Depressione post partum: sintomi, diagnosi, cura e prevenzione

La depressione post partum (o post parto o postnatale) è una forma di depressione generale che colpisce circa il 10 – 20% delle donne ed esordisce generalmente dopo 3 – 4 settimane dal parto.E’ una cosa seria e va curata sin dall’inizio.

I primi segnali sono rappresentati da stanchezza, fatica e mancanza di energie che spesso non vengono correttamente interpretati. La madre depressa inoltre tende a vivere in modo ritirato e non ammette il proprio disagio.

La depressione post partum ha molteplici manifestazioni cliniche e uno dei pericoli maggiori che corre una donna che ha sofferto di questo disturbo è l’elevato rischio di episodi depressivi futuri.

epressione-mamma

Diagnosi della depressione post parto

Per diagnosticare correttamente una depressione post partum bisogna innanzitutto differenziarla da altre sofferenze psicologiche riscontrabili nel puerperio:

  • MATERNITY BLUES: disturbo dell’umore di lieve entità che non implica conseguenze piscologiche a lungo termine e ha una remissione spontanea entro due settimane. I sintomi, che si manifestano pochi giorni dopo la nascita del bambino, mostrano una certa instabilità emotiva con pianto facile, ansia, paura, preoccupazioni, irritabilità, tristezza, nervosismo, stanchezza, disturbi del sonno e dell’appetito;
  • PSICOSI PUEUPERALE: disturbo dell’umore molto grave e, fortunatamente, poco frequente caratterizzato da depressione, perdita di contatto con la realtà, disturbi della memoria e del pensiero, episodi deliranti e allucinazioni. Questa patologia insorge molti rapidamente o comunque entro i primi due mesi e richiede ospedalizzazione 
  • DISTURBO POST TRAUMATICO POSTNATALE: lo sviluppo di questo disturbo dipende dall’esperienza traumatica del parto. I sintomi insorgono a breve distanza dal parto e consistono in una persistente ritualizzazione dell’evento traumatico attraverso pensieri intrusivi, incubi e flashback. Sono inoltre presenti disturbi del sonno, di concentrazione, di memoria, ipervigilanza, irritabilità e rabbia.

Sintomi della depressione post partum

La sintomatologia della depressione post partum compromette la salute dalla donna e la sua relazione con il bambino.

Mese per mese tante piccole notizie ed idee per stare bene con il piccolo e tutta la famiglia. In regalo il manuale dello svezzamento di Madegus!
  
Proseguendo, confermo di accettare i termini di utilizzo e il trattamento dei miei dati di Periodo Fertile.

I sintomi della depressione postnatale sono:

  • Umore depresso, tristezza;
  • Pianto incontrollato;
  • Sensazione di perdita di valore;
  • Ansia e attacchi di panico;
  • Senso di colpa e autobiasimo;
  • Stanchezza, affaticamento;
  • Eloquio e movimenti rallentati;
  • Perdita di interesse per altre attività tra cui quella sessuale;
  • Disturbi dell’appetito;
  • Ridotta capacità di concentrazione e di prendere decisioni, confusione mentale;
  • Instabilità emotiva;
  • Disturbi del sonno;
  • Ritiro dal mondo;
  • Comportamenti difensivi;
  • Giudizio negativo di sé come cattiva madre;
  • Negazione dei vissuti depressivi;
  • Preoccupazioni ossessive;
  • Senso di disperazione, inadeguatezza e pensieri costantemente pessimisti;
  • Angoscia, pensieri di morte e idee suicidarie.

Conseguenze della depressione

La depressione postnatale compromette il benessere non solo della donna ma anche la salute del figlio e la relazione con il partner.

Questo disturbo ha ripercussioni importanti nella funzione materna e nello sviluppo di una adeguata relazione madre – bambino e si presenta, infatti, come un fattore di rischio per lo sviluppo infantile.

Molte ricerche evidenziano come la depressione postnatale abbia degli effetti a lungo termine sul bambino che comprendono disturbi nell’attaccamento, disturbi cognitivi e sociali e disturbi nello sviluppo.

La depressione postnatale ha inoltre un elevato rischio di ricadute e di comorbilità con altre patologie. Questo disturbo compromette anche la relazione di coppia.

I partner di donne con depressione postnatale hanno inoltre maggiori possibilità di sviluppare un disturbo dell’umore.

Prevenzione della depressione

Un approccio preventivo di educazione pre e postnatale è di fondamentale importanza e permette l’individuazione già nel pre-parto delle donne maggiormente vulnerabili.

Per ridurre il rischio depressivo sarebbe, infatti, utile mettere in atto degli interventi prima della comparsa del disturbo.

Questo tipo di prevenzione primaria può essere fornita anche grazie a degli accoglienti percorsi di accompagnamento alla nascita che permettano alle future madri di trovare spazio per esprimere bisogni, condividere emozioni, informazioni e strategie.

La rete sociale e il supporto reciproco diventano fondamentali soprattutto nel periodo successivo al parto.

La vicinanza, il sostegno e la condivisione sono fattori importantissimi per accompagnare e sostenere la nascita psicologia della madre.

Oltre ad intervenire sui fattori di rischio, diminuendo soprattutto l’isolamento sociale, esiste la necessità di diagnosticare tempestivamente la depressione post partum per poter intervenire in modo adeguato e ridurre le conseguenze a lungo termine per la donna e per il bambino.

Fondamentali i contatti con amici e famiglia

E’ fondamentale che la madre mantenga i contatti con amici e famigliari imparando a chiedere aiuto, rafforzando il rapporto con il partner, cercando di comunicare ed esprimere le proprie emozioni e le proprie necessità.

Amici, partner e famigliari devono prestare attenzione ai comportamenti, imparare a leggere oltre al silenzio offrendo sostegno  nella quotidianità, comprensione e ascolto empatico.

La maternità è complessa

Quando pensiamo alla nascita di un bambino la nostra mente si riempie di immagini di mamme serene e riposate che stringono tra le loro braccia bellissimi e tranquilli neonati.

La pubblicità di prodotti per l’infanzia veicola questo messaggio di bellezza, serenità e perfezione dove tutto sembra naturale e semplice.

La maternità invece è un periodo complesso dove convivono emozioni contrastanti e dove, a volte, sono presenti difficoltà e sofferenza.

Esserne consapevoli permette di contrastare i sensi di colpa, di non percepirsi come cattive madri accettando i propri limiti e imparando a chiedere aiuto.

La donna, prima di tutto, deve imparare ad ascoltare, comprendere e comunicare il proprio malessere e, per fare questo, deve sapere di poter ricevere aiuto, sostegno e incoraggiamento da chi la circonda.

Dott.ssa Federica Marcante

In collaborazione con Etimoè.



Federica Marcante

Laureata in Psicologia Clinica e di Comunità presso l’Università degli Studi di Padova e iscritta all'Ordine degli Psicologi. L'interesse si concentra su tematiche legate alla psicologia della maternità e alle psicopatologie ad essa collegate.

Lascia un commento

18 Commenti

  • CHIEDO UN AIUTO COME MARITO PER LA MIA MOGLIE.CHE LE VOGLIO POCO DA DIRE BENE….LA AMO PIÙ DI QUALSIASI COSA AL MONDO.ORA SONO DISPERATO E VORREI AIUTARLA ANCHE SE HO CAPITO TARDI CHE SI TRATTAVA DI CRISI POST PARTO.SE QUALCHEDUNO MI PUÒ INDIRIZZARE VI SARÒ PIÙ CHE RICONOSCENTE E GRATO .C’ERAVAMO UNA COPPIA PIÙ CHE FELICE…..IO, SI AVEVO PROBLEMI DI COME A CONCEPIRE UN BAMBINO PER GRAVI PROBLEMI LEGATI ALLA SPINA DORSALE -7 VOLTE OPERATO….ALLA COLONA VERTEBRALE MA IN QUALCHE MODO CE LA AMBIAMO FATTA .PARTO E ANDATO BENE..E NATA UNA BELLISSIMA BIMBA.NOSTRA MAJA..FRUTTO DI NOSTRO AMORE..PROPRIO OGGI COMPIE 1 ANNO….PERO IN MEZZO SONO ANDATO IN PENSIONE…DI INABILITA……PURTROPPO LE VITI CHE MI TENGONO LE VERTEBRE BALLANO…E DEVO SUBIRE ANCORA 2 INTERVENTI NEURO CHIR. MOLTO RISCHIOSI….MA LI FARO…SOLO CHE IL GIORNO 03 01 2016 HO FATO UNA COSA VERGOGNOSA… HO BEVUTO….POCO,,MA CON MORFINA CHE ASSUMO PER DOLORI HA FATO REAZIONE E HO COMINCIATO BATTERE CON LA MIA TESTA CONTRO IL MURO DALLA DISPERAZIONE(1080 € DI PENSIONE )……NON HO FATO DEL MALE ALA MOGLIE ! MA LEI HA PRESO LA PAURA( PER CHE AVEVA ZIO CHE ERA VERO ALCOLISTA E SPESSO MINACCIAVA LEI E LA SUA MAMMA . VEDOVA TRA L’ALTRO !) MOGLIE HA PRESO LA BIMBA ED E ANDATA AL GOAP CENTRO ANTI VIOLENZA…HA FATTO BENE…LO SO , PER CHE IN QUEL MOMENTO PROBABILMENTE PENSAVA ALLA SICUREZZA DELLA FIGLIA MAJA E SUA….SOPRATTUTTO IN QUEL ISTANTE SI HA RICORDATO SICURAMENTE DI TUTTO QUELLO CHE LI FACEVA ZIO ALCOLISTA… .POCHI GIORNI DOPO MI SONO RIVOLTO AL CENTRO SPECIALIZZATO PER ALCOLISTI PER CHE IO NON DEVO BERE NEANCHE UNA GOCCIA DI ALCOL CON MORFINA E NEANCHE NON VOGLIO ! MI SONO CURATO CIRCA 70 GIORNI ATTIVAMENTE ED ORA CONTINUO AD CURARMI-ANTABUSE , .PIU GRUPPI ESTERNI LO FACCIO E VOGLIO PER CHE VOGLIO DARE SICUREZZA ALLA NOSTRA FAMIGLIA…..PROBLEMA CHE MI SORGE CHE PER CASO MI HA DETTO UNA VICINA DI CASA CHE MOGLIE POTEVA AVARE CRISI POST PARTO…PER CHE NON ALLATTAVA( NON POTEVA) E NESSUNO DELLE DONNE NON CI ERA VICINO ..COME MAMMA ,ZIA ETC ..PER CHE TUTTO QUESTO VI SCRIVO.PER CHE HA CHIESTO IL DIVORZIO E TUTTI CHE CI CONOSCONO SONO CONVINTI CHE CHE PER QUESTO E POCO PROBABILE E HA SCATURITO UNA DECISIONE COSI…..PER CHE SI VOLEVAMO BENE IMMENSAMENTE E QUESTO AMORE ESISTE ANCORA…..SOLO PARLANDO DI QUESTA CRISI POST PARTO COME POSO AIUTARLA…IO PER MOMENTO NON POSO AVVICINARMI PER DECISIONE DEL TRIBUNALE..MA SE POSSO TRAMITE QUALCHE PROFESSIONISTA AUTORIZZATO AD AIUTARLA VORREI FARLO …E UNA BUONA DONA E MAMMA MERITA TUTTO AIUTO DI QUESTO MONDO…IO CONTINUO A CURARMI E LO FARO….DEVO ESSERE DEGNO DI LEI E DELLA NOSTRA FIGLIA…ORA E LEI IN PRIMO PIANO !!!!!! E IO TROVERÒ QUALCHE SOLUZIONE COME SOPRAVVIVERE CON QUESTA MISERA PENSIONE….COME NOI TRE UNA FAMIGLIA STRA FELICE FINO AL 02.01…STRA FELICE—- NON GIUDICATEMI VI PREGO,,,SO COSA HO FATTO…MA MI CONTINUO A CURARE ORA SE QUALCUNO SA COME AD AIUTARE LA MOGLIE…PER CHE PIÙ CHE LEGGO VARIE COSE CORRELATE…DA PER TUTTO TRA LE PRIME CAUSE APPARE NON ALLATTAMENTO E NON VICINANZA DI UNA FIGURA FEMMINILE—-RIBADISCO….ERAVAMO UNA COPIA AMATISSIMA.QUI NON TRALASCIO E NON MANIPOLO CON LA VERITÀ PER CHE CHIEDO DISPERATAMENTE AIUTO PER LA DONNA CHE E ‘AMICA DELLA VITA E MAMMA DELLA NOSTRA ADORATA MAJA….GRAZIE CHIUNQUE MI DIA UN CONSIGLIO . DISPERATO UOMO…MA NON PER MIA COLLONA VERT,MA PER LA MIA MOGLIE ….GRAZIE

  • ma la depressione post parto può comparire anche piu avanti? sette mesi? sto passando un brutto periodo e ormai dovrei aver superato queste cose invece arrivo a non sopportare più la mia bambina che tanto ho dediderato vorrei che qualcuno se ne accorgesse.

  • Salve…mi chiamo rossella,ho 1 bimba di 11 anni e 1 di 14 mesi.con il piccolo dovrei essere felice ma pultroppo non lo sono mi sento come in un carcere come se mi mancasse l aria.da premettere che prima Dell ultimo figlio lavoravo.certe volte penso perché è nato a me se ci sono tante famiglie che vogliono dei figli.però lo amo.potresti darmi un consiglio come reagire?grazie

  • Salve dottoressa. Io sono una mamma di 2 bambini 5 e 7 . Adesso sono alla terza gravidanza e sono alla 34 esima settimana. Del primo figlio ho avuto depressione post parto ho avuto 5 mesi brutti…con rifiuto totale del bambino e infine il NON ESSERE CAPITA DA NESSUNO…sta di fatto che mi sono ripresa e con la seconda gravidanza sono stata bene. Adesso sono alla terza e essendo a fine ormai con l arrivo della piccola..adesso riscontro dei problemi di connessione con mio marito,vengo incolpata su tutto ..rimproverata quando i bambini fanno capricci…insomma nonostante sia una mamma che si da da fare x i figli e la casa vengo disprezzata. In ogni occasione e in presenza di amici e parenti. Adesso cerco di stare in disparte da lui propio x nn subire umiliazioni. Il dott mi ha messo a riposo x la gravidanza quindi quando ce mio marito che rientra da lavoro cervo di riposare e stare da sola. Tante volte nn ceno nemmeno pur d non sentirlo contro di me. Io sono preoccupata x quando nascerà la bambina..mi sento depressa e sola…che mi consiglia di fare???

  • Salve, sono carola ho 22 anni e ho partorito christian a 17, è stata una gravidanza voluta e pensavo sarebbe andato tutto bene che sarebbe stata la cosa piu bella della mia vita ma non lo e mai stato io e il mio ex abbiamo sempre vissuto con I suoi genitori mia suocera non faceva altro che starmi con il fiato sul collo sempre a dirmi cio che dovevo o non dovevo fare e il mio ex era u litigio continuo ogni giorno per non parlare delle volte che mi alzava le mani mi sentivo in gabbia soffocata non potevo stare dietro al bambino e non lo volevo finche un giorno ho lasciato tutto e me ne sono andata lasciando il bambino con mia suocera sono scomparsa per due anni senza volerne piu sapere niente e adesso da circa un mese ho deciso di rivedere mio figlio che che ha quattro anni ma quando lo vedo beh mi sento un estranea l ho lasciato che aveva 1 anno e mezzo e ora e cone se non lo riconoscessi e come se fosse un altro bambino mi sento in colpa per averlo messo al mondo e nn avergli dato cio che meritava mi sento un peso addosso e chiunque mi dice ma come hai fatto ma quello e tuo figlio me lo fa sentire ancora di piu un peso e I sensi di colpa mi divorano io mi sforzo a farmi uscire quel sentimento forte ma non penso potro provarlo per lui dato che io non l ho mai provato non so come fare ogni volta che ne parlo mi viene da piangere mi sento una persona incompleta a cui manca qualcosa e bo paura di non uscirne piu vorre buttarmi tutta questa storia alle spalle ma non ci riesco lui e il mio bambino solo perche l ho partorito io ma del resto non lo sento mio e forse non l ho mai sentito e tutto questo mi fa sentire in colpa tanto in colpa…

  • Salve sono straniera ho una bimba di 16 mesi ma ho letto quasi la maggior parte dei sintomi ce l’ho ..E mi fa paura cmq quel distacco tra mamma e bimbo ringrazio Dio nn ce l’ho . Ma ciò sempre paura di quello che li può succedere nel futuro ho quel paura che prende i cattivi carattere che ho E perdite di memoria mi sono fatta pure rx ma tutto a posto e mio marito ne paga le conseguenze nn ho nessun attrazione verso lui a volte faccio finta x nn farlo rabbiare e la solitudine e il pane contidiano pure prima della gravidanza . Il fatto di sentirmi stanca e nn voglia di fare niente quello lo notato in questi due tre ultimi mesi vi prego il vostro aiuto vi ringrazio.

  • Salve dottoressa, da circa 15 mesi cioè da quando è nato mio figlio mi sento piena di rabbia soprattutto nei confronti del mio compagno e della sua famiglia. Questo avviene da quando sua madre in ospedale, appena partorito , mi tolse il bimbo dalle braccia dicendomi che lo viziavo. Io non riuscii a reagire xke avevo fatto il cesareo e mi sentivo esausta e il mio compagno non mi aiuto’. Devo dire che io sono sempre stata più una persona che subisce e non reagisce però da allora mi sento una madre incapace e mi viene da piangere xke penso che non sono stata capace di difendere mio figlio. Tutto questo sta rovinando il rapporto con il mio compagno xke a ogni lite tiro fuori questo episodi. Secondo lei soffro di depressione. ? La ringrazio. Saluti.

  • Ciao mi chiamo ailen e da quando ho partorito mi hanno successo dei cambiamenti e mi sento molto stanca e in ansia è che mi gira sempre la testa .sono andata al ospedale e mi ho fatto mille analisi e erano tutto a posto e adesso legenda dei sintomi della depresione post parto jo visto che sOno i miei stessi sintomi solo che io ho uno in più e ciò è che mi gira sempre la testa e mi sento di svenire .vorrei il suo aiuto per dirmi cosa devo fare o dove devo andare a chiedere aiuto per finire questa depressione .saluti

  • Salve,pultropp leggendo questa pagina ho rivisto il comportamento della mia compagna,la quale sostiene di avere il cancro alle ossa,che crede di morire a breve,e poi non sto ad elencare,cmq noi uomini siamo delle vittime,e vorrei avere un suggerimento di come comportarmi,grazie

  • Cara dottoressa mia moglie è arrivata al punto di dirmi che soffre talmente tanto il fatto che non riesce ad avere rapporti con me a dire suo che vorrebbe tornare a casa sperando che io sia il suo migliore amico e non dover pensare al resto e capisce che il miio nervosismo in casa sia dovuto dal fatto che non sfogo in quel senso quindi come soluzione dovrei andare con altre donne e fare una vita insieme sotto lo stesso tetto per il bene della famiglia ( abbiamo 3 figli 1 di 8 anni e 2di 4) e fuori ….. sottolineando il fatto che lei in questo momento è bloccata da quel verso e si sente solo madre non prova attrazioni per nessun altro non si gira piu neanche se vede un bel ragazzo come gli capitava prima. Sto cadendo nelle incertezze io vorrei aiutarla leinon vuole affrontare l’l’argomento sessuale anzi si arrabbia non vorrei essere caduto in un amore patologico cosa potrei fare per capire entrambe le situazioni?

  • Salve dottoressa grazie innanzitutto x i suoi consigli mi sono stati molto utili…adesso il mio bimbo a quasi 3 mesi e veramente un bimbo buonissimo piange di rado a meno che non abbia qualcosa.quello Ke vo levò dirle e Ke a distanza di 3 mesi tra alti e bassi la mia ansia e paura sono rimasti purtroppo, la mia paura più grande ke mi ossessione e non potermi prendere cura dei miei bimbi a causa dei miei malanni e x la terribile ansia Ke mi assale e Ke poi scaturisce in un attacco di panico x Ke guardo i miei bimbi e sto peggio xke mi sentirei in colpa x tutta la vita se accadesse questa cosa cioè avere la depressione e non potermi prendere cura di l’ora amo i miei bimbi farei di tutto x l’ora allora xke mi succede tutto questo non mi sono rivolta ad uno specialista xke non sono stata molTo male in queste settimane quindi o preferito aspettare ma adesso nn più…grazie dottoressa la prego mi risponda e mia un altro consiglio è se x favore potrebbe dirmi il motivo super giu quale potrebbe essere

  • Salve dottoressa sono sempre io…allora volevo farle sapere ke dopo quei 5 o 6 giorni dalla nascita del bimbo mi sono ripresa o ricominciato a dormire e mi sono goduta questo pieno periodo di tranquillita’.ma pultroppo devo dire ke a distanza di un mese del bimbo i miei sintomi sono comparsi e sono ansia paura terribile di cadere in depresdione e attacchi di panico con conseguenza insonnia non penso nulla di negativo sul bimbo o la bambina ansi continuo a stare male x loro xke penso e se no riesco a dormire piu e saro’ troppo stanca x accuparmi di loro come faro’ nella mia mente ci sono continui pensieri negativi ke sono e se mi ammalo e se mi ricoverano in pissichiatria e se non posso.occuparmi piu di loro come faranno i bambini senza di me e se non riesco …mi frullano tante di queste cose in testa ke oramai non riescono piu ad andare via dalla mia mente.premetto ke ne parlo cn mio marito e lui mi sostiene molto ma avvolte penso ke lui non capisca veramente quello ke provo o sento vorrei un consiglio anche se so gia a priori ke devo parlare con un specialista e spero vivamente di potermi riprendere al piu presto x i miei familiarinib cmq dottoressa grazie x il suo consiglio precedente e una buonanotte …

  • Salve dottoressa sono sempre io…allora volevo farle sapere ke dopo quei 5 o 6 giorni dalla nascita del bimbo mi sono ripresa o ricominciato a dormire e mi sono goduta questo pieno periodo di tranquillita’.ma pultroppo devo dire ke a distanza di un mese del bimbo i miei sintomi sono comparsi e sono ansia paura terribile di cadere in depresdione e attacchi di panico con conseguenza insonnia non penso nulla di negativo sul bimbo o la bambina ansi continuo a stare male x loro xke penso e nella mia mente ci sono continui pensieri negativi ke sono e se mi ammalo e se mi ricoverano in pissichiatria e se non posso.occuparmi piu di loro come faranno i bambini senza di me…mi frullano tante di queste cose in testa ke oramai non riescono piu ad andare via dalla mia mente.premetto ke ne parlo cn mio marito e lui mi sostiene molto ma avvolte penso ke lui non capisca veramente quello ke provo o sento vorrei un cobsiglio anche se so gia a priori ke devo parlare cb un specialista e spero vivamente di potermi riprendere al piu presto x i miei familiarinib cmq dottoressa grazie x il suo consiglio precedente e una buonanotte …

  • Buongiorno io ho un bimbo di quasi 3 anni e volevo sapere se la depressione post partum può venire anche ora xche’ sono un paio di mesi che ho tutti i sintomi sopra descritti…e cosa posso fare..grazie

  • Credo di aver avuto la depressione dopo il parto,me ne sto rendendo conto adesso perché i sintomi sono troppo evidenti.ho cercato di nasconderlo a tutti ma adesso mi sento scoppiare,ad oggi il mio compagno non si è acconto di nulla,mi vergogno di me stessa come persona e come mamma.

    • L’averlo capito é già un piccolo passo…brava…le cure ci sono…fatti aiutare ed affidati a qualcuno di esperto…un abbraccio

  • Credo di essere incinta ho 20 anni e jon sovone comportarmi è possibile che la depressione venga anche prima….