La cicatrice da taglio cesareo

Il taglio cesareo è un intervento medico che viene eseguito in caso di urgenza o quando non ci sono le condizioni per un parto naturale. Il segno evidente che una donna ha subito questo tipo di intervento chirurgico, è la cicatrice da taglio cesareo, segno indelebile della nascita del proprio bambino.

cicatrice da taglio cesareo

La cicatrice dopo un taglio cesareo è lunga all’ incirca 12 cm e si trova nella zona bikini. Oggi viene utilizzata principalmente una sutura intra-cutanea. Questo significa che la sutura non è superficialmente visibile, ma è possibile vedere solo le estremità della sutura (destra e sinistra).

Mese per mese tante piccole notizie ed idee per stare bene con il piccolo e tutta la famiglia. In regalo il manuale dello svezzamento di Madegus!
  
Proseguendo, confermo di accettare i termini di utilizzo e il trattamento dei miei dati di Periodo Fertile.

In rari casi, la sutura viene pinzata con delle graffette.

Dopo il parto cesareo, viene medicata e coperta da un grande cerotto. È possibile rimuovere il cerotto dopo 3 giorni al massimo. Il modo migliore per staccare la colla del cerotto è inumidirlo o farlo direttamente dopo una doccia.

Consiglio di prendere uno specchio e osservare la cicatrice. Questa può apparire di colore bluastro o rossastro. È una colorazione naturale che non devi preoccupare! Può passare davvero molto tempo, come un anno, prima che la cicatrice scompaia del tutto e prenda l’aspetto della cute circostante.

Cosa si sente al tatto?

L’area della cicatrice può sembrare molto insensibile e dura durante i primi sei mesi. Questo perché sono stati tagliati chirurgicamente i tratti nervosi della pelle.

La cicatrice da taglio cesareo può apparire gonfia e dura o addirittura “irregolare” dopo i primi giorni. La ragione di ciò è che il fluido sieroso si accumula sotto la pelle. Il fluido della ferita, tuttavia, viene assorbito dal tessuto circostante nel tempo e presto non è più palpabile.

Alcune donne segnalano anche prurito attorno alla cicatrice. Questo di solito è un buon segno e ci dice che tua ferita sta iniziando a guarire.

Dopo alcuni mesi, finalmente ritorna la la sensazione tattile nell’area della cicatrice, poiché i nervi della pelle ripristinano l’innervazione sensoriale.

Ma se la cicatrice appare arrossata, calda o sanguinante  contatta subito  tua ostetrica o il ginecologo. Stessa cosa se provate  una sensazione generica di malessere associata a temperatura o brivido.

Rimozione dei punti

La rimozione avviene solitamente dai 4 ai 10 giorni dopo il cesareo e viene fatto o dal medico o dell’ostetrica.

Nella lettera di dimissione viene indicata come è stata fatta la sutura e il materiale usato. Spesso il filo è auto-dissolvente quindi può essere sufficiente tagliare le estremità del nodo. In caso contrario la rimozione consiste nel  tagliare e tirare ogni singolo punto.

4 Consigli per gestire la cicatrice da taglio cesareo

  • Già nelle prime 24 ore dopo il taglio cesareo, bisogna  muoversi il ​​più possibile. Cercate di alzarvi e fare qualcosa per aumentare la mobilità. Assicuratevi di non trasportare o sollevare oggetti pesanti.
  • Dal momento in cui vi daranno l’ok dopo l’operazione per mangiare e bere è importante assumere cibo e soprattutto liquidi da quel momento e nei giorni successivi.
  • All’inizio, indossate pantaloni larghi e top che non vadano a sfregare la cicatrice , in modo da non irritarla.
  • Riposate, fate in modo che sia possibile una buona guarigione dei diversi strati di tessuto.

Cura della cicatrice da taglio cesareo

Una buona cura è importante per promuovere la guarigione.

Potete fare una doccia, non importa che la   cicatrice si bagni, l’importante è usare acqua pulita e un sapone a pH neutro . Poi tamponatela e asciugatela per bene e copritela  nuovamente con il cerotto.
Quando la guarigione delle ferita è completa dopo circa 3 settimane, potete eseguire un massaggio cicatriziale 2 volte al giorno per 5-10 minuti. Questo massaggio favorisce la circolazione sanguigna.

Un massaggio cicatriziale non dovrebbe essere in nessun caso collegato al dolore.

Per il massaggio potete  utilizzare olio di Mandorle, calendula o olio di iperico.

L’olio di mandorle è un olio neutro e ottimo per la cura della cicatrice. Gli altri oli e unguenti sono antinfiammatori, decongestionanti proprio come l’olio di mandorle.

Buona guarigione.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!


Ostetrica Sara Notarantonio

Mi sono laureata presso la facoltà di Ostetricia dell’ospedale dell’Aquila con la tesi “L’ecografia in gravidanza” con il voto di 110 e lode.
Mi occupo di gravidanza, nascita, puerperio, allattamento e puericultura promuovendo la consapevolezza, la scelta informata, Il Maternage, la tutela del benessere materno – infantile e il diritto alla nascita indisturbata.