Come curare le smagliature al seno?

Le smagliature al seno (come quelle che compaiono in alre aree del corpo)  si sviluppano quando lo strato superiore della pelle si espande o si contrae più velocemente dello strato sottostante.

La maggior parte delle smagliature presentano un andamento lineare o ramificato, in concomitanza delle aree dove la pelle si è assottigliata e i tessuti si sono danneggiati.

Non si può fare tantissimo per contrastare la loro comparsa, si possono usare creme per idratare la pelle,  per ridurre l’infiammazione, per fornire un’azione antiossidante e stimolare la produzione cellulare e di collagene.

Una volta che sono comparse diventano difficili  da trattare efficacemente.
La terapia laser si è dimostrata in grado di  di migliorare le smagliature dal 50 al 75 per cento dei casi ma è un trattamento costoso e che richiede diverse sedute.

Perchè le smagliature al seno compaiono in gravidanza?

Una revisione del 2017 ha calcolato che circa il 55-90% delle donne in gravidanza vede comparire le smagliature.

Mese per mese tante piccole notizie ed idee per stare bene con il piccolo e tutta la famiglia. In regalo il manuale dello svezzamento di Madegus!
  
Proseguendo, confermo di accettare i termini di utilizzo e il trattamento dei miei dati di Periodo Fertile.

Le smagliature compaiono quando ci sono veloci cambiamenti di peso o di dimensioni, come accade quindi durante la pubertà o in gravidanza.

La pelle che copre il seno è più sottile di quanto non sia in molte altre parti del corpo, e ciò la rende più vulnerabile alla loro comparsa, soprattutto in gravidanza.

Le smagliature compaiono inizialmente come delle striature rosate o violacee, ma con il passare del  tempo  diventano sottili cicatrici bianche.

smagliature al seno

Come si possono trattare le smagliature al seno?

Anche dopo anni di terapia, la maggior parte delle smagliature vengono solo ridotte o rese meno evidenti, ma mai completamente cancellate.

I rimedi più comuni per aiutare a ridurre l’aspetto delle smagliature del seno comprendono

  • Massaggio: il massaggio stimola il flusso di sangue e la circolazione nei tessuti del seno danneggiati, favorendo la riduzione delle smagliature. Il massaggio si esegue con  i polpastrelli, applicando delicatamente una pressione in concomitanza delle smagliature  con  movimenti circolari ripetitivi per alcuni minuti più volte al giorno. Ci vogliono mesi o anche  anni per notare qualche miglioramento.
  • Idratazione:  i tessuti del corpo devono essere idratati. Quando i tessuti e le cellule sono disidratati, si restringono e se  si restringono, può aumentare l’estensione delle smagliature
  • Esfoliazione: miscele esfolianti come l’olio d’oliva e lo zucchero bianco, possono aiutare a rimuovere lentamente gli strati di pelle danneggiata e favorire la ricrescita del tessuto sano.

Alcuni estratti di erbe e oli essenziali possono  aiutare a ridurre le smagliature del seno.

I rimedi naturali più comuni per le smagliature includono:

  • olio di mandorle
  • olio di ricino
  • vitamina E
  • vitamina C
  • olio d’oliva
  • olio di cocco o burro di karité
  • olio di rosa canina
  • estratto di Centella asiatica
  • collagene marino ed elastina
  • olio di semi d’uva
  • albumi
  • aloe
  • olio di germe di grano

Se chiedete al vostro erborista vedrete che esiste un’ampia varietà di creme per smagliature. Le creme elasticizzanti più popolari e testate spesso contengono una miscela degli ingredienti sopra elencati.

Attenzione ad usare solo prodotti compatibili con la gravidanza e/o l’allattamento se siete in dolce attesa o state allattando al seno. 

Farmaci

La maggior parte dei farmaci contro le smagliature sono a base di derivati della vitamina A . Non vanno mai utilizzati in gravidanza a in allattamento. Vanno sempre prescritti dal medico e assunti secondo le sue indicazioni.

I farmaci più comuni contro le smagliature sono a base di tretinoina, una forma di vitamina A sintetica. È stato dimostrato che le creme di tretinoina con concentrazioni superiori allo 0,05% migliorano le smagliature dovute alla gravidanza fino al 47%.

Altri farmaci contro le smagliature sono rappresentati da:

  • gel al silicone o a base di collagene
  • creme contenenti acido ialuronico
  • creme con almeno il 20% di acido glicolico
  • creme con almeno il 10% di acido ascorbico
  • creme con almeno lo 0,05% di acido retinoico

Questi farmaci agiscono stimolando la produzione di collagene e la crescita cellulare, oltre a migliorare l’elasticità e l’idratazione della pelle.

Chirurgia per le smagliature al seno

Le tecniche chirurgiche comunemente usate per trattare le smagliature del seno includono:

Laser terapia

La terapia laser è l’unico trattamento dimostrato in grado di ridurre in modo significativo l’aspetto delle smagliature. La terapia laser utilizza fasci di luce per rompere il tessuto cicatriziale e stimolare i tessuti danneggiati.

Si tratta però di terapie costose che richiedono  fino a 20 sedute nell’arco di diverse settimane per avere una riduzione del 20-60% nell’aspetto delle smagliature.

Ulteriori trattamenti per le smagliature sul seno includono:

  • iniezione di collagene
  • tecniche avanzate di radiofrequenza
  • microdermoabrasione
  • chirurgia estetica per rimuovere o sostituire  le cicatrici con nuova pelle

Come prevenire le smagliature al seno

Ci sono alcuni farmaci o rimedi naturali che possono aiutare a prevenire la comparsa delle smagliature al seno  anche se non ci sono prove scientifiche a supporto della loro efficacia.

Secondo uno studio del 2013 un rimedio contenente idrossipolisilano C, olio di rosa canina, estratto di Centella asiatica e vitamina E,  riduce  il rischio di smagliature del seno durante la gravidanza del 30 percento nelle donne senza una storia della problematica. Le donne nello studio che hanno ricevuto il trattamento ma hanno comunque  sviluppato le smagliature, hanno manifestato smagliature meno evidenti.

Ulteriori opzioni preventive con alcune evidenze cliniche includono l’uso regolare di:

  • cacao, burro di karitè o olio di cocco
  • olio d’oliva
  • olio di mandorle amare
  • olio di vitamina E


Elena

Biologa ad indirizzo fisiopatologico, laureata con lode all’Università di Padova, nel 2007 dopo il primo “mi spiace non c’è più battito”, con mio marito diamo vita a Periodofertile.it, un punto di informazione e di incontro per donne e mamme.
Attualmente sto seguendo un Master di II livello presso l'Università di Padova in Tecniche di Procreazione Medicalmente Assistita e Scienze della Riproduzione Umana.

Lascia un commento