I benefici del latte nell’alimentazione della mamma e del bambino

Negli ultimi anni l’acceso dibattito sul latte come alimento adatto alla nutrizione del bambino ha spinto molti genitori a sostituirlo con bevande vegetali, alla ricerca di prodotti complementari. Tuttavia, come in molti altri alimenti, nel caso del latte le sue caratteristiche nutrizionali e la sua composizione lo rendono un prodotto unico ed insostituibile.

I consumi di latte in Italia sono in media bassi rispetto agli altri paesi (circa una porzione al giorno contro le due suggerite dalle linee guida) e risultano in progressivo calo, rispetto invece all’offerta di prodotti quali latte di soia, latte di riso, latte di avena: la denominazione impropriamente assunta “latte di” tradisce il consumatore attento che leggendo le etichette noterà una lunga lista di ingredienti (zuccheri, dolcificanti e addensanti) rispetto all’alimento che emulano.

Mese per mese tante piccole notizie ed idee per stare bene con il piccolo e tutta la famiglia. In regalo il manuale dello svezzamento di Madegus!
  
Proseguendo, confermo di accettare i termini di utilizzo e il trattamento dei miei dati di Periodo Fertile.

La composizione del latte vaccino

Il latte vaccino è composto da acqua per l’87% circa; contiene inoltre, in media, il 3,9% di grassi, il 3,4% di proteine e il 4,8% di zuccheri.

Il contenuto di grasso dipende dalla tipologia: latte intero (>3,5%), parzialmente scremato (1,5-1,8%), scremato (<0,5%).

Lo zucchero principale è il lattosio, la cui digestione da parte dell’uomo è vincolata alla presenza di un enzima, la lattasi; l’attività di questo enzima tende fisiologicamente a cessare con l’avanzare dell’età, motivo per il quale un numero sempre crescente di adulti non tollera gli alimenti contenenti lattosio. Ci sono tuttavia altri derivati del latte, come lo yogurt, il Parmigiano e altri formaggi molto stagionati, in cui il lattosio è assente e che possono essere consumati senza risentire disturbi intestinali.

i benefici del latte nel bambino

Alle proteine del latte, le caseine e le sieroproteine, viene riconosciuto un alto valore biologico; ciò significa che forniscono tutti gli aminoacidi di cui l’organismo necessita, in forma altamente biodisponibile e digeribile.

Vi sono tuttavia altri motivi per i quali il latte è un alimento unico: alcuni composti che derivano dalle proteine fungono da antimicrobici, mentre altri, come la lattoferrina, concorrono all’assorbimento del ferro, di cui il latte rappresenta una buona fonte. I minerali e le vitamine (fosforo, potassio, magnesio e vitamine del gruppo B) sono presenti in buone quantità e in una forma altamente disponibile.

In merito al calcio, i latticini rappresentano una delle fonti principali di questo minerale, la cui assunzione è essenziale in tutte le fasi della vita, sia durante la crescita sia in anzianità. L’assorbimento del calcio nel latte è facilitato dalla presenza, seppur ridotta, di vitamina D, composto molto raro negli alimenti; per questo motivo oggi nel mercato alcune bevande vegetali vengono fortificate sia di calcio sia di vitamina D, al fine di avvicinarsi il più possibile alla composizione del latte vaccino.

I benefici del latte in età evolutiva

A partire dall’età di 3 anni è molto importante promuovere il consumo di latte vaccino: le linee guida consigliano infatti due porzioni al giorno di latte/yogurt (1 porzione = 150 ml di latte o 125 g di yogurt), una a colazione e una a merenda, per coprire il 50% del fabbisogno di calcio. Il latte vaccino non è invece indicato prima dei 12 mesi di età, a causa dell’elevato contenuto proteico.

Secondo un interessante studio pubblicato dall’European Journal Of Nutrition sugli adolescenti obesi, il consumo di latte risulterebbe positivo anche per il controllo del peso corporeo: confrontando il livello di sazietà dopo il consumo di tre diverse colazioni – una con il latte, una con succo di frutta e una solamente con acqua – il gruppo con la colazione in cui era presente il latte aveva assunto una minor quantità di cibo nelle ore successive rispetto agli altri due gruppi.

Tale effetto sulla sazietà si manifesta soprattutto se il latte viene consumato come alimento a colazione, o a completamento del pasto, e non come bevanda ai pasti (come invece nella tradizione anglosassone).

I benefici del latte in gravidanza

latte in gravidanza

La gravidanza richiede un aumento dell’assunzione energetica dei nutrienti, in maniera poco rilevante nel primo trimestre (+5%) fino ad aumentare circa del 25% negli ultimi 3 mesi prima della nascita del bambino. Tuttavia, ciò cui dovrebbe prestare attenzione la gestante non è tanto la quantità degli alimenti, quanto la qualità, in quanto la dieta deve assicurare tutti le vitamine e i minerali necessari non solo alla mamma ma anche al feto. In questo contesto, il latte risulta essere un alimento ottimale per tutte le sue caratteristiche; per soddisfare il fabbisogno di calcio sono sufficienti 2 porzioni giornaliere di latticini magri (latte, yogurt) inserite a colazione o negli spuntini.

Possono dunque le bevande vegetali essere una valida alternativa?

Solamente facendo attenzione alle etichette, al quantitativo di zucchero presente e agli ingredienti utilizzati. A meno che non vi sia un’intolleranza al lattosio, non sembrano esserci motivi per rinunciare al latte nella propria alimentazione!

Francesca Giopp per Madegus

Riferimenti

Banca Dati di Composizione degli Alimenti per Studi epidemiologici in Italia

Documento SINU sulla dieta vegetariana, 2018

Il Latte vaccino, Nutrition Foundation of Italy.

Mehrabani et al., (2016). Effects of low-fat milk consumption at breakfast on satiety and short-term energy intake in 10-to 12-year-old obese boys. European journal of nutrition, 55(4), 1389-1396.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!


Madegus

Maestri del Gusto è una società spin off accademico che si occupa di educazione alimentare e divulgazione ludico scientifica nel campo della nutrizione. Studia, progetta e realizza corsi, laboratori, interventi didattici e apposite strumentazioni rivolti a tutti gli interessati, scuole, aziende e professionisti.