Allattamento Essere mamma

I dubbi più comuni sull’allattamento al seno

Per come siamo fatte noi mamme, i problemi ce li creiamo ancora prima che i nostri figli  nascano. La domanda “riuscirò ad allattare?” oppure “avrò latte” penso sia tra le più comuni in gravidanza.

E’ giusto prepararsi e informarsi , meno giusto è crearsi ansie ancora prima che i problemi si presentino.

L’allattamento al seno  rimane un argomento  molto dibattuto anche per  la presenza di tanti falsi miti che non fanno che confondere le idee.Il consiglio migliore che possiamo darvi è quello di fare riferimento a una consulente per l’allattamento in modo da iniziare la vostra esperienza  con il piede giusto e avere poi tutta la strada in discesa.

Qui abbiamo raccolto alcune domande comuni a cui abbiamo cercato di rispondere nel modo più esaustivo possibile:

Se allatto al seno posso dargli acqua?

Il bambino necessita solo del vostro latte nei primi sei mesi di vita. Il latte materno apporta tutto il nutrimento di cui vostro figlio ha bisogno.

Anche se fa molto caldo  l’allattamento al seno non necessita di integrazioni di acqua o altre bevande.

nonato allattato

Posso dargli il ciuccio?

Se volete dargli il ciuccio è consigliato attendere che il neonato abbia almeno un mese di vita  in modo che il bambino impari ad alimentarsi bene dal seno della mamma  e si alimenti nel modo corretto.

vedi: Approfondimento sull’uso del ciuccio

Quando posso smettere di allattare?

L?OMS raccomanda l’allattamento esclusivo fino ai 6 mesi di vita del bambino e poi generalmente si consiglia di allattare fino ad almeno il primo anno di vita del bambino ma si può continuare fino a quando lo desiderano entrambi, madre e figlio.

Il momento più semplice e più naturale per smettere di allattare è quando il bambino guida questo processo di distacco. Ma non dimentichiamoci che come si sente la mamme è un fattore fondamentale nel decidere quando terminare l’allattamento al seno.

Per approfondire: Come e quando smettere di allattare



Pratici consigli per le neomamme
Seguendo la crescita del tuo bambino, una email a settimana con pratici consigli dai nostri esperti per tutto il primo anno e oltre.
  
Proseguendo, confermo di accettare i termini di utilizzo e il trattamento dei miei dati di Periodo Fertile. Accetto il trattamento dati di Envie de Fraise.

Posso fumare, bere alcolici o assumere sostanze stupefacenti?

Se fumate è raccomandato smettere subito per il vostro bene e quello del bambino.

Se non riuscite proprio a smettere  è preferibile allattare comunque perchè l’allattamento al seno può aiutare a proteggere il bambino da problemi respiratori e dalla SIDS.

Fumate sempre lontano dal bambino, cambiatevi di abito prima di allattare  in modo da tenere lontano il bambino dai residui chimici del fumo. Il consiglio ultimo però è cercare il supporto per smettere definitivamente di fumare.

L’alcol va evitato. Se bevete occasionalmente un bicchiere di vino ai pasti  assicuratevi di allattare non prima di due ore dopo averlo bevuto. Niente alcolici e superalcolici

La dipendenza  da sostanze stupefacenti è pericolosa. Droghe come la cocaina, la marijuana,  l’eroina ecc, sono dannose per il bambino.

Posso assumere farmaci se allatto?

Sebbene quasi tutti i farmaci che assumete passa nel latte in piccole quantità, molti non hanno effetto  e possono essere assunti durante l’allattamento.

Confrontatevi SEMPRE  E SOLO con il vostro medico sui farmaci,  sulle vitamine, sui fitoterapici, ecc,  che volete  assumere.

Non dimentichiamoci inoltre che per alcune donne  smettere di prendere un farmaco può essere più pericoloso  degli effetti che il farmaco stesso potrebbe avere sul bambino.

Esiste un sito molto utile  dove informarsi sugli effetti collaterali  si alcun farmaci su i bambini allattati. Si tratta di LactMed®

Si tratta di un database continuamente aggiornato  che contiene informazioni sui farmaci  e altre sostanze chimiche a cui le madri che allattano possono essere esposte. Comprende informazioni sui livelli di tali sostanze nel latte materno e nel sangue dei bambini, e i possibili effetti negativi per il lattante. Vengono suggerite alternative terapeutiche ( che ovviamente vanno discusse con il proprio medico) . Tutti i dati sono ricavati dalla letteratura scientifica.

Visita: LactMed®

Posso allattare se sono ammalata?

Molte donne pensano che sia meglio non allattare se sono indisposte.

Le malattie comuni come la  tosse, il raffreddore, l’influenza o la  diarrea non vengono trasmesse con il latte materno.

Anzi, se  si è ammalate, il latte materno conterrà anticorpi che aiuteranno a proteggere il bambino dal medesimo virus .

Quando non è consigliato allattare?

L’allattamento al seno non è consigliato, ad esempi  se la madre:

  • ha contratto  l’HIV o ha l’AIDS.
  • sta assumendo farmaci antiretrovirali
  • è ammalata di tubercolosi
  • sta facendo la chemioterapia
  • sta facendo la radioterapia

Devo limitare la vita sessuale durante l’allattamento?

No. Ma, se si si soffre di secchezza vaginale, si consigliano più preliminari e lubrificanti a base d’acqua.

Si consiglia di allattare il proprio bambino o spremere il latte  prima di fare l’amore in modo anche per avere meno probabilità di perdite.

Devo usare contraccettivi durante la fase di allattamento?

Molte donne pensano che allattando al seno sia impossibile avere una gravidanza . Non è così

Vi rimandiamo qui  per approfondire: metodi contraccettivi in allattamento

In ogni caso il ginecologo e l’ostetrica sono le figure professionali  di riferimento per fare la scelta migliore in termini di contraccezione.

Cosa posso fare se il bambino  continua a piangere?

Se il vostro bambino non  trova conforto dall’allattamento al seno o da altre tecniche di rilassamento, può essre e che abbia le coliche o che provi  un disagio o un dolore. Parlatene con il pediatra che controllerà il suo stato di salute.

 

Lascia un commento

 Avvisami per ogni commento a questo articolo

 Avvisami delle risposte a questo commento

Se vuoi, aggiungi una foto al tuo commento, verrà elaborata in qualche minuto.