elettrica e si usa una sostanza chimica che si scioglie nell’acqua. Finita la sterilizzazione l’oggetto si lava per togliere la sostanza chimica e si deve usare subito.

I batteri sono presenti ovunque, dai giocattoli, ai vestiti, alle nostre mani. Ma questi germi quotidiani non sono dannosi e il bambino svilupperà delle difese immunitarie idonee. Se poi il bambino viene alimentato con latte materno e al seno si può stare 100 volte più tranquilli in quanto il vostro latte contiene tantissimi anticorpi che lo aiutano ad affrontare quelli che incontra nel mondo circostante.

Imperdibile per le neomamme
Mese per mese i consigli migliori per te ed il tuo bambino.
  
Proseguendo, confermo di accettare i termini di utilizzo e il trattamento dei miei dati di Periodo Fertile.

Un bambino che invece usa un biberon deve seguire delle piccole accortezze.

Come preparare un biberon correttamente con l’artificiale

  • lavare bene il biberon, compresa la tettarella con acqua corrente calda, più volte. Lavarlo sempre subito dopo il suo uso.
  • preparare il latte al momento del bisogno e non prima. Se uscite di casa, potete preparare dell’acqua calda da portare con voi e aggiungere la polvere sul momento.
  • una volta aperta la confezione di latte non toccare la polvere con le manie, dopo l’uso,metterla al fresco ma non in frigo.

Qualsiasi sterilizzatore che possiamo avere in casa, non fa sterilizzazione assoluta, cosa che succede solo in ospedale utilizzando l’autoclave. Quindi l’abitudine di pulire a fondo, senza usare detergenti, solo con acqua calda bollita o vapore è una ottima soluzione anche per giochi o per i pavimenti, angoscia di tante mamme quando i bambini cominciano a portare tutto alla bocca o gattonare.

Piccola osservazione, un ciuccio caduto per strada, e messo prima in bocca della mamma per “pulirlo” e poi dato al bambino..oltre ad essere del tutto inutile è anche dannoso perchè l’interno del nostro corpo è tutto tranne che sterile.

Lascia un commento

 Avvisami per ogni commento a questo articolo

 Avvisami delle risposte a questo commento

Se vuoi, aggiungi una foto al tuo commento, verrà elaborata in qualche minuto.