Gravidanza e allattamento al seno riducono il rischio di menopausa precoce

Le donne che hanno avuto una gravidanza o che hanno allattato al seno  hanno un minor rischio di  menopausa precoce. Secondo un nuovo studio la causa è da ritrovare nel fatto che  l’ovulazione è inibita in gravidanza e sospesa o rallentata  durante l’allattamento, permettendo così  di  mantenere più a lungo la riserva ovarica.

allattamento e menopausa precoce

Circa  10% delle donne va incontro a menopausa precoce, definita come la cessazione della funzione ovarica prima dei 45 anni (Pelosi et al., 2015). La menopausa precoce è associata a un rischio maggiore di malattie cardiovascolari, declino cognitivo, osteoporosi e mortalità prematura (van Der Voort et al., 2003; Shuster et al., 2010; Gold, 2011; Wellons et al., 2012). Inoltre, il declino precoce della fertilità ha conseguenze sulla pianificazione familiare poiché le donne ritardano sempre più la gravidanza (Burger et al., 2007; Broekmans et al., 2009). Sebbene i fattori genetici spieghino in parte l’aumento del rischio di menopausa precoce, ci sono alcuni  fattori di rischio modificabili,  come lo stile di vita e le scelte riproduttive.

Mese per mese tante piccole notizie ed idee per stare bene con il piccolo e tutta la famiglia. In regalo il manuale dello svezzamento di Madegus!
  
Proseguendo, confermo di accettare i termini di utilizzo e il trattamento dei miei dati di Periodo Fertile.

Diversi studi hanno suggerito che le gravidanze  potrebbe  influenzare i tempi di comparsa della menopausa, ma molti di questi studi si basavano sulle risposte delle donne,  che dovevano ricordare  accuratamente quando è iniziata la loro menopausa. L’inizio della menopausa  non è sempre facile da definire poiché i cicli mestruali  possono essere irregolari nei mesi o negli anni che  precedono il termine della fertilità. La menopausa inoltre viene confermata  solo 12 mesi dopo l’interruzione dei cicli mestruali.

Invece di chiedere informazioni molti anni dopo che le donne  hanno sperimentato la menopausa, Langton e i suoi colleghi nel loro studio pubblicato sulla rivista JAMA, hanno esaminato le cartelle cliniche nel Nurses ‘Health Study II,  un progetto che ha chiesto alle partecipanti  informazioni dettagliate  sulla loro salute ogni due anni, a partire dal 1989.

Il team di ricercatori  guidati da Langton è andato a valutare tutti  gli eventi di gravidanza, allattamento e menopausa di 108.887 donne per un periodo di 26 anni.

Il gruppo di ricercatori  ha scoperto che le donne  che hanno avuto gravidanze durate almeno sei mesi avevano un rischio più basso di andare incontro a  una menopausa precoce  rispetto a quelle che non avevano avuto gravidanze.

Lo studio ha  messo in luce una tendenza lineare:

  • le donne che avevano avuto una gravidanza avevano un rischio inferiore dell’8% di menopausa precoce,
  • le donne che avevano avuto due gravidanze avevano un rischio inferiore del 16% di menopausa precoce
  • le donne quelle che avevano avuto tre gravidanze avevano un rischio inferiore del 22% di menopausa precoce

Il legame non è spiegato dall’infertilità, rimuovendo   dallo studio le donne che non riuscivano ad avere la gravidanza, i dato rimanevano comunque confermati.

L’ allattamento al seno ha  ridotto il rischio di menopausa precoce.

Le donne che hanno allattato al seno per un totale di 7-12 mesi durante la loro vita e che hanno avuto un numero qualsiasi di neonati avevano il 28% in meno di probabilità di andare incontro alla menopausa  prima dei 45 anni rispetto a quelle che avevano allattato al seno per meno di un mese.

Le donne che hanno allattato al seno esclusivamente per un totale di 7-12 mesi durante la loro vita e che hanno avuto tre gravidanze avevano un rischio inferiore del 32% di menopausa precoce.

Il team ha messo  in luce una correlazione che appare evidente  dai dati analizzati  anche se non si può ancora affermare con certezza  che le gravidanze o l’allattamento influenzino i tempi della menopausa.

Poiché l’ovulazione viene temporaneamente fermata durante la gravidanza o rallentata durante l’allattamento, questo può mettere in pausa la perdita mensile di ovociti. In teoria, quindi, questo potrebbe preservare le riserva di ovociti e spostare più in là nel tempo la menopausa.

Fonte: JAMA Network OpenDOI: 10.1001/jamanetworkopen.2019.19615

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!


Elena

Biologa ad indirizzo fisiopatologico, laureata con lode all’Università di Padova, nel 2007 dopo il primo “mi spiace non c’è più battito”, con mio marito diamo vita a Periodofertile.it, un punto di informazione e di incontro per donne e mamme.
Nel 2019 ho conseguito il Master di II livello presso l'Università di Padova in Tecniche di Procreazione Medicalmente Assistita e Scienze della Riproduzione Umana.