Allattamento: consigli per una corretta alimentazione

Articolo offerto da Nestlé MATERNA

Non so se sia possibile allattare il proprio bambino con il proprio latte e non scoprire qualcosa di nuovo sull’amore”.

Deborah Meyler, scrittrice

L’allattamento è un momento di connessione profonda tra la mamma e il suo bambino: tutto ha inizio quando il neonato manifesta il bisogno, prima che di essere nutrito, di entrare in relazione, di essere “riconosciuto”. Con il seno il piccolo soddisfa un’esigenza emotiva ancora prima che alimentare: trova nella mamma l’amore, il calore e la sicurezza che diventeranno la base sicura per muovere i suoi primi passi nel mondo, certo che ad attenderlo al suo ritorno, troverà sempre un porto sicuro pronto ad accoglierlo.

L’allattamento è un tema che tocca da sempre corde molto profonde: il contatto con la mamma, la sensazione di calore, il suono della voce, saranno la prima bussola del neonato che scopre il mondo. Se per il piccolo è un’esperienza davvero importante, non da meno lo è per la mamma: è un’opportunità per sintonizzarsi sui bisogni del proprio bambino, per iniziare a conoscerlo. L’allattamento non solo funziona come “antistress” per mamma e bambino, ma aiuta anche la donna a riprendersi dalle fatiche della gravidanza e del parto e a tornare più rapidamente in forma.

Imperdibile per le neomamme
Mese per mese i consigli migliori per te ed il tuo bambino.
  
Proseguendo, confermo di accettare i termini di utilizzo e il trattamento dei miei dati di Periodo Fertile.

 

Nei primi delicati attimi in cui mamma e bambino imparano a conoscersi ed entrare in sintonia, è fondamentale che la neomamma riceva rassicurazioni, attenzione e vicinanza: il ruolo del papà è anche in questo caso più importante che mai, soprattutto se la donna incontra qualche normale momento di sconforto dato dalla stanchezza o da qualche intoppo nel percorso. Chi le sta accanto dovrebbe ricordarle ancora una volta il grandissimo regalo che sta facendo a se stessa e al suo bambino.

Le propietà del latte materno

Il latte materno è un alimento prezioso, senza dubbio il migliore per il neonato: oltre ad essere la prima immunizzazione per il piccolo, la quantità e qualità di proteine presenti al suo interno influiscono su numerosi aspetti della sua crescita e salute, sia nel breve che nel lungo termine, garantendogli l’apporto proteico ottimale con una qualità talmente elevata da essere in grado di adattarsi a tutte le sue esigenze nel corso dello sviluppo.

Con l’allattamento la mamma trasmette parte delle sue difese immunitarie: questa azione è importante perché alla nascita le difese naturali del bambino sono ancora immature e non completamente funzionali. Inoltre, tra gli altri fattori, il latte materno contiene anche fermenti lattici (bifidobatteri e lattobacilli), importanti per lo sviluppo della flora intestinale.

L’allattamento al seno è pertanto essenziale per accrescere e fortificare il sistema immunitario del neonato.

Il benessere della mamma in allattamento

In questa fase di transizione così delicata per la mamma, il cui organismo deve adattarsi a un ulteriore cambiamento dopo il parto, è importante continuare a prendersi cura di sé, con la stessa costanza e le attenzioni della gravidanza.

Naturalmente, con il piccolo da accudire e la nuova vita scandita dai ritmi imposti dal neonato sarà necessaria una maggior organizzazione ma è davvero importante che la neomamma trovi del tempo da dedicare al suo benessere, in primo luogo all’alimentazione, fonte di nutrimento per se stessa e per il bambino.

Nel periodo dell’allattamento il fabbisogno calorico aumenta in proporzione alla produzione del latte e l’organismo va sostenuto con scelte alimentari adeguate a soddisfare le nuove esigenze.

Valgono le stesse regole della gravidanza: limitare il caffè, eliminare fumo e alcolici  e puntare su varietà e qualità. Ciò che conta è scegliere cibi leggeri, facilmente digeribili e di grande valore nutritivo, ricchi di calcio, zinco, iodio, proteine, vitamina A, vitamine del gruppo B, vitamina D e acqua. Si suggeriscono le verdure fresche, la frutta, i cereali (pane, riso, pasta, orzo) carni bianche, pesce, legumi, uova e latticini.

Ci sono altri alimenti invece che è bene limitare perché potrebbero alterare il sapore del latte: sono cibi dal sapore più intenso come cipolla, aglio, peperoni, cavolfiore e cavoli, pesce affumicato e spezie molto saporite come il curry. Non sono cibi “sconsigliati” di per sé ma è preferibile introdurre gusti a cui il bambino non è abituato con moderazione.

Una dieta corretta è sicuramente il punto di partenza per garantire il giusto nutrimento al neonato. Tuttavia, nella popolazione adulta, in particolare nelle neo-mamme, l’assunzione di alcuni nutrienti funzionali potrebbe non essere adeguata a soddisfare gli elevati fabbisogni (come minerali, vitamine, DHA, etc).

Le proprie abitudini alimentari e l’impossibilità di reperire in ogni occasione cibo sufficientemente fresco da mantenere intatte le sue proprietà nutritive, non sempre consentono di avere in tavola i nutrienti più importanti nelle quantità ottimali: in questo caso gli integratori alimentari possono essere un valido aiuto, in quanto forniscono un apporto predefinito di vitamine, minerali e altri nutrienti funzionali come Nestlè MATERNA con DHA, un integratore alimentare multivitaminico – multiminerale, formulato per apportare le vitamine e i minerali utili durante la gravidanza e l’allattamento.

Contiene Ferro, Zinco e Vitamine (B6, B12, C, D e Acido Folico) per supportare la normale funzione del sistema immunitario, e DHA per contribuire al normale sviluppo cerebrale e degli occhi nel feto e nel lattante allattato al seno (se ne vengono assunti ogni giorno 200 mg, in aggiunta all’apporto di 250 mg di DHA e EPA, consigliati in generale per l’adulto). Sono presenti anche Ferro e Vitamina B12 per contribuire alla fisiologica formazione dei globuli rossi.

Nestlé Materna

L’ascolto e la cura di sé rimane sempre il punto di partenza: imparare a nutrire se stesse per dare il giusto nutrimento al proprio bambino è uno dei segreti per affrontare con serenità anche i cambiamenti più importanti.

Gli integratori non vanno intesi come sostituti di una dieta varia ed equilibrata e di uno stile di vita sano.

Valentina Desario