Mestruazioni e allattamento al seno

Sponsorizzato

Come cambia al produzione di latte in caso di arrivo delle mestruazioni (capoparto) e ripresa dei cicli mestruali normali. Tantissime donne ci scrivono preoccupate perché temono di non poter più allattare dopo l’arrivo del capoparto.

Abbiamo chiesto all’ostetrica Ilaria Orzi di rispondere ad alcune curiosità sul tema

Si può continuare ad allattare durante le mestruazioni?

Ci sono alcune situazioni che possono far variare, temporaneamente, la produzione di  latte che quindi va ad adattarsi alle nuove condizioni che si vengono a creare?

Ad esempio:

  • il ritorno al lavoro,
  • lo svezzamento,
  • la ripresa del ciclo mestruale
Mese per mese tante piccole notizie ed idee per stare bene con il piccolo e tutta la famiglia. In regalo il manuale dello svezzamento di Madegus!
  
Proseguendo, confermo di accettare i termini di utilizzo e il trattamento dei miei dati di Periodo Fertile.

In tutte questo casi si può continuare ad allattare senza problemi?

Può capitare che il bambino  alla comparsa della prima mestruazione sia leggermente irritato,nervoso e chieda di essere attaccato con più frequenza,oppure  che si attacchi e stacchi continuamente perché più irrequieto del solito. Il latte nei giorni delle mestruazioni può temporaneamente subire una alterazione del gusto e della quantità. Continuando ad allattare però il bambino si abitua anche a questi cambiamenti mensili.

357111_s

Anche il ritorno al lavoro e quindi il cambiamento delle abitudini e i ritmi quotidiani possono temporaneamente far variare la produzione di latte, che velocemente si adatta alle nuove condizioni. Se si  desidera perseguire l’allattamento è necessario continuare ad allattare o a tirarsi il latte se si sta lontani dal bambino. Lo stesso svezzamento fa cambiare i ritmi delle poppate giornaliere, e anche in questo caso continuando ad allattare negli altri momenti della giornata, la produzione di  latte ritroverà un nuovo equilibrio.

Il latte cambia di composizione con il passare dei mesi?

Il latte materno è un alimento oserei dire “magico” . Dai primi mesi del neonato in poi  il latte si modifica parallelamente alla crescita del bambino per far fronte alle sue esigenze nutrizionali. Mano a mano che il bambino cresce ha bisogno che siano introdotti nuovi alimenti che verranno proposti gradualmente a partire dal sesto mese compiuto, pertanto la donna potrà continuare ad allattare iniziando contemporaneamente lo svezzamento. Intorno a questo periodo il latte materno non è più da solo sufficiente a ricoprire le esigenze nutrizionali del bambino, ma è sempre importante per completare la sua alimentazione, fino al completo “svezzamento dal seno” che avverrà intorno al 15-18esimo mese di vita del bambino.

Con la collaborazione di :

Ostetrica Ilaria Orzi  – Casa Maternità  La via Lattea (MI)

In collaborazione con AIO: Associazione Italiana di Ostetricia

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!