Emorragia post parto: quando le perdite diventano troppe.

Se hai avuto un parto vaginale o un taglio cesareo, avrai un sanguinamento vaginale dopo la nascita che continuerà dopo la dimissione. Queste perdite ematiche vengono chiamate lochiazioni post parto. In alcuni casi le perdite diventano eccessive e si parla di emorragia post parto, evento grave ma fortunatamente raro.

Cosa è normale

È normale perdere un po’ di sangue dopo il parto. Le donne di solito perdono circa mezzo litro (500 millilitri) durante il parto vaginale o circa 1 litro di sangue (1.000 millilitri) dopo un parto cesareo.

Il sangue avrà un colore rosso vivo e potresti vedere dei grumi nei primi giorni dopo il parto.  Nei primi giorni indosserai un assorbente per uso ospedaliero. Ma dovresti essere in grado di tornare a un normale assorbente già alle dimissioni.

Mese per mese tante piccole notizie ed idee per stare bene con il piccolo e tutta la famiglia. In regalo il manuale dello svezzamento di Madegus!
  
Proseguendo, confermo di accettare i termini di utilizzo e il trattamento dei miei dati di Periodo Fertile.

Potresti sanguinare un po’di più quando porti a casa il bambino. Questo potrebbe essere dovuto al fatto che  ti stai muovendo molto. Cerca di evitare quondi di stare in piedi a lungo e riposati.

È anche normale a volte sentire scendere un fiotto di sangue quando si sta in piedi. Questo è dovuto al modo in cui la tua vagina è modellata. Il sangue si raccoglie in un’area simile a una coppa mentre sei seduta o sdraiata. Quando ti alzi,il sangue raccolto fuoriesce.

Dopo circa 10 giorni dal parto, dovresti vedere meno sangue anche se potresti avere un lieve sanguinamento o spotting fino a 6 settimane dopo il parto. È possibile utilizzare solo assorbenti durante questo periodo. I tamponi interni  potrebbero causare un’infezione e sono assolutamente vietati.

In caso di emorragia post parto puoi perdere molto più sangue, ed è questo che la rende una condizione pericolosa.

Cos’è l’emorragia post parto?

L’emorragia post parto (EPP)  si verifica quando una donna ha un sanguinamento abbondante dopo il parto. È una condizione seria ma rara. Di solito accade entro un giorno dal parto, ma può accadere fino a 12 settimane dopo aver avuto il bambino. Si verifica in  circa 1-5 donne su 100 donne.

L’emorragia primaria del post partum è definita comunemente come una perdita di sangue oltre i 500 ml nelle prime 24 ore dopo il parto vaginale, e oltre i 1.000 ml dopo il psrrto cesareo .

L’EPP secondaria si riferisce ai casi di emorragia insorti tra le 24 ore e le 12 settimane dopo il parto

La definizione tradizionale di EPP si basa sulla stima della perdita ematica e abitualmente distingue tre livelli di gravità della condizione:

  1. EPP minore quando la perdita è compresa tra 500 e 1.000 ml;
  2. EPP maggiore, tra 1.000 e 1.500 ml
  3. EPP massiva quando sono applicabili uno o più dei seguenti criteri: oltre 1.500 ml di perdita ematica persistente e/o segni di shock clinico e/o trasfusione di 4 o più unità di emazie concentrate

L’emorrgia può causare un grave calo della pressione sanguigna che se non trattata rapidamente, può portare a shock e morte. Lo shock si verifica quando gli organi del corpo non ricevono un sufficiente flusso di sangue.

  • Potresti avere una emorragia in corso se hai un sanguinamento abbondante dalla vagina che non rallenta o si ferma, una visione offuscata, brividi, o ti senti debole o ti senti svenire.
  • È più probabile che tu abbia una emorragia post parto se l’hai già avuta in una precedente gravidanza.
  • È più probabile che si verifichi una emmoragia dopo il parto se si hanno determinate condizioni mediche.

emorragia post parto

Come si fa a capire se è in corso una emorragia post parto?

Potresti avere una emorragia in corso se hai uno qualsiasi di questi segni o sintomi. Se li hai, chiama subito il tuo medico o l’ambulanza:

  • Forte sanguinamento vaginale che non rallenta o non si ferma
  • Calo della pressione sanguigna o segni di shock. I segni di bassa pressione sanguigna e shock includono visione sfocata; brividi, pelle umida o un battito cardiaco molto veloce; confusione, vertigini, sonnolenza o debolezza; sensazione di svenimento.
  • Nausea (sensazione di malessere allo stomaco) o vomito
  • Pallore
  • Gonfiore e dolore intorno alla vagina o al perineo. Il perineo è l’area tra la vagina e il retto.

Alcune donne hanno più probabilità di altre di avere una emorragia post parto?

Sì. Esistono alcuni fattori di rischio anche se, averne uno,  non significa avere la certezza di andare incontro a una emorragia. Potrebbe però aumentare le possibilità che si verifichi.

Parla quindi con il medico per capire cosa fare per ridurre il rischio di emorragia post parto.

Una donna che ha già sofferto di emorragia post parto ha più probabilità di andre incontro alla stessa condizione. Anche le donne asiatiche e ispaniche hanno maggiori probabilità di emorragia post parto anche se non se ne conosce, al momento, la causa.

Fattori di rischio per l’emorragia post parto

I fattori di rischio che aumentano la probabilità di amorragia si suddividono in condizioni che influenzano l’utero, la placenta e la tipologia di parto.

Condizioni che influenzano l’utero

  • Atonia uterina. Questa è la causa più comune di emorragia post parto. Si verifica quando i muscoli dell’utero non si contraggono bene dopo la nascita. Le contrazioni uterine dopo la nascita aiutano a fermare l’emorragia che si verifica nell’utero nel posto dove si stacca la placenta. Potresti avere un’atonia uterina se l’ utero si è allungato o ingrandito nel dare alla luce gemelli o un bambino grande (più di 3,7 kg). Può anche accadere se hai già avuto diversi bambini, sei in travaglio da molto tempo o hai troppo liquido amniotico.
  • Inversione uterina. Si verifica quando la donna durante il secondamento riesce ad espellere solo una parte della placenta. In questa condizione l’utero si rovescia all’interno della propria cavità.
  • Rottura dell’utero. Accade raramente. Può accadere se c’è una cicatrice nell’utero da un cesareo precedente o se hai avuto altri tipi di chirurgia all’utero.

Condizioni che influenzano la placenta

  • Distacco della placenta. Si verifica quando la placenta si separa dalla parete dell’utero prima della nascita. Può separarsi parzialmente o completamente.
  • Placenta accreta, increta o percreta. Queste condizioni si verificano quando la placenta cresce troppo profondamente nella parete  dell’utero.
  • Placenta previa.Si verifica quando la placenta si posiziona molto in basso nell’utero e copre tutto o parte della cervice.
  • Placenta trattenuta. Questo accade sela placenta  non si staccaentro 30 o 60 minuti dopo il parto. Anche se la placenta esce subito dopo la nascita, il medico controlla la placenta per assicurarsi che non manchi alcun tessuto. Se il tessuto è mancante e non viene rimosso dall’utero subito, può causare sanguinamento.

Condizioni durante il travaglio e il parto cesareo

  • Il parto cesareo
  • L’ anestesia generale.
  • L’induzione farmacologica del travaglio. Per l’nduzione spesso in ospedale si usa una forma artificiale di ossitocina, l’ossitocina è un ormone che il corpo produce per iniziare le contrazioni.
  • Assunzione di medicinali per fermare le contrazioni durante il parto pretermine.
  • Lacerazione. Ciò può accadere se i tessuti della vagina o della cervice sono tagliati (episiotomia) o si sono lacerati durante la nascita.  Potresti subire una lacerazione se partorisci un bambino grande, se il bambino passa attraverso il canale del parto troppo velocemente o hai un’episiotomia che si lacera. La lacerazione può anche verificarsi gli assistenti sanitari al parto usano strumenti come il forcipe o la ventosa, per aiutare a far passare il bambino attraverso il canale del parto durante la nascita.
  • L’avere un travaglio rapido o essere in travaglio da molto tempo. Il travaglio è diverso per ogni donna. Se stai partorendo per la prima volta, il travaglio di solito dura circa 14 ore. Se hai partorito prima, di solito ci vogliono circa 6 ore.

Altre condizioni

  • Condizioni patologiche del sangue, come la malattia di von Willebrand o la coagulazione intravascolare disseminata (chiamata anche CID). Queste condizioni possono aumentare il rischio di formazione di un ematoma. Un ematoma si verifica quando un vaso sanguigno si rompe causando la formazione di un coagulo di sangue nel tessuto, in un organo o in un’altra parte del corpo. Dopo il parto, alcune donne sviluppano un ematoma nella zona vaginale o nella vulva (i genitali femminili al di fuori del corpo). La malattia di Von Willebrand è una malattia emorragica che rende difficile per una persona smettere di sanguinare. La CID causa la formazione di coaguli di sangue in piccoli vasi sanguigni e può portare a gravi emorragie.
  • Infezioni, come la corioamnionite. Si tratta di  un’infezione della placenta e del liquido amniotico.
  • Obesità. Essere obese significa avereuna quantità eccessiva di grasso corporeo. Se sei obesa, il tuo indice di massa corporea (chiamato anche BMI) è 30 o superiore.  Per scoprire il tuo indice di massa corporea, vai qui.
  • Preeclampsia o ipertensione gestazionale. La preeclampsia è una condizione che può verificarsi dopo la ventesima settimana di gravidanza o subito dopo la gravidanza. Si verifica quando una donna incinta ha la pressione alta e sinbtomi che alcuni dei suoi organi, come i reni e il fegato, potrebbero non funzionare correttamente. Segni di preeclampsia includono le proteine ​​nelle urine, cambiamenti nella visione e forte mal di testa. L’ipertensione gestazionale è l’ipertensione che inizia dopo 20 settimane di gravidanza e scompare dopo il parto. Alcune donne con ipertensione gestazionale manifestano la preeclampsia.

Come viene trattata l’emorragia?

Vengono fatti seguenti controlli per confermare l’emorragia:

  • Test dei fattori di coagulazione.
  • Verifica dell’ematocrito. Questo è un esame del sangue che controlla la percentuale del sangue costituito dai globuli rossi. Il sanguinamento può causare un basso ematocrito.
  • Misurazione della perdita di sangue. Per vedere quanto sangue hai perso, gli assistenti sanitari potrebbero pesare o contare il numero di assorbenti  usati per assorbire il sangue.
  • Esame pelvico. Il medico controlla la tua vagina, l’utero e la cervice.
  • Esame fisico. Il medico controlla il polso e la pressione sanguigna.
  • Ecografia. Il medico può utilizzare gli ultrasuoni per verificare problemi con la placenta o l’utero.

La gestioen dell’emorragia dipende da cosa sta causando il sanguinamento.

Può comprendere:

  • Iniezione di liquidi, farmaci  o una trasfusione di sangue
  • Intervento chirurgico
  • Massaggio dell’utero con le mani. Il medico può massaggiare l’utero per farlo contrarre, e ridurre il sanguinamento

Fonti e approfondimenti

March of Dimes

WebMD

Emorragia post partum: come prevenirla, come curarla

 

 



Lascia un commento