Sono pronta per un altro figlio?

Quante neomamme appena uscite dalla sala parto esclamano: “MAI PIÚ?”

Per poi dopo pochi mesi (se non settimane),  provare sulla propria pelle e in modo davvero  dirompente la nostalgia del pancione!

Quando ci siamo  sentite pronte per un secondo, o un terzo,  o quarto figlio? Ognuna avrà risposte diverse e infatti non è possibile dare una risposta univoca.

Nessuno infatti può rispondere a questa domanda se non la donna (e la coppia) stessa.  Chiedersi se si è pronti per un altro figlio implica una serie molto lunga di altre considerazioni che non si possono sottovalutare e che spaziano dall’organizzazione famigliare, dalla questione economica, fino alla biologia della donna stessa.

Per alcuni decidere di avere un secondo figlio è ancora più difficile che decidere di avere il primo, perché non si sta solo parlando di avere un bambino, si sta  pensando  di cambiare (di nuovo) una dinamica famigliare che magari si è appena stabilizzata.

Siamo pronti per un altro  figlio?  Domandiamoci se…

Quando nella coppia si affaccia il pensiero di allargare ulteriormente la famiglia, anche se il cuore vi dice di provare subito, è importante fare alcune considerazioni.

Vi  sembrerà poco romatico ma bisogna chiedersi come il nuovo bambino influenzerà il vostro  stile di vita, l’economia famigliare, il lavoro, le relazioni e, naturalmente, gli altri bambini che avete.

secondo figlio

Quando è il momento migliore per avere un altro bambino?

Alcune coppie preferiscono aspettare diversi anni in modo da riuscire a dare  più attenzione al figlio che sarà, una volta cresciuto, in grado di comprendere cosa implica l’arrivo di un fratellino o una sorellina.

Altri genitori invece scelgono di avere i bambini vicini di età in modo che possano giocare assieme.

Cosa dicono gi esperti sui tempi da aspettare tra un figlio e l’altro?

Dal punto di vista delle reazioni dei fratellini Jeannie S. Kidwell suggerisce nei suo studi che il momento migliore per avere un altro figlio è quando il primo ha meno di un anno o più di 4 anni.

I bambini che hanno meno di un anno di età non hanno ancora la consapevolezza del loro status esclusivo, quindi sono meno inclini a risentirsi per un nuovo arrivato. I bambini di   4 anni o più hanno già avuto molte attenzioni esclusive da parte di  mamma e papà, e a questa età  sono coinvolti in attività proprie.

Ciao, posso accompagnarti nei primi mesi del tuo piccolo?
Mese per mese tante piccole notizie ed idee per stare bene con il piccolo e tutta la famiglia. Elena.
  
Proseguendo, confermo di accettare i termini di utilizzo e il trattamento dei miei dati di Periodo Fertile.

Dal punto di vista della salute della mamma il discorso cambia totalmente.

L’OMS nelle sue linee guida indica i 18 mesi come tempo minimo che deve intrercorrere tra una gravidanza e l’altra.

Se la nuova gravidanza inizia  entro i 12 mesi dal parto,  gli studi a disposizione, suggeriscono che ci potrebbe essere un aumentato rischio di complicazioni come il distacco della placenta o,  se in precedenza si è avuto un  parto cesareo, di  placenta previa.

Non si sa con certezza perchè aspettare pochi mesi tra una gravidanza a termine e la nuova possa determinare dei rischi anche se i ricercatori ipotizzano  che:

  • il corpo della madre abbia  bisogno di tempo per ricostituire vitamine e sostanze nutritive prima di affrontare una nuova gravidanza. Quindi, se sei incinta, o  stai pianificando una gravidanza,  consulta il tuo medico per ricevere le indicazioni da seguire per ridurre i rischi.

D’altro canto anche aspettare troppo  tra una gravidanza e l’altra non sembra essere l’ideale. Aspettare più di 5 anni infatti aumenterebbe il rischio di:

  • avere un bambino con basso peso alla nascita,
  • incorrere in un parto prematuro
  • sviluppare la  preeclampsia

secondo figlio 2

Un recentissimo studio pubblicato su Jama il 29 ottobre 2018, ha considerato 150.000 nascite in Canada,  ha indicato come intervallo  ideale ideale tra una gravidanza e l’altra 12-18 mesi.

Nello studio  si legge che rimanere incinta dopo meno di 12 mesi  dalla precedente gravidanza è  rischioso indipendentemente dall’età della donna mentre tali rischi scendono se si attende tra i 12 e i 18 mesi .

Cosa dobbiamo considerare in definitiva?

Una volta discusso con il proprio medico di eventuali rischi per la salute della donna e del bambino, ecco  un elenco di considerazioni ulteriori che potete valutare prima di prendere la decisione:

  1.  Lo stile di vita: avete una routine stabile in famiglia? Avete qualcuno che vi giuarda vostro figlio quando siete al lavoro? Il bambino (o i bambini)  finalmente dormono tutta la notte?  Avete anche finalmente trovato il tempo da dedicare alla coppia? Siete pronti a stravolgere nuovamente tutto?  Valutate se avete  il tempo e l’energia necessari per un altro  bambino e se il figlio o  i figli  che avete già  sono pronti ad affrontare la presenza di un altro bambino in casa.
  2. La   situazione economica della famiglia: Il denaro non è tutto, ma sicuramente aiuta quando cresci una famiglia. Secondo l’ Osservatorio Nazionale Federconsumatori un bambino nel suo primo anno di vita costa da 7.123,01 euro  a 15.348,93 euro ( dati per il 2018). Per crescere in figlio fino alla maggiore età i costi sono questi ( dati del 2011 dell Osservatorio Nazionale Federconsumatori)
    costo figlio da 0 a 18 anni
    Molte donne purtroppo trovano più difficile mantenere il lavoro a tempo pieno o part-time con l’arrivo del secondo o del  terzo figlio.
  3. L’età: purtroppo la decisione di avere un altro figlio non si può rimandare a lungo  perchè l’età, in particolare della donna, pone dei limiti  ben precisi.  Se una donna ha 38 anni e vuoi altri due figli, probabilmente non può permettersi di attendere 3 anni tra un figlio e l’altro perchè la sua fertilità cala drasticamente nel tempo. Quando invece si ha meno di 30 anni ci si può permettere di fare programmi più a lungo termine in tema gravidanza. senza dimenticare che la fertilità della donna comincia a calare dopo i 36 anni di età.
  4. La coppia: siete d’accordo su questa scelta? A volte un partner è pronto e l’altro no. È difficile essere sempre sincronizzati. In questi casi la soluzione  è il dialogo, parlate delle vostre perplessità o paure con calma.
  5. Il cuore: difficilissimo essere razionali in questa scelta, nonostante una lista di pro e contro, il cuore ha una parte fondamentale. Se vuoi un altro bambino, e anche il tuo partner si sente pronto… non resta che provare!

Per approfondire :

Effects of Birth Spacing on Maternal, Perinatal, Infant, and Child Health: A Systematic Review of Causal Mechanisms  

Jeannie S. Kidwell, Number of Siblings, Sibling Spacing, Sex, and Birth Order: Their Effects on Perceived Parent-Adolescent Relationships,Journal of Marriage and FamilyVol. 43, No. 2 (May, 1981), pp. 315-332

Short Interpregnancy Interval and Pregnancy Outcomes According to Maternal Age, Laura Schummers, SD; et al.

 

Lascia un commento

2 Commenti

  • Bellissimo articolo in cui mi ritrovo molto proprio in questo periodo.
    Ho una bimba di 2 anni e un bimbo di 20 giorni… ora come ora è difficile tirare le somme se ho fatto bene a farlo subito o no…. ad essere sincera e trasparente, adesso sono più i lati negativi, primo tra tutti come dicevano l’articolo il non capire da parte della mia bimba “grande” che prima mangiava da sola e ora vuole essere inboccata, si addormenta con me e vuole prendere il latte nel lettone. Tutto rigorosamente solo da me…. per quanto le attenzioni da parte nostra e dei nonni siano per lo più rivolte a lei… magari in futuro però sarò felice di vederli crescere insieme ❤️❤️❤️❤️❤️

    Sono mamma di Mostrilla (2 anni e 2 mesi circa) Paciuccone (0 anni e 1 mesi circa)
    • Buongiorno,
      Anche io sto vivendo la stessa situazione..la bimba grande che compirà a breve 3 anni e la piccola di 3 mesi.
      La grande dice che anche lei è piccola e vuole essere imboccata vuole il passeggino il ciuccio,ecc..
      E con la sorellina a volte affettuosa a volte non la vuole..
      Passerà..spero!