Cistite: rimedi naturali e medicina officiale

Perché noi donne soffriamo così spesso di cistite?

Il canale urinario femminile, rispetto a quello maschile, è anatomicamente più corto e per questo più facilmente contaminabile. E’ importante quindi, durante l’igiene quotidiana, la corretta pulizia delle parti intime esterne con movimenti dalla vagina verso l’ano. Nei rapporti sessuali quando c’è sia penetrazione vaginale che anale è fondamentale svuotare inizialmente la vescica per evitare il trasporto di germi.

Altri fattori:

  • cattiva igiene
  • rapporti sessuali senza l’uso del preservativo
  • uso di tamponi vaginali
  • uso di detergenti intimi che alterano il ph
  • uso di spermicidi
  • alimentazione non corretta
  • cure con antibiotico

La prevenzione assoluta che possiamo fare nei confronti della cistite è quella di bere moltissimo e di far caso se la cistite che abbiamo è legata ad una possibile alterazione della defecazione o delle mestruazioni o di un utilizzo del forcipe durante il parto o se state prendendo degli antibiotici.

Mese per mese tante piccole notizie ed idee per stare bene con il piccolo e tutta la famiglia. In regalo il manuale dello svezzamento di Madegus!
  
Proseguendo, confermo di accettare i termini di utilizzo e il trattamento dei miei dati di Periodo Fertile.

Sintomi della cistite

  • difficoltà nell’urinare: l’urina viene eliminata goccia a goccia
  • dolore e bruciore nella minzione
  • dolore sopra il pube
  • sensazione di non aver svuotato completamente la vescica
  • bisogno continuo di urinare
  • possibile perdita di sangue con l’urina

Esistono anche casi di cistiti senza sintomi.

Attraverso degli esami è possibile scoprire quali sono le colonie presenti in cultura. Una donna in gravidanza o che prende la pillola anticoncezionale o che ha il diabete sono i soggetti più sensibili a questa affezione.

La medicina ufficiale propone una terapia a base di antibiotici, disinfettanti urinari e antifiammatori, ma esistono anche dei rimedi naturali. Ovviamente è sempre da consigliare la consultazione del medico di famiglia.

I rimedi naturali

I rimedi naturali propongono:

  1. Riportare i valori di ph ai valori normali attraverso l’assunzione di succo di porro e limone, bevendo un cucchiaino da caffè di sale citrato in poca acqua 2 volte al giorno oppure un cucchiaino di bicarbonato di sodio in poca acqua.
  2. Evitare carni, crostacei, acciughe, tè,caffè, zucchero, insalate, prugne, fagioli, spinaci.

Vi consiglio di bere 300ml al giorno di succo di mirtillo.

14966054_s

La cistite nelle bambine

Le bambine, praticando una scorretta igiene intima, possono presentare frequentemente episodi di cistite. La prevenzione viene fatta insegnando loro come ci si lava, dall’avanti all’indietro. Dovrebbero utilizzare un detergente lievemente acido.

La cistite nella giovane donna

La causa principale è il rapporto sessuale non protetto perché c’e una risalita batterica dall’uretra. La cistite può essere anche legata ad un microtrauma dell’uretra per una scarsa lubrificazione.

Urinare subito dopo il rapporto per allontanare i batteri può essere una prevenzione.

La cistite in gravidanza

Le modificazioni ormonali sono la maggiore causa della cistite in gravidanza. Il progesterone diminuisce il tono muscolare dell’uretere e dell’uretra.

Già dalle prime settimane di gravidanza si verifica una dilatazione (fisiologica) a carico dell’uretere e del bacinetto, con il crescere della pancia poi avviene una compromissione di queste strutture e c’è un dislocamento laterale dell’uretere. Se aggiungiamo la possibilità che in gravidanza si accentuino i fenomeni di stitichezza, la possibilità di avere una cistite aumenta notevolmente.

In gravidanza, le infezioni urinarie non trattate si associano a:

  • aborto
  • rottura prematura delle membrane
  • parto pretermine.

In attesa di visite e analisi potete assumere

Tintura di Pilosella, 40 gocce al mattino e potete fare un decotto con 50gr di foglie di Malva e 50gr di radici di Gramigna. Ne mettete un cucchiaio in mezzo litro di acqua  e ne bevete 2-3 tazze al giorno.

Il mirtillo agisce favorevolmente sulle infezioni delle vie urinarie e riequilibra la flora intestinale. La Malva e la Gramigna aiutano nelle infiammazioni della vescica come la Pilosella.

La cistite nella terza età

A questa età avviene una atrofia delle mucose, aumenta la stipsi e c’e una diminuzione delle difese immunitarie. Fondamentale è quindi migliorare la funzione intestinale, migliorare il trofismo dei genitali esterni, migliorare le difese immunitarie.

La cistite in menopausa

Con la menopausa gli estrogeni sono quasi del tutto assenti e c’e una alterazione del sistema vaginale. Molte donne in menopausa presentano dei prolassi vescicali che portano ad uno scorretto svuotamento della vescica. Si interviene localmente con ovuli e creme a base di estrogeni e insieme ad una ostetrica si fa un programma riabilitativo perineale per migliorare lo svuotamento vescicale.

Raccomandazioni generali contro la cistite

  • bere almeno un litro e mezzo di acqua al giorno.
  • alimentarsi in modo sano e vario evitando il consumo di cibi e bevande che possono irritare l’intestino.
  • indossare biancheria intima di tessuto naturale.

Ostetrica Sara



Lascia un commento

2 Commenti

  • Ciao a tutte, ho avuto spesso la cistite e finivo sempre per prendere l’antibiotico, ahimé :worried: Poi ho trovato un prodotto farmaceutico che disinfettava le urine ed evitava l’antibiotico.
    Qualche hanno fa mi hanno suggerito di applicare ai primi bruciori dello yogurth magro con fermenti lattici vivi vicino all’uretra, utilizzando un assorbente per evitare di sporcare gli slip. L’ho provato già diverse volte e ho evitato l’arrivo dei bruciori forti della cistite. Già la sensazione di fresco blocca il fastidio, in più i fermenti lattici attirano fuori i batteri. Ovviamente se questo non funziona bisogna ricorrere ad altre cure.
    Una volta ho provato anche con mio figlio quando aveva un anno e mezzo (la cistite viene anche ai maschietti) e il fastidio gli è sparito.