La mamma perfetta è solo quella che sa di essere imperfetta

La società,di oggi, soprattutto attraverso i mass media, mostra spesso madri perfette da tutti i punti di vista.

Ad esempio nelle pubblicità si vedono sempre mamme bellissime, vestite e pettinate modello pre sfilata, con un enorme sorriso e il viso disteso e rilassato che giocano con il proprio figlio, anche lui perfettamente vestito e pettinato, in un posto da favola e per tutto il giorno fanno attività straordinarie sempre divertendosi.

La realtà è completamente differente.

Le mamme reali sono quelle che dormono poco e male, che ogni tanto (a volte anche spesso)  vorrebbero scappare in un qualsiasi luogo isolato frequentato solo da maggiorenni, hanno crisi di pianto e di rabbia, a volte si sentono inadeguate e piene di sensi di colpa e la mattina quando si svegliano, in realtà erano già sveglie con il pensiero ad organizzare la giornata, la settimana e il mese, sono già in ritardo e se riescono a ricordarsi tutto prima di uscire è un evento del tutto straordinario.

Mese per mese tante piccole notizie ed idee per stare bene con il piccolo e tutta la famiglia. In regalo il manuale dello svezzamento di Madegus!
  
Proseguendo, confermo di accettare i termini di utilizzo e il trattamento dei miei dati di Periodo Fertile.

Ogni mamma non è migliore di un’altra, ognuna sceglie ciò che crede sia il meglio per il proprio bambino e sicuramente tutte sono in buona fede, dando per scontato che alla base ci sia sanità mentale.

Ci sono mamme che…

Ci sono mamme che comprano per i figli tutto in scatola e le prime cose che trovano al supermercato, altre che sfamano i propri figli solo se conoscono direttamente la genealogia di ogni singolo animale che poi verrà macellato, altre che sono diventate vegane o vegetariane quando sono diventate madri, altre che preparano tutto in casa. Ognuno fa le proprie scelte e tutte possono essere discutibili.

Ci sono mamme che non escono mai di casa da sole con i propri figli, altre che fanno mille attività e trovano sempre qualcosa da fare per far passare meglio il tempo.

Ci sono mamme dipendenti dai nonni, altre che purtroppo non li hanno e altre che non vogliono nessun tipo di intromissione.

Ci sono mamme che condividono qualsiasi decisione o scelta con il padre del bambino, altre invece che si ricordano della sua presenza solo quando la sera varca la porta di casa e gli viene consegnato, più o meno gentilmente il figlio.

Ci sono madri che non vedono l’ora di tornare al lavoro e quando rientrano non vedono l’ora di fare il tempo pieno e stare fuori di casa più tempo possibile, mentre altre che vorrebbero rimanere tutto il giorno a casa con il proprio figlio.

Ci sono madri che non hanno più una vita sociale e non si parla dei primi 3 mesi ma anche dopo 30 anni e ci sono madri che si affidano ad asili nido, baby sitter, nonni e tutto quello che possono richiedere, non solo per questioni di lavoro, per poter uscire, svagarsi, andare in palestra, ecc.

Al giorno d’oggi esistono un infinità di sfaccettature per definire una mamma anche perché ora vanno di moda un sacco di teorie, che fanno sentire le madri pedagogiste, psicologhe, educatrici, medici, infermiere e nutrizioniste. Sicuramente una mamma che vuol prendersi cura del proprio bambino oltre ad usare l’istinto materno, si informa, studia e si confronta e un pochino in questi ci si può sentire. Ma essere dei professionisti del settore è tutta un’altra cosa.

Ad ogni modo nessuno conosce bene il proprio figlio come la propria madre ma ciò non deve far sentire le mamme onnipotenti e sempre con le verità assolute in mano.

Ad esempio ora, per crescere il proprio figlio, va molto di moda il metodo montessoriano, ma poche sanno in realtà chi era Maria Montessori, i suoi studi, i suoli lavori e di quello che ha fatto e in realtà quello che si fa davvero, ad esempio, in una Casa dei bambini. Ad ogni modo ci sono tantissimi metodi educativi a cui fare riferimento e un integrazione di tutti sarebbe la scelta più completa ma altrettanto quasi impossibile.

Ricordarsi sempre di ascoltare il proprio figlio attraverso l’osservazione e le richieste dirette permette ad ogni mamma di indirizzarsi dalla parte opposta che si era pensato, perché solo essendo in grado di cambiare punto di vista, opinione e idea si può essere una mamma imperfettamente perfetta.

Dott.ssa Erika Silighini

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!


Erika Silighini

Psicologa iscritta all’Albo degli Psicologi e specializzata in Psicoterapia Sistemica Relazionale. Nel mio lavoro ho approfondito la conoscenza dei bambini, la loro spensieratezza, il loro modo di giocare e imparato anche a conoscere i genitori, con il loro dubbi e lo loro certezze.